Quantcast
Database Italia

NATO: “con Biden affronteremo finalmente la “Russia”

Da quando Joe Biden è stato dichiarato presidente eletto sabato da un coro di importanti reti televisive all’unisono, gli stessi media mainstream hanno improvvisamente abbandonato ogni idea di “interferenza russa” nelle elezioni che per anni avevano ricevuto una copertura capillare. 


Durante il fine settimana un host della MSNBC è arrivato al punto  di dichiarare  senza prove “Questa potrebbe essere l’elezione più pulita che abbiamo mai avuto”. Le “vittorie” in politica estera stanno arrivando anche prima che Biden entri alla Casa Bianca il 20 gennaio.

A titolo di esempio, il messaggio ufficiale di congratulazioni della NATO a Joe Biden e Kamala Harris ha sottolineato che una Casa Bianca di Biden sarà finalmente in grado di affrontare la “Russia assertiva” secondo una dichiarazione del Segretario generale Jens Stoltenberg.

“Accolgo con grande favore l’elezione di Joe Biden come prossimo Presidente degli Stati Uniti. Conosco Biden come un forte sostenitore della NATO e delle relazioni transatlantiche”, iniziava la dichiarazione scritta di Stoltenberg  .

Ed è qui che il capo della NATO ha fatto riferimento alla “Russia assertiva” e all ‘”ascesa della Cina”:”Abbiamo bisogno di questa forza collettiva per affrontare le numerose sfide che ci troviamo davanti, tra cui una Russia più assertiva, il terrorismo internazionale, minacce informatiche e missilistiche e un cambiamento nell’equilibrio di potere globale con l’ascesa della Cina”, ha affermato Stoltenberg  .Il suggerimento è ovviamente che Trump non abbia esercitato una “forza” sufficiente, anche se sembra difficile sostenere questo argomento, specialmente nel caso della Cina.

Da tempo le relazioni USA-Russia sono effettivamente ad uno dei punti più bassi nella storia recente, dato il ritiro dell’amministrazione Trump dai trattati sulle armi come il Trattato sulle armi nucleari a raggio intermedio (INF) del 1987, Cieli aperti, e con il nuovo START che scadrà all’inizio del prossimo anno. 

Ci sono anche i tentativi di bloccare il completamento del gasdotto Nord Stream 2 Russia-Germania, che ha incluso sanzioni mirate contro le aziende occidentali che hanno contribuito a costruirlo. Anche il Dipartimento di Stato di Trump ha fatto molto per aprire la vendita di armi all’Ucraina.

Ricordiamo inoltre che non solo Trump durante la sua presidenza ha chiesto agli alleati europei di fare di più per assumersi la giusta quota dell’onere della spesa per la difesa, ma ha ripetutamente fatto capire che potrebbe addirittura ritirarsi.

Gli alti funzionari della NATO  tifano apertamente per una vittoria di Biden dopo quattro anni in cui Trump è stato una spina nel fianco di Bruxelles. Questo è abbastanza vero, ma in termini di Russia si potrebbe facilmente sostenere che Trump è stato un falco ignorando le richieste europee di estendere i trattati nucleari e sulle armi chiave.

Riproposto dal sito ZeroHedge .



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.