Quantcast
Database Italia

Non vuoi usare la mascherina? Sei sociopatico! La psicologia come arma ideologica contro il dissenso

Perché le persone che rifiutano di conformarsi alle regole del Covid-19 vengono tacciate di essere affette da disturbi della personalità oltre che moralmente inferiori? Perché i loro aggressori vedono queste definizioni come “scientifiche” quindi vere, ma è una follia.


Oggigiorno la psicologia viene spesso applicata come arma ideologica da brandire contro gli oppositori politici. Quindi non deve sorprenderci leggere studi affermare che le persone che si rifiutano di indossare maschere o non si conformano alle regole di distanziamento sociale hanno probabilmente sintomi sociopatici. In altre parole, sono persone malate.

Secondo i ricercatori brasiliani che hanno condotto lo studio, tratti antisociali, come bassi livelli di empatia e alti livelli di insensibilità, ostilità e impulsività caratterizzano quelle persone che si rifiutano di indossare la mascherina.

Un tempo questi tratti antisociali erano associati a persone che venivano chiamate cattive o malevole. Oggi, termini psicologici come sociopatico sono usati per patologizzare le persone che non ti piacciono. Perché? Perché la psicologia gode dell’autorità della scienza e dà legittimità a un punto di vista. Di conseguenza, la diagnosi di sociopatico è vista da molti non solo come un’opinione ma come una dichiarazione di fatto scientifico.

Non sono solo gli oppositori della maschera a essere condannati dalla scienza della psicologia. In tempi recenti, l’autorità della scienza è stata utilizzata per mettere in discussione le motivazioni e il comportamento delle persone che sostengono la Brexit e altre cause populiste.

Secondo Time Magazine, “la psicologia ha reso inevitabile il voto sulla Brexit!” Afferma che gli psicologi “non sono stati minimamente sorpresi” dall’esito del referendum, che era “principalmente una funzione dei moti irrazionali della mente umana”.

Secondo questa affermazione chiunque abbia votato per lasciare l’UE è probabilmente irrazionale e stupido. In questo modo, la vera aspirazione al controllo democratico che ha ispirato una parte significativa dell’elettorato che sostiene la Brexit viene riformulata come risultato della confusione psicologica.

Le persone che non sono felici di indossare mascherine o che votano per la Brexit o dimostrano abitudini che sono etichettate come “populiste” non vengono semplicemente criticate ma sono psicologicamente svalutate come persone moralmente inferiori. Quasi perfettamente una diagnosi psicologica si intreccia con la condanna morale. Come ha osservato il commentatore politico Ivan Krastev:

“L’ascesa dei partiti populisti di regola invita a interpretazioni psicologiche o anche psicoanalitiche. I commentatori consciamente o inconsciamente sono tentati di analizzare il populismo in termini di “ritorno del rimosso”, “traumi”, “frustrazioni” e “ansie di stato” “

Le spiegazioni psicologiche dei motivi e del comportamento delle persone che sostengono la Brexit e altre cause populiste insistono invariabilmente sul fatto che qualunque cosa le abbia spinte ad adottare questa conclusione, non è stato un calcolo razionale.

Affermazioni come “La Brexit è stata alimentata da xenofobia irrazionale, non da rimostranze economiche” attirano l’attenzione sugli impulsi primitivi che dominano la mentalità populista. Numerosi commentatori hanno affermato che è la rabbia e non la ragione a motivare i cittadini il cui comportamento di voto disprezzano.

L’uso semplicistico della psicologia come forma pseudoscientifica di polemica disturba persino alcuni psicologi che prendono sul serio la loro professione. Sebbene non sia affatto in sintonia con la Brexit, Michael Smith, autore di ‘The Psychology of Brexit’, è preoccupato che “gli esperti che restano inclini ad attribuire la Brexit alla psicopatologia – una sorta di follia – perché semplicemente non riescono a immaginare come una persona razionale possa votarla . ” In effetti, non è semplicemente un’assenza di immaginazione, ma un’intensa sensibilità di insicurezza e odio verso coloro che abbracciano un diverso insieme di valori culturali che spiega l’uso cinico della psicologia per delegittimare l’opinione degli oppositori politici.

È del tutto legittimo criticare le persone che rifiutano di indossare le mascherine o che hanno votato per la Brexit o per i partiti popolari per le loro opinioni e azioni. Ma ridurre queste persone allo status di individui moralmente inferiori e mentalmente malati significa trasmettere il messaggio che non solo hanno torto, ma sono malati. Da questo punto di vista, ciò che definisce questi “sociopatici” non sono i loro ideali politici ma il loro stato mentale confuso e irrazionale. Quindi non ha molto senso prendere sul serio le loro opinioni. Devono essere trattati come pazienti in una clinica piuttosto che come cittadini responsabili.

È triste quando la scienza della psicologia viene pervertita e trasformata in un’arma ideologica. È brutto quando le persone diventano medicalizzate e disumanizzate a causa delle loro opinioni. È un male per la democrazia e nella misura in cui danneggia l’autorità della scienza, è un male per la psicologia seria.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments