Database Italia

NEW YORK – NUOVA LEGGE ISTITUISCE CENTRI DI DETENZIONE PER “SOSPETTI” CASI COVID. UN INCUBO KAFKIANO


Il legislatore di New York sta valutando un disegno di legge che consentirebbe alle autorità di prendere chiunque sia sospettato di avere o di essere stato esposto a una malattia contagiosa e di trattenerlo a tempo indeterminato oltre che di medicarlo anche con la forza.

In base alla nuova legge, i newyorkesi possono essere trascinati fuori dalle loro case e rinchiusi con il semplice sospetto di essere stati ” esposti ” al nuovo coronavirus – nessun test positivo o addirittura sintomi necessari. Una volta imprigionate in una delle strutture appositamente costruite dallo stato, le persone possono essere costrette a sottoporsi a un ” ciclo di trattamento prescritto ” che include farmaci e vaccini – e anche in questo caso la libertà non è garantita.

Il disegno di legge dell’Assemblea da incubo  A416 dello stato  vedrebbe obiettivi bloccati fino a 60 giorni senza udienza. E mentre il prigioniero ha diritto all’assistenza legale, le autorità sanitarie di New York avranno l’ultima parola nel decidere quando – e se – non sono più contagiose. Supponendo che lo siano mai state.

Data l’  inaffidabilità  dei test PCR utilizzati per lo screening del coronavirus, producendo fino al 90% di falsi positivi secondo alcune stime, le strutture del Governatore Andrew Cuomo saranno quasi certamente inondate dai contatti di persone sane erroneamente considerate ” casi ”. Ma come la decisione del governatore di mandare pazienti con Covid-19 in case di cura, uccidendo decine di migliaia di anziani, confinando i sani con i malati garantisce solo che più sani si ammaleranno ogni giorno che passa. Lo stato quindi ottiene un aumento del numero di casi, giustificando un’ulteriore repressione dei suoi cittadini con il pretesto di un’altra “ondata” di virus. 

Né devono essere sottovalutati gli effetti psicologici di essere detenuti a tempo indeterminato senza motivo logico in un incubo burocratico kafkiano. Questa configurazione potrebbe tenere le vittime rinchiuse per mesi, persino anni.

Il mese scorso, un neurologo della California ha pubblicato un articolo affermando che la fede nelle ” teorie del complotto ” Covid-19 era il risultato di  danni cerebrali  e suggerendo che l’istituzionalizzazione potrebbe essere l’unica opzione per questi ” pazienti incurabili” 

A differenza di un procedimento penale, le autorità che cercano di imprigionare clinicamente una figura scomoda non devono fornire la prova della potenziale contagiosità dell’individuo. Invece, devono semplicemente dimostrare che la persona è un pericolo per se stesso o per gli altri – criteri deliberatamente vaghi che lasciano ampio spazio agli abusi giudiziari. 

In effetti, il semplice fatto di pubblicare critiche all’esperimento totalitario di New York potrebbe meritare una permanenza in uno dei centri di detenzione di Cuomo. Secondo l’  Organizzazione Mondiale della Sanità  e i suoi numerosi portavoce dei media, la condivisione di fatti non autorizzati è alla base di una ” infodemia ” tanto pericolosa quanto il virus stesso, il che significa che coloro che condividono tali contenuti stanno danneggiando gli altri.

New York ha già eliminato le esenzioni religiose per la vaccinazione e in precedenza ha tentato di  forzare i  vaccini antinfluenzali su tutti gli operatori sanitari statali.

Ma questa volta, l’amministrazione Cuomo sta andando oltre con i piani per inoculare i  tossicodipendenti  nelle strutture statali con i vaccini Pfizer e Moderna, che lo vogliano o meno. Questo per quanto riguarda “il mio corpo, la mia scelta”.

La trasformazione di New York City da una mecca delle arti e della cultura a una tremolante gelatina di un inferno autoritario non sarebbe avvenuta così rapidamente se le autorità avessero incontrato una resistenza anche minima all’inizio della pandemia. 

Ma i newyorkesi, nonostante la reputazione di essere indipendenti, volitivi e diffidenti nei confronti dell’autorità, abbandonarono quegli attributi come una patata bollente e iniziarono a leccare laboriosamente gli stivali. 

Cosa servirà ai newyorkesi per rendersi conto di ciò che viene fatto loro nel nome dell’eradicazione di un virus con un tasso di sopravvivenza del 99,7%? Quanti vicini dovranno “scomparire” nel sistema di quarantena? Queste non sono solo domande retoriche. prima o poi dovremo decidere prima o poi da che parte stare.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.