CulturaDeep StateEight O’Clock in the MorningPoliticaSocietà

Nuove rivelazioni fanno luce sulle radici naziste della casata di Sassonia-Coburgo-Gotha

Ci sono certi armadi reali che non possono più contenere gli scheletri voluminosi che certe forze potenti hanno voluto nascondere

In mezzo alla tempesta di disinformazione orwelliana che ha plasmato il nostro mondo attuale, l’alto è diventato il basso, il bianco è diventato nero e il buono è diventato il male.

Nonostante il fatto che i mali del nazismo siano stati sconfitti principalmente dai sacrifici fatti dai russi durante la seconda guerra mondiale, è diventato sempre più popolare affermare l’errore secondo cui il vero cattivo della grande guerra era Stalin. E nonostante il fatto che i nazisti siano stati assorbiti dalla macchina di intelligence guidata dai Cinque Occhi della Guerra Fredda dando origine ai nazisti di seconda e terza generazione in Ucraina oggi, ci viene ripetutamente detto che l’Ucraina è un tempio della libertà e un faro della democrazia.

È quindi una boccata d’aria fresca quando verità scomode sono in grado di sfondare l’illusione ubriaca della neolingua orwelliana che ha contaminato l’attuale zeitgeist. Una di queste verità che è venuta alla luce è stata il riconoscimento da parte dei media mainstream che il disastroso laptop Hunter Biden e tutti i suoi contenuti scandalosi erano sempre stati autentici. Queste rivelazioni hanno costretto gli americani a confrontarsi con il fatto che l’attuale presidente degli Stati Uniti ha beneficiato direttamente dei sistemi di corruzione e influenza che ha supervisionato mentre era viceré di un’Ucraina infestata dai nazisti durante il regno di Obama.

Smascherato il re nazista su Channel 4

Un’altra rivelazione esplosiva che negli ultimi giorni ha inviato onde d’urto attraverso lo zeitgeist occidentale è stata descritta in un documentario andato in onda su Channel 4 britannico intitolato “Edward VIII: Britain’s Traitor King”.

Questo film, basato su un libro di prossima pubblicazione dello storico Andrew Lownie, utilizza report recentemente declassificati dai Royal Archives per raccontare la storia del re nazista britannico Edoardo VIII che non solo desiderava una vittoria nazista nella seconda guerra mondiale, ma lavorò attivamente per detto obiettivo dal momento in cui fu costretto ad abdicare al trono nel 1936 (presumibilmente per sposare una divorziata americana Wallis Simpson) durante i giorni più bui della guerra stessa.

Come dimostra questo documentario, insegnare alla sua giovane nipote Elisabetta II come fare un vero e proprio “sieg heil” non è stata la sua unica danza con il nazismo.

Mentre si trova in esilio in Portogallo, dove la banda reale si è unita all’élite tedesca, il documentario cita i cablogrammi diplomatici inviati da Edward ai funzionari tedeschi chiedendo che i nazisti bombardassero incessantemente l’Inghilterra alla sottomissione nel 1940 incoraggiando la morte di milioni di civili innocenti. Il film cita anche un discorso poco noto in cui Edward ha chiesto la resa della Gran Bretagna ai nazisti nel 1939 che la BBC ha rifiutato di mandare in onda. Anche dopo essere stato inviato alle Bahamas da funzionari imperiali che avevano deciso che fosse più opportuno sopprimere il loro mostro di Frankenstein piuttosto che continuare con i loro precedenti piani per un nuovo ordine mondiale fascista , l’aspirante re nazista aveva telegrafato ai funzionari di Hitler indicando la sua volontà di tornare in Europa quando necessario e riprendere il suo legittimo posto sul trono come re ariano.

Oltre il film: altre radici naziste dei Windsor

Oltre al caso di Edoardo VIII, ci sono molti altri imbarazzanti collegamenti nazisti con la casa di Windsor (ex Sassonia-Coburgo-Gotha) che il film non ha menzionato, alcuni dei quali coinvolgono il defunto principe consorte Filippo Mountbatten (alias: duca di Edimburgo ) direttamente.

Tutte le tre sorelle del Duca di Edimburgo erano sposate con principi nazisti e il marito di una di loro (Sophie) divenne un ufficiale delle Waffen SS con il grado di Oberführer (leader senior).

Il marito di Sophie, sorella di Filippo, il principe Cristoforo d’Assia-Cassel, era il capo del Forschungsamt (Direttore della ricerca scientifica), un’operazione di intelligence speciale gestita da Hermann Göring, ed era anche Standartenführer (colonnello) delle SS nello staff personale di Heinrich Himmler. I quattro cognati di Filippo, con i quali visse, divennero tutti alti funzionari del partito nazista.

Lo stesso Filippo mantenne la tradizione di famiglia, prima essendo stato educato secondo un curriculum nazista incentrato sull’eugenetica negli anni ’30, e poi fondò il World Wildlife Fund (WWF) con il collega un tempo membro del partito nazista, il principe Bernhard dei Paesi Bassi, un eugenista per tutta la vita e fondatore del Gruppo Bilderberg, nel 1961. Philip e Bernhard furono raggiunti da Sir Julian Huxley (allora presidente della Eugenics Society of Britain) come co-fondatore del WWF. In un’intervista dell’agosto 1988 con Deutsche Press Agentur, il principe Filippo ha proclamato il suo desiderio di tornare nella prossima vita come un virus mortale per aiutare a “risolvere la sovrappopolazione”.

Su questo concetto virulento di riduzione della popolazione, vale la pena rivedere il lavoro della vita e le parole di un importante vicepresidente del WWF dal 1978 al 1981 di nome Maurice Strong che prestò servizio direttamente sotto il principe Filippo (allora presidente ad interim del WWF). Secondo Justin Trudeau , Strong aveva co-fondato il World Economic Forum insieme a Klaus Schwab nel 1971, presieduto la Conferenza delle Nazioni Unite sulla popolazione del 1972 e il suo seguito nel 1992 a Rio de Janeiro mentre si destreggiava con una vasta gamma di cappelli dal presidente della Banca mondiale, autore della Carta della Terra , fondatore dell’Agenzia delle Nazioni Unite per la protezione ambientale e architetto di Agenda 21 (recentemente ribattezzata Agenda 2030).

In un’intervista del maggio 1990 con la rivista WEST, Strong ha discusso di un incontro a Davos e ha riflettuto: “E se un piccolo gruppo di leader mondiali concludesse che il principale rischio per la Terra deriva dalle azioni dei paesi ricchi? E se il mondo vuole sopravvivere, quei paesi ricchi dovrebbero firmare un accordo che riduca il loro impatto sull’ambiente. Lo faranno? La conclusione del gruppo è ‘no’. I paesi ricchi non lo faranno. Non cambieranno. Quindi, per salvare il pianeta, il gruppo decide: non è l’unica speranza per il pianeta che le civiltà industrializzate crollino? Non è nostra responsabilità realizzarlo?”

Il principe Filippo trasudava “riflessioni” misantropiche altrettanto fredde mentre contemplava lo zoo umano affermando:

“Non puoi allevare un gregge di pecore più grande di quello che sei in grado di nutrire. In altre parole la conservazione può comportare l’abbattimento al fine di mantenere un equilibrio tra i numeri relativi in ​​ciascuna specie all’interno di un particolare habitat. Mi rendo conto che questo è un argomento molto delicato, ma resta il fatto che l’umanità fa parte del mondo vivente. Ogni nuovo acro portato in coltivazione significa un altro acro negato alle specie selvatiche”.

L’inquietante caso del principe Carlo

Sebbene Filippo sia morto nel 2021, suo figlio ed erede al trono ha preso a cuore la missione di suo padre di ridurre la popolazione mondiale, attraverso la sua guida di varie organizzazioni ambientaliste e come patrono dell’ormai defunto Liverpool Care Pathway, che si è rivelato avere soppresso oltre 60.000 cittadini britannici all’anno, senza il loro consenso, tra il 2001 e il 2013 .

Durante i suoi 18 anni di regno, l’LCP aveva fatto pressioni su centinaia di operatori sanitari affinché inserissero milioni di pazienti malati e anziani (e costosi) negli elenchi di “fine vita” senza il loro consenso, con conseguente disidratazione forzata e gocciolamenti di morfina per accelerare i decessi nonostante il fatto che erano ancora disponibili trattamenti salvavita.

Nel giugno 2020, il principe Carlo ha co-fondato la Great Reset Initiative del World Economic Forum insieme al suo collega Klaus Schwab al fine di sfruttare la “duplice crisi esistenziale” del cambiamento climatico e di una pandemia per modificare radicalmente il comportamento globale e i sistemi economici . Al di là delle belle parole usate dai miliardari di Davos per radunare l’umanità per salvare il pianeta, il fatto è che quelle riforme “verdi” Build Back Better che aderiscono all’energia sostenibile, ai tagli alle emissioni di carbonio e alle riforme alimentari, come testimoniato dall’agenda dell’UE Farm to Fork portare a una scala di morte che potrebbe arrossire anche gente come un Hitler.

Il pedigree nazista della famiglia reale e dei suoi leali dirigenti solleva la domanda: perché la loro continuazione della dottrina dell’eugenetica nazista sotto forma di eutanasia e movimenti di crescita zero non è diventata più ampiamente nota? In che tipo di mondo viviamo, che fatti così sorprendenti non potrebbero essere di conoscenza generale?

Il sistema del Consiglio Privato

Spero che stia diventando sempre più chiaro che l’Impero Britannico e le sue aspirazioni al controllo della popolazione non sono mai finite con la cancellazione del progetto Hitler nel 1945.

Spero che stia anche diventando chiaro che questo impero non è mai stato la nazione della Gran Bretagna, il suo Parlamento o il suo popolo.

Il vero Impero è sempre stato un’oligarchia finanziaria che viene utilizzata da una vasta rete di strutture di potere per promuovere gli interessi dell’aristocrazia europea; L’attuale epicentro del potere sono le monarchie anglo-olandesi (altrimenti note come Founts of All Honours). È questo potere che controlla il Gruppo Bilderberg, la sua appendice minore, il World Economic Forum, e guida la politica americana attraverso il Council on Foreign Relations (la versione americana di Chatham House) con sede a New York, soprannominato da Hillary Clinton “la nave madre “.

Chatham House è un altro nome per il Royal Institute for International Affairs (RIIA) iniziato nel 1919 dai leader Milneriti del Movimento della Tavola Rotonda che hanno creato il Council on Foreign Relations (CFR) al fine di promuovere l’eugenetica e il governo mondiale sotto la Società delle Nazioni . Al ramo americano è stato dato il nome per evitare allusioni alla terminologia britannica a causa della sfiducia americana nei confronti degli intrighi britannici. Le filiali canadese e australiana furono avviate nel 1928 e da allora gestite più tipicamente da agenti addestrati a Oxford. Nel caso degli Stati Uniti, l’attuale presidente del CFR Richard Haass si è laureato a Oxford come Rhodes Scholar nel 1978.

Fu a Lord Lothian, membro di spicco della Chatham House, nel 1937 che Hitler espose il suo concetto per il Nuovo Ordine Mondiale anglo-tedesco dicendo: “Germania, Inghilterra, Francia, Italia, America e Scandinavia… dovrebbero arrivare a un accordo per impedire ai loro cittadini dall’assistere all’industrializzazione di paesi come la Cina e l’India. È suicida promuovere l’insediamento nei paesi agricoli dell’Asia di industrie manifatturiere”. (1)

Qualsiasi numero di tecnocrati che spinge uno schema “Build Back Better for the World” o “Global Green New Deal” avrebbe potuto dire la stessa cosa.

Oggi, l’Istituto canadese per gli affari internazionali è stato ribattezzato Canadian International Council (CIC). Il CIC è presieduto dallo specialista del cambio di regime Ben Rowswell, formato a Oxford, che ha lavorato a stretto contatto con la consigliera privata Chrystia Freeland nel tentativo di rovesciare il governo di Maduro a favore del burattino del WEF Juan Guaido, che continua ancora oggi.

Un pilastro chiave nel controllo sulle colonie di influenza anglo-olandese rimane il sistema del Privy Council, che è centrato in Gran Bretagna, ma ha rami secondari in alcuni paesi del Commonwealth. È sotto l’influenza del Privy Council che gli agenti di livello inferiore vengono istituiti sotto forma di viceministri, consiglio del tesoro, comitati selezionati e altri funzionari nominati nel servizio civile. Altri nodi chiave nel settore pubblico e privato gestiscono gli interessi della Corona. Tutti i membri del gabinetto del governo vengono nominati Consiglieri Privati ​​e tutti i Consiglieri Privati ​​prestano giuramento di segretezza e fedeltà alla Regina, compreso il giuramento di mantenere segrete quelle cose di cui si parla nelle riunioni del Consiglio Privato. (2)

Cose strane per i modelli dell'”ordine libero e democratico basato su regole”.

Come dovrebbe ricordarci il documentario di Channel 4 sul re nazista, ci sono alcuni armadi reali che non possono più contenere i voluminosi scheletri che certe forze potenti hanno desiderato essere agghindati e mistificati per tenerli per sempre fuori dalla vista. L’incapacità della civiltà occidentale di rifiutare il gergo orwelliano e altre inversioni della verità hanno portato a una tensione esistenziale che sarà risolta in un modo o nell’altro. Se ciò significa che l’eredità anti-umana di Hitler, del principe Filippo, Edoardo VIII e di altri nazisti reali del passato e del presente spingono l’umanità verso una nuova era oscura o se romperemo il nostro sonno e cercheremo un nuovo destino più dignitoso resta da vedere.

Matthew Ehret  è redattore capo della  Canadian Patriot Review  e Senior Fellow presso l’Università americana di Mosca. È autore della serie di  libri “Untold History of Canada”  e  Clash of the Two Americas . Nel 2019 ha co-fondato la  Rising Tide Foundation  con sede a Montreal .

RACCOLTA FONDI DI APRILE | ABBIAMO BISOGNO DEL TUO SUPPORTO!

[jetpack_subscription_form]

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!