Quantcast
Database Italia

NEW ENGLAND JOURNAL OF MEDICINE, LA QUARANTENA ANCHE SE IMPOSTA DAI MILITARI NON SERVE A FERMARE IL DIFFONDERSI DEL VIRUS

Il New England Journal of Medicine ha pubblicato uno studio che va al cuore della questione dei lockdown. La domanda è sempre stata se e in che misura un blocco, per quanto estremo, sia in grado di sopprimere il virus. Se fosse così, potremmo argomentare che almeno i blocchi, nonostante i loro costi sociali ed economici astronomici, servano ad ottenere risultati. In caso contrario, le nazioni del mondo hanno intrapreso un esperimento catastrofico che ha distrutto miliardi di vite e tutte le aspettative di diritti umani e libertà, senza alcun risultato. 

AIER ha da tempo  evidenziato studi  che non mostrano alcun guadagno nella gestione dei virus dai blocchi. Anche se già nel mese di aprile, un importante scienziato analista di dati  , ha detto che questo virus diventa endemico in 70 giorni dopo il primo ciclo di infezione, indipendentemente dalle politiche. Il più grande studio globale sui blocchi rispetto ai decessi  pubblicato  su The Lancet non ha riscontrato alcuna associazione tra stringenze coercitive e morti per milione. 

Testare ulteriormente potrebbe sembrare superfluo ma, per chissà quale motivo, i governi di tutto il mondo, inclusi gli Stati Uniti, hanno ancora l’impressione di poter influenzare le trasmissioni virali attraverso una serie di “interventi non farmaceutici” (NPI) come mascherine obbligatorie, separazione umana forzata, ordini di restare a casa, divieti di riunioni, chiusure di aziende e scuole e restrizioni di viaggio estreme. Niente di simile è stato provato su questa scala in tutta la storia umana, quindi si potrebbe supporre che i responsabili politici abbiano qualche base per la loro fiducia che queste misure realizzano qualcosa. 

Uno studio condotto dalla Icahn School of Medicine del Monte Sinai in collaborazione con il Naval Medical Research Center ha cercato di testare l’intera idea dei blocchi. A maggio, 3.143 nuove reclute dei Marines hanno avuto la possibilità di partecipare a uno studio sulla quarantena estrema (insieme a misure antivirus estreme) o meno. Lo studio si chiamava CHARM, che sta per COVID-19 Health Action Response for Marines. Delle reclute interpellate, un totale di 1.848 giovani hanno accettato di essere cavie in questo esperimento. I rimanenti seguivano regolarmente il loro normale addestramento di base. 

Cosa dovevano fare le reclute di CHARM?

 Lo studio  spiega e, come vedremo, hanno dovuto affrontare un regime ancora più rigido di quello attuato nella vita civile nella maggior parte del mondo. Tutte le reclute hanno indossato sempre mascherine di stoffa a doppio strato all’interno e all’esterno, tranne quando dormivano o mangiavano; praticato l’allontanamento sociale di almeno 6 piedi; non sono stati autorizzati a lasciare il campus; non hanno avuto accesso all’elettronica personale e ad altri oggetti che potrebbero contribuire alla trasmissione di superficie; e si sono lavati regolarmente le mani. Hanno dormito in camere doppie con lavandino, mangiato in sale da pranzo condivise e usato bagni condivisi. 
Tutte le reclute pulivano le loro stanze quotidianamente, disinfettavano i bagni dopo ogni uso con salviettine umidificate con candeggina hanno mangiato pasti preconfezionati in una sala da pranzo che veniva pulita con candeggina dopo che ogni plotone aveva mangiato. La maggior parte delle istruzioni e degli esercizi sono stati condotti all’aperto. Tutti i movimenti delle reclute sono stati supervisionati e il flusso unidirezionale è stato implementato, con punti di ingresso e di uscita dell’edificio designati per ridurre al minimo il contatto tra le persone. Tutte le reclute, indipendentemente dalla partecipazione allo studio, sono state sottoposte a screening giornaliero della temperatura e dei sintomi. Sei istruttori assegnati a ciascun plotone hanno lavorato in turni di 8 ore e hanno applicato le misure di quarantena. Se le reclute riportavano segni o sintomi coerenti con Covid-19, riferivano di essere ammalate, venivano sottoposte a test rapido qPCR per SARS-CoV-2 e venivano messe in isolamento in attesa dei risultati dei test.Gli istruttori erano anche limitati al campus, dovevano indossare mascherine, hanno ricevuto pasti preconfezionati e sono stati sottoposti a controlli giornalieri della temperatura e screening dei sintomi. Gli istruttori assegnati a un plotone in cui è stato diagnosticato un caso positivo sono stati sottoposti a test rapido qPCR per SARS-CoV-2 e, se il risultato è stato positivo, l’istruttore è stato rimosso dal servizio. 
Alle reclute e agli istruttori era vietato interagire con il personale di supporto del campus, come il personale addetto alle pulizie e al servizio di ristorazione. Dopo che ogni classe ha completato la quarantena, è stata eseguita una pulizia profonda con candeggina delle superfici nei bagni, nelle docce, nelle camere da letto e nei corridoi dei dormitori e il dormitorio è rimasto inoccupato per almeno 72 ore prima della rioccupazione. La reputazione della formazione di base dei Marines è che sia tra le più dure, ma questo li porta ad un altro livello. Tutto il rispetto per coloro che si sono offerti volontari per questo! Inoltre, questo è un ambiente in cui i responsabili non scherzano. C’era sicuramente quasi il 100% di conformità, rispetto, ad esempio, a un tipico campus universitario. 

Quali sono stati i risultati? Incredibilmente, il 2% delle reclute CHARM ha contratto il virus, anche se tutte tranne una sono rimaste asintomatiche. “Il nostro studio ha mostrato che in un gruppo di reclute militari maschi prevalentemente giovani, circa il 2% è diventato positivo per SARS-CoV-2, come determinato dal test qPCR, durante una quarantena di 2 settimane, rigorosamente applicata”. 

E come si confronta con il gruppo di controllo che non è stato sottoposto al regime rigoroso? 

Date un’occhiata a questo grafico dallo studio:

Vale a dire che i non partecipanti hanno effettivamente contratto il virus a un tasso leggermente inferiore rispetto a quelli che erano sotto un regime estremo. Al contrario, l’applicazione estrema degli NPI è stata associata a un maggior grado di infezione. 

Sono grato a  Don Wolt  per aver attirato la mia attenzione su questo studio, che, per quanto ne so, ha ricevuto pochissima attenzione da qualsiasi fonte mediatica, nonostante sia stato pubblicato sul New England Journal of Medicine l’11 novembre. 

Ecco quattro titoli dei media sullo studio che mancano del tutto il punto:

CNN : “Molti casi militari di Covid-19 sono asintomatici, studi dimostrano”

SciTech Daily : “Trasmissione asintomatica di COVID-19 rivelata attraverso lo studio di 2.000 reclute marine”

ABC : “Ampio studio di reclute marines mostra i limiti dello screening dei sintomi COVID-19” 

US Marina : “Risultati dello studio COVID-19 della Marina / Corpo dei Marines pubblicati nel New England Journal of Medicine”Nessuna notizia di cronaca nazionale che ho trovato ha evidenziato la scoperta più importante di tutte: la quarantena estrema tra le reclute militari non ha fatto nulla per fermare il virus, rispetto a un gruppo non in quarantena. 

Lo studio è importante a causa della struttura sociale di controllo. Una cosa è osservare l’assenza di effetti dai blocchi nazionali. Ci sono innumerevoli variabili qui che potrebbero essere invocate come note cautelative: dati demografici, densità di popolazione, immunità preesistenti, grado di conformità e così via. Ma con questo studio Marines, hai un gruppo quasi omogeneo basato su età, salute e densità di vita. E anche qui, vedete confermato ciò che tanti altri studi hanno dimostrato: i blocchi sono inutilmente distruttivi. Non gestiscono la malattia. Schiacciano la libertà umana e producono costi sorprendenti.

I guardiani continuano a dirci di prestare attenzione alla scienza. È quello che stiamo facendo. Quando i risultati contraddicono la loro narrativa pro-compulsiva, fingono che gli studi non esistano e vanno avanti con i loro piani spaventosi per disabilitare tutto il funzionamento sociale in presenza di un virus. I blocchi non sono scienza. Non lo sono mai stati. Sono un esperimento di gestione sociale / politica dall’alto verso il basso che non ha precedenti in termini di costo per la vita e per la libertà. 

Fonte:  American Institute for Economic Research .

Ti andrebbe di contribuire?

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENICI



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Ti è piaciuto questo articolo?

Continua a seguirci sui nostri social per restare sempre aggiornato!