Home Eight O’Clock in the Morning Mosca annuncia un nuovo tentativo di evacuazione presso lo stabilimento Azovstal

Mosca annuncia un nuovo tentativo di evacuazione presso lo stabilimento Azovstal

13
0

L’esercito russo interromperà le sue attività per tre giorni nell’impianto assediato per consentire l’evacuazione dei civili

L’esercito russo ha annunciato una nuova pausa unilaterale nelle sue operazioni presso l‘acciaieria Azovstal a Mariupol, promettendo di aprire corridoi umanitari per i civili che si dice siano rintanati nella struttura. L’acciaieria rimane l’ultima roccaforte sotto il controllo dei militari ucraini e dei membri del reggimento neonazista Azov in città.

“In accordo con la decisione della leadership russa, basata sui principi umani delle forze armate russe … apriremo un corridoio umanitario dal territorio dell’acciaieria Azovstal per evacuare i civili (lavoratori, donne e bambini), la cui presenza nelle strutture sotterranee dell’impianto è state ancora una volta rivendicata da Kiev”, hanno affermato i militari alla fine di mercoledì.

Potrebbe interessarti:
POMPE IDROVORE PER STANARE 3000 NAZISTI DEL REGGIMENTO UCRAINO AZOV NEI SOTTERRANEI DELL’ACCIAIERIA DI AZOSTVAL
I LABORATORI SEGRETI DELLA NATO A MARIUPOL

Il corridoio umanitario sarà aperto per tre giorni, da giovedì a sabato, tutti i giorni dalle 8:00 alle 18:00 ora di Mosca. I civili che evacuano dall’impianto saranno liberi di andare dove preferiscono, se desiderano evacuare nei territori sotto il controllo ucraino o russo. Domenica diverse centinaia di civili sono stati evacuati dai bunker di Azovstal in uno sforzo umanitario facilitato dalle Nazioni Unite e dalla Croce Rossa Internazionale.

Negli ultimi due giorni, tuttavia, lo stabilimento di Azovstal ha visto intensificarsi i combattimenti, suscitando il timore che le truppe russe e di Donetsk abbiano deciso di lanciare finalmente un assalto. L’operazione per prendere d’assalto la struttura è stata annullata il 21 aprile dal presidente russo Vladimir Putin, che ha invece ordinato di bloccare l’impianto.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha spiegato il picco dei combattimenti all’inizio della giornata, dicendo che l’esercito russo e i suoi alleati hanno semplicemente represso i tentativi delle unità assediate di assumere posizioni migliori durante le pause umanitarie.

“Non c’è nessun assalto. Vediamo che si verificano riacutizzazioni quando i militanti escono per assumere postazioni di armi. Questi tentativi vengono repressi abbastanza prontamente”, ha detto.

La Russia ha attaccato lo stato vicino alla fine di febbraio, in seguito alla mancata attuazione da parte dell’Ucraina dei termini degli accordi di Minsk, firmati per la prima volta nel 2014, e all’eventuale riconoscimento da parte di Mosca delle repubbliche del Donbass di Donetsk e Lugansk. Il protocollo di Minsk mediato da Germania e Francia è stato progettato per conferire alle regioni separatiste uno status speciale all’interno dello stato ucraino.

Da allora il Cremlino ha chiesto che l’Ucraina si dichiari ufficialmente un paese neutrale che non si unirà mai al blocco militare della NATO guidato dagli Stati Uniti. Kiev insiste che l’offensiva russa è stata completamente immotivata e ha negato le affermazioni che intendeva riprendere le due repubbliche con la forza.

Fonte RT

Previous articleUSA, LEGGE DEL 2018 FIRMATA DA DONALD TRUMP VIETA FINANZIAMENTI E FORNITURE DI ARMI AL BATTAGLIONE UCRAINO AZOV | GOVERNO USA NELLA PIENA ILLEGALITÀ
Next articleTRUMP CONTINUA A SUPPORTARE MUSK PER IL SUO ACQUISTO DI TWITTER