CoronavirusSaluteScienza e Tecnologia

NUOVO STUDIO PEER-REVIEWED CHIEDE IL RITIRO IMMEDIATO DEI SIERI mRNA COVID PER LE DONNE IN GRAVIDANZA

Dopo aver riesaminato uno studio condotto dai ricercatori dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), uno  studio peer-reviewed  ha chiesto “il ritiro immediato dei vaccini mRNA COVID per le donne in gravidanza, quelle che allattano, quelle in età fertile e i bambini dopo il loro studio scioccante rivela risultati sorprendenti sulle donne in gravidanza vaccinate con mRNA: il  92% delle donne ha avuto un aborto spontaneo nelle prime 13 settimane… mentre l’81,9% delle donne che hanno ricevuto il vaccino contro l’mRNA COVID ha avuto un aborto spontaneo nelle prime 20 settimane. 

Lo studio avverte che le conclusioni dello studio Shimabukuro che supportano l’uso del vaccino mRNA all’inizio della gravidanza, che ora è stato frettolosamente incorporato in molte linee guida internazionali per l’uso del vaccino, ignorano gli orrori della  talidomide , un farmaco comunemente assunto dalle donne in gravidanza tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’60 per prevenire la nausea durante la gravidanza. Il talidomide ha finito per causare gravi difetti alla nascita in migliaia di bambini, compresi decine di bambini nati senza arti.

Ecco una parte del loro studio:

Dal rapporto  Science, Public Health Policy and the Law  :

L’uso di vaccini mRNA in gravidanza è ora generalmente considerato sicuro per la protezione contro il COVID-19 in paesi come la Nuova Zelanda, gli Stati Uniti e l’Australia. Tuttavia, l’autorevole articolo sponsorizzato dal CDC di Shimabukuro et al. (2021) utilizzato per supportare questa idea, a un esame più attento, fornisce poche garanzie, in particolare per coloro esposti all’inizio della gravidanza. Lo studio presenta statistiche falsamente rassicuranti relative al rischio di aborto spontaneo all’inizio della gravidanza, dal momento che la maggior parte delle donne nel calcolo sono state esposte al prodotto mRNA dopo che è stato definito il periodo di esito (20 settimane di gestazione).

In questo articolo, attiriamo l’attenzione su questi errori e ricalcoliamo il rischio di questo risultato in base alla coorte che è stata esposta al vaccino prima della 20a settimana di gestazione.  La nostra nuova analisi indica un’incidenza cumulativa  di aborto spontaneo da 7 a 8 volte superiore  ai risultati degli autori originali  (p <0,001) e alla media tipica per la perdita di gravidanza durante questo periodo di tempo. Alla luce di questi risultati, le decisioni politiche chiave sono state prese utilizzando dati inaffidabili e discutibili. Concludiamo che le affermazioni fatte utilizzando questi dati sulla sicurezza dell’esposizione delle donne all’inizio della gravidanza ai vaccini a base di mRNA per prevenire il COVID-19 sono ingiustificate e raccomandiamo di rivedere tali decisioni politiche.

Lo studio indica che almeno l’81,9% (≥ 104/127) ha subito un aborto spontaneo in seguito all’esposizione all’mRNA prima delle 20 settimane e il 92,3% (96/104) degli aborti spontanei si è verificato prima della 13a settimana di gestazione.

Mettiamo in discussione le conclusioni dello studio di Shimabukuro et al.[4]  per supportare l’uso del vaccino mRNA all’inizio della gravidanza, che ora è stato frettolosamente incorporato in molte linee guida internazionali per l’uso del vaccino, anche in Nuova Zelanda.[1] L’ipotesi che l’esposizione nella coorte del terzo trimestre sia rappresentativa dell’effetto dell’esposizione durante la gravidanza è discutibile e ignora l’esperienza passata con farmaci come il talidomide. [38] La prova della sicurezza del prodotto quando viene utilizzato nel primo e nel secondo trimestre non può essere stabilita fino a quando queste coorti non sono state seguite almeno per il periodo perinatale o la sicurezza a lungo termine determinata per uno qualsiasi dei bambini nati da madri inoculate durante la gravidanza. Inoltre, il produttore del prodotto, Pfizer, contraddice queste assicurazioni, affermando: “i dati disponibili su Comirnaty somministrato a donne in gravidanza sono insufficienti per informare i rischi associati al vaccino in gravidanza”  e  “non è noto se Comirnaty sia escreto nel latte umano” in  quanto “non sono disponibili dati per valutare gli effetti di Comirnaty sull’allattamento al seno infante”  (pagina 14).[39]

Pfizer, è stato osservato, afferma sull’etichetta del suo vaccino che i dati disponibili sul vaccino “somministrati alle donne in gravidanza sono insufficienti per informare i rischi associati al vaccino in gravidanza”.

A causa della natura del lancio del vaccino mRNA, gli operatori sanitari devono segnalare eventuali problemi in gravidanza per determinare ulteriormente la sicurezza di questo prodotto. Si deve usare cautela nella somministrazione dei vaccini in gravidanza, come indicato dalla possibile associazione tra l’esposizione a vaccini antinfluenzali contenenti H1N1pdm09 (2010-11 e 2011-12) e l’aborto spontaneo .[40]  Considerando le prove qui presentate, suggeriamo l’immediato ritiro dell’uso del vaccino mRNA in gravidanza  (categoria X)[41]  e in allattamento, insieme al ritiro dei vaccini mRNA ai bambini o a quelli in età fertile nella popolazione generale, fino a quando in questi gruppi non saranno stabiliti dati più convincenti relativi alla sicurezza e agli impatti a lungo termine su fertilità, gravidanza e riproduzione.

Nota dell’editore 1:  questo rapporto è stato sottoposto a revisione paritaria da revisori non affiliati agli autori.  Il processo è stato in cieco singolo (gli autori non sanno chi siano i revisori).

Nota dell’editore 2 : il 24 giugno 2021, il dott. Shimabukuro ha anche presentato i dati del Vaccine Safety Datalink al comitato consultivo statunitense sulle pratiche di immunizzazione (ACIP) e ha concluso che il sistema non ha rilevato eventi avversi gravi (zero) o decessi che potrebbero essere attribuiti al vaccino contro il COVID-19.  Il 10 giugno 2021, il Dr. Shimabukuro non ha segnalato un aumento del rischio di miocardite utilizzando i dati del VSD al Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC). Subito dopo queste presentazioni, la FDA statunitense ha emesso un avviso sul rischio di miocardite e pericardite dal vaccino Pfizer/Biontech Bnt162b2/Comirnaty.

Le informazioni presentate all’ACIP sono state fondamentali nella loro decisione sulle raccomandazioni sui vaccini. Ho affrontato l’assenza e il fallimento della “farmacovigilanza” in un recente Editoriale su questa rivista.

 Rapporti di Epoch Times –

Lo  studio , tuttavia, è stato  corretto il  mese scorso dopo che  sono  state sollevate preoccupazioni da un ricercatore in Belgio. Gli scienziati del CDC hanno riconosciuto che avrebbero dovuto chiarire che non potevano calcolare con precisione una stima del rischio per aborti spontanei perché i dati di follow-up non erano ancora disponibili per la maggior parte delle donne.

La correzione ha risolto alcuni dei problemi, ma ce ne sono ancora di più, secondo il dott. Simon Thornley, docente senior nella sezione di epidemiologia e biostatistica dell’Università di Auckland, e la dott.ssa Aleisha Brock, un altro ricercatore in  Nuova Zelanda .

I ricercatori del CDC hanno concluso che i loro risultati non hanno mostrato alcun evidente segnale di sicurezza tra le donne in gravidanza che hanno ricevuto i vaccini Pfizer o Moderna. Hanno detto che i loro risultati non rappresentano necessariamente la posizione del CDC, ma l’agenzia si collega allo studio sul suo sito Web e lo ha  utilizzato  per promuovere la vaccinazione nelle donne in gravidanza, e una richiesta inviata all’autore principale dello studio è stata inoltrata a un portavoce del CDC, che ha indicato una dichiarazione di agosto per quanto riguarda lo studio.

“Siamo consapevoli che alcuni dati sono stati utilizzati per calcolare un tasso più elevato di aborto spontaneo. Questo non è un calcolo appropriato basato sui dati disponibili perché erano in corso più di 1.000 gravidanze e i loro dati sugli esiti non erano disponibili al momento del rapporto. Circa il 10-25 [percento] delle gravidanze note termina con un aborto spontaneo. Gli esperti del CDC continueranno a studiare gli effetti della vaccinazione COVID-19 sulle gravidanze e a monitorare attentamente eventuali problemi di sicurezza”, ha affermato l’agenzia all’epoca.

La portavoce ha anche fatto riferimento a  due   lettere di ricerca riguardanti le donne incinte e i vaccini COVID-19 che sono state successivamente pubblicate. Uno proveniva da ricercatori del CDC che hanno affermato che il rischio stimato di aborti spontanei dopo la vaccinazione rientrava nell’intervallo di aborti che si verificano effettivamente. L’altro, da ricercatori esterni, ha studiato i dati del CDC e ha raggiunto una conclusione simile.

“Questi risultati sono rassicuranti e possono aiutare a informare le discussioni sulla vaccinazione COVID-19 durante la gravidanza tra le persone incinte e i loro operatori sanitari”, ha detto la portavoce, aggiungendo che “Crescendo le prove sulla sicurezza e l’efficacia della vaccinazione COVID-19 durante la gravidanza dimostra che il i benefici di ricevere un vaccino COVID-19 superano qualsiasi rischio noto o potenziale”.

Il CDC  raccomanda  alle donne incinte di sottoporsi a un vaccino COVID-19, con poche eccezioni.

Thornley non è così sicuro. Ha detto che gli studi non mostrano un aumento del rischio successivamente al vaccino, ma ci sono alcune domande riguardanti la selezione dei partecipanti.

“Ci sono almeno alcune domande relative alla selezione dei partecipanti che sono un problema per gli studi case-controllo, rispetto a un’analisi di coorte come quella trovata nei dati del CDC. I dati che affrontano questo problema di sicurezza, in particolare per quanto riguarda l’esposizione ai vaccini mRNA all’inizio della gravidanza, sono scarsi, dalle prove pubblicate, e metterei in dubbio chiunque lo creda in qualche modo conclusivo”, ha detto a The Epoch Times.

“Dal momento che il rischio di morte o esito grave a seguito dell’infezione da COVID-19 è generalmente estremamente basso per legiovani, comprese quelle in gravidanza, mettiamo in guardia dall’uso del vaccino, data la sostanziale incertezza che esiste”, ha aggiunto.

Sarebbe fantastico se ci fosse una fonte centrale di informazioni fattuali che non sia contaminata da opinioni politiche e agenzie governative o leader eletti, compresi coloro che beneficiano dei contributi finanziari dati loro da big pharma che stanno per fare miliardi sulla produzione e vendita dei loro vaccini COVID. Non c’è da meravigliarsi se gli americani non si fidano più del nostro governo o dei media aziendali del DNC.

Fonte  https://www.thegatewaypundit.com/2021/11/breaking-researchers-peer-reviewed-study-call-immediate-withdrawal-mrna-covid-vaccines-use-pregnancy-breastfeeding-childgiving-age-children/

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!