Database Italia

Mosca giura vendetta se l’UE interromperà il Nord Stream 2

MOSCA / BRUXELLES – Dopo che giovedì gli eurodeputati dell’UE hanno chiesto sanzioni per l’avvelenamento di Alexey Navalny, figura dell’opposizione russa politicamente irrilevante, Mosca ha affermato che la mossa alimenta semplicemente l’isteria anti-russa e mira a interrompere il progetto Nord Stream 2.

La risoluzione del Parlamento europeo chiede un’indagine internazionale sul caso Navalny. La sua approvazione ha fatto seguito ai commenti del massimo diplomatico dell’UE, Josep Borrell, che ha lanciato l’idea di nominare un nuovo pacchetto di sanzioni anti-russe dopo che il politico, appoggiato dall’estero, ha promosso una mossa simile alla legge statunitense “Magnitsky.”
La legge Prende il nome da un revisore fiscale russo morto in una prigione di Mosca nel 2009. Magnitsky era un socio del miliardario Bill Browder, che è stato condannato in Russia per evasione fiscale, in contumacia. Un nuovo giro di minacce prima che qualsiasi indagine si concluda mostra chiaramente che Bruxelles non sta cercando modi per stabilire la verità, ma solo per perseguitare Mosca, ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova.

“Percepiamo tutti i discorsi sulla denominazione di queste sanzioni dopo Navalny solo come un tentativo palese di aggiungere un sapore apertamente anti-russo alle nuove restrizioni dell’UE”, ha detto Zakharova.

Una risposta simile è arrivata dal rappresentante permanente della Russia, Aleksey Chizhov, che ha affermato che la risoluzione sembra essere estremamente affrettata e contiene anche errori di fatto. Definire apertamente l’affare Navalny un “avvelenamento” mostra che l’UE sta cercando di incolpare la Russia per l’incidente invece di scoprire cosa è successo esattamente, ha detto il diplomatico.

“La Russia troverà un modo per vendicarsi se l’UE decide di applicare le sanzioni”, ha avvertito Chizhov.

Tra le altre cose, la risoluzione non vincolante ha sollecitato l’interruzione della costruzione del gasdotto Nord Stream 2 e persino la creazione di una nuova strategia per la cosiddetta “democratizzazione” della Russia, che in effetti è un invito aperto per una rivoluzione colorata nel paese.

“Non si tratta di proteggere i diritti umani o la democrazia, l’unico obiettivo è mantenere un alto grado di isteria anti-russa, anche rispetto al progetto Nord Stream 2”, ha detto il capo della commissione per gli affari esteri della Duma di Stato Leonid Slutsky , bollando lo scandalo in corso come teatralità anti-russa.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.