Database Italia

NUOVO COLPO ALLA CINA – TRUMP AGGIUNGERA’ SMIC E CNOOC ALLA LISTA NERA DELLA DIFESA

L’amministrazione Trump è pronta ad aggiungere il principale produttore cinese di chip SMIC e il produttore nazionale di petrolio e gas offshore CNOOC a una lista nera di presunte società militari cinesi, secondo un documento e alcune fonti, limitando il loro accesso agli investitori statunitensi e aumentando le tensioni con Pechino settimane prima del possibile insediamento di Joe Biden alla Casa Bianca.

Reuters ha riferito all’inizio di questo mese che il Dipartimento della Difesa (DOD) stava progettando di designare altre quattro società cinesi come possedute o controllate dall’esercito cinese, portando il numero di società cinesi colpite a 35. Un recente ordine esecutivo emesso dal presidente Donald Trump lo farebbe. impedire agli investitori statunitensi di acquistare titoli delle società quotate a partire dalla fine dell’anno prossimo.

Non è stato subito chiaro quando la nuova tranche sarebbe stata pubblicata nel Registro Federale. Ma l’elenco comprende China Construction Technology Co Ltd e China International Engineering Consulting Corp, oltre a Semiconductor Manufacturing International Corp (SMIC) e China National Offshore Oil Corp (CNOOC), secondo il documento e tre fonti.

SMIC ha affermato di aver continuato “a impegnarsi in modo costruttivo e aperto con il governo degli Stati Uniti” e che i suoi prodotti e servizi sono esclusivamente per uso civile e commerciale. “La Società non ha rapporti con l’esercito cinese e non produce per utenti finali o usi finali militari”. Lunedì le azioni dello SMIC hanno chiuso in ribasso del 2,7%.

L’unità quotata di CNOOC, le cui azioni sono diminuite di quasi il 14% dopo il rapporto Reuters, ha dichiarato di aver indagato con la sua società madre e di aver appreso di non aver ricevuto alcun avviso formale dalle autorità statunitensi competenti.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha dichiarato, in risposta a una domanda sulla mossa pianificata di Washington, che la Cina spera che gli Stati Uniti non erigano barriere e ostacoli alla cooperazione e discriminino le aziende cinesi.

Il DOD e l’ambasciata cinese a Washington non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

Lo SMIC, che fa molto affidamento sulle apparecchiature dei fornitori statunitensi, era già nel mirino di Washington. A settembre, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha informato alcune aziende che avevano bisogno di ottenere una licenza prima di fornire beni e servizi allo SMIC dopo aver concluso che esisteva un “rischio inaccettabile” che le apparecchiature fornite potessero essere utilizzate per scopi militari.

La mossa imminente, insieme a politiche simili, è vista come un tentativo di cementare l’eredità del presidente repubblicano uscente Donald Trump e di incastrare il democratico Biden in arrivo in posizioni intransigenti su Pechino in mezzo al sentimento bipartisan anti-cinese al Congresso. La campagna Biden ha rifiutato di commentare.

L’elenco fa anche parte di un più ampio sforzo di Washington per prendere di mira quelli che vede come gli sforzi di Pechino per arruolare le società per sfruttare le tecnologie civili emergenti per scopi militari.

La Reuters ha riferito la scorsa settimana che l’amministrazione Trump è prossima a dichiarare che 89 compagnie aerospaziali cinesi e altre società hanno legami militari, impedendo loro di acquistare una gamma di beni e tecnologie statunitensi.

L’elenco delle “Compagnie militari cinesi comuniste” è stato imposto da una legge del 1999 che richiedeva al Pentagono di compilare un catalogo di società “possedute o controllate” dall’Esercito di liberazione popolare, ma il DOD si è conformato solo nel 2020. Giganti come Hikvision, China Telecom e China I dispositivi mobili sono stati aggiunti all’inizio di quest’anno.

Questo mese, la Casa Bianca ha pubblicato un ordine esecutivo, riportato per la prima volta da Reuters, che ha cercato di dare denti alla lista vietando agli investitori statunitensi di acquistare titoli delle società nella lista nera dal novembre 2021.

Questa, combinata con altre misure, approfondisce una spaccatura tra Washington e Pechino, già ai ferri corti per la gestione del coronavirus da parte della Cina e per la repressione di Hong Kong.

Il Congresso e l’amministrazione hanno cercato sempre più di frenare l’accesso al mercato statunitense delle società cinesi che non rispettano le regole affrontate dai rivali americani, anche se ciò significa inimicarsi Wall Street.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.