IntelPolitica

“NON SCHERZATE CON IL FUOCO”, DOPO LE SANZIONI PER IL CASO NAVALNY LA RUSSIA AVVISA BIDEN



La Russia ha avvertito gli Stati Uniti di non “giocare con il fuoco” dopo aver imposto le sanzioni martedì in risposta al presunto avvelenamento del leader dell’opposizione Alexei Navalny.

Gli Stati Uniti hanno congelato i beni e Indagato le transazioni di sette alti funzionari russi, tra cui il capo del Servizio di sicurezza federale (FSB) russo, e hanno inserito nella lista nera 14 società ed entità per i controlli sulle esportazioni.

Martedì un funzionario ha dichiarato che l’intelligence americana ha concluso con “grande probabilità” che gli ufficiali dell’FSB abbiano avvelenato Navalny con l’agente nervino Novichok nell’agosto 2020. La Russia, che ha imprigionato Navalny al suo ritorno a gennaio dopo mesi di cure in Germania, nega il suo ruolo.

“L’amministrazione statunitense ha intrapreso un attacco anti-russo ostile”, ha detto il ministero degli Esteri russo in una dichiarazione di martedì. “Esortiamo l’amministrazione a non giocare con il fuoco”.

Il ministero ha promesso una risposta “reciproca ma non necessariamente simmetrica” ​​alla prima grande azione di Joe Biden contro la Russia, coordinata con l’Unione europea. 

Ha accusato la Casa Bianca di “coltivare l’immagine di un nemico esterno” e di far precipitare i legami USA-Russia “fino al punto di congelamento completo”.

“Indipendentemente dalla ‘passione per le sanzioni’ americana, continueremo a difendere in modo coerente e risoluto i nostri interessi nazionali, resistendo a qualsiasi aggressione”, ha affermato il ministero.

“I tentativi di imporre sanzioni o altre pressioni sulla Russia sono falliti in passato e falliranno ora”, ha aggiunto.

L’amministrazione di Biden ha indicato che “non sta cercando di intensificare, nè sta cercando di ripristinare” le relazioni con la Russia.

Funzionari statunitensi hanno detto che hanno in programma di lanciare nelle prossime settimane valutazioni dell’intelligence su questioni legate alla Russia, tra cui un massiccio attacco di agenzie governative e presunte taglie sulle truppe statunitensi in Afghanistan.

Davide Donateo

Sono il fondatore e direttore (editor se preferite) di Database Italia. Il mio indirizzo e-mail è: [email protected]

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
IlFiccanaso

Vai Putin sgancia un paio di confetti sui rifugi dell’elite globalista e simpatizzanti che si trovano in Nuova Zelanda e Antardite, vedrai che fanno meno i furbi sapendo di non avere più safe room.

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!