Intel

Notizie senza copertura. Aggiornamento sul conflitto armeno-azero

Il conflitto tra Armenia e Azerbaigian è in crescendo in questi giorni. Le tensioni sul territorio del Nagorno-Karabakh hanno indotto altri alleati di entrambi gli stati a esporsi sul conflitto, ad esempio Iran e Turchia. L’Iran è stato chiaro, se questa lotta indesiderata dovesse continuare, potrebbe diventare una guerra regionale. L’inviato armeno ha accusato Israele di fornire costantemente armi al popolo azero durante questo conflitto. Diversi attori statali all’interno della regione hanno supervisionano la situazione effettivamente da tenere d’occhio in questi prossimi mesi. 

Analisi :

Il Nagorno-Karabakh è un territorio definito come proprietà degli armeni dal diritto internazionale, ma si trova nella regione azera dalla caduta dell’Unione Sovietica. Ci saranno sviluppi interessanti da osservare mentre vediamo che altri attori internazionali si affacciano in questo conflitto, specialmente se i turchi sono effettivamente coinvolti con gli azeri. 

IL presidente IRANIANO Hassan Rouhani ha comunicato mercoledì che esiste il pericolo che i combattimenti tra le forze azere ed etniche armene possano trasformarsi in una guerra regionale.

Rouhani, durante una riunione di gabinetto ha esordito dicendo che è “totalmente inaccettabile” che qualsiasi bomba di mortaio o missile possa atterrare sul suolo iraniano dopo che i media hanno rilevato proiettili vaganti dei combattimenti sull’enclave del Nagorno-Karabakh caduti sui villaggi vicino al confine nord-occidentale dell’Iran, ferendo un bambino e danneggiando alcuni edifici.

Mercoledì l’Iran ha presentato una protesta formale all’Azerbaigian e all’Armenia per le violazioni dell ‘”integrità territoriale” dell’Iran, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Saeed Khatibzadeh in una dichiarazione diffusa dai media locali.

“Dobbiamo stare attenti che la guerra tra Armenia e Azerbaigian non diventi una guerra regionale. La pace è la base del nostro lavoro e speriamo di ripristinare la stabilità nella regione in modo pacifico”, ha detto Rouhani.

“La nostra priorità è la sicurezza delle nostre città e dei nostri villaggi”.

L’Iran, che confina con Armenia e Azerbaigian, non permetterà agli stati di “inviare terroristi ai nostri confini “.

I suoi commenti hanno fatto seguito alle accuse, mosse per la prima volta dal presidente francese Emmanuel Macron, secondo cui la Turchia avrebbe inviato jihadisti siriani nella regione. Ankara, che è uno stretto alleato dell’Azerbaigian e sostiene i ribelli che combattono le forze governative siriane, lo ha negato.

I combattimenti sono scoppiati il ​​27 settembre nel Nagorno-Karabakh, che secondo il diritto internazionale appartiene all’Azerbaigian ma è popolato e governato da armeni.

Ulteriori Letture: CIA E MI6 Dietro Il Conflitto Armeno-Azero?

Davide Donateo

Sono il fondatore e direttore (editor se preferite) di Database Italia. Il mio indirizzo e-mail è: [email protected]

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Antonio Aiello

Dopo la rivoluzione russa del 1917, il Karabakh fu inglobato nella Federazione Transcaucasica, che ben presto si divise tra Armenia, Azerbaigian e Georgia. Il territorio del Nagorno Karabakh venne rivendicato sia dagli armeni (che all’epoca costituivano il 98% della popolazione) sia dagli azeri. Dopo la conquista bolscevica del 1920 il territorio (come pure quello del Nakhchivan) venne assegnato, per volere di Stalin all’Azerbaigian e nel 1923 venne creata l’Oblast’ Autonoma del Nagorno Karabakh.
Il Nagorno Karabakh non è stato mai terra Azera.Per redimere conflitti non dobbiamo dimenticare la loro storia, in caso contrario ci saranno sempre guerre.

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!