Deep StateEight O’Clock in the MorningScienza e Tecnologia

Obama fa pressioni sulle Big Tech della Silicon Valley contro la “disinformazione”.

Giovedì l’ ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha invitato le aziende tecnologiche a fornire maggiore trasparenza sul modo in cui promuovono i contenuti e una regolamentazione più rigorosa del settore per combattere quello che ha definito il “problema della disinformazione”.

Obama, parlando nel cuore della Silicon Valley a Stanford, in California, ha fatto della lotta alla disinformazione un pilastro fondamentale del suo post-presidenza. Il dibattito sulla diffusione di informazioni ingannevoli online ha acquisito notevole urgenza sulla scia delle falsità sul Covid-19 e sull’esito delle elezioni presidenziali del 2020.

“I social media non hanno creato razzismo o gruppi di suprematisti bianchi. Non hanno creato il tipo di etnonazionalismo di cui (il presidente russo Vladimir) Putin è estasiata”, ha detto Obama. “Tutte queste cose esistevano molto prima del primo tweet o poke di Facebook. Risolvere il problema della disinformazione non curerà tutto ciò che affligge le nostre democrazie o le lacrime al tessuto del nostro mondo. Ma può aiutare a reprimere le divisioni e farci ricostruire la fiducia e solidarietà necessaria”.

Il 44° presidente ha chiesto espressamente alle aziende tecnologiche di essere più trasparenti su come funzionano i loro algoritmi.

“Queste aziende sono ancora troppo caute su come funzionano esattamente i loro standard o su come i loro sistemi di classificazione del coinvolgimento influenzano ciò che diventa virale e cosa no”, ha affermato.

“Per sempre più persone, le piattaforme di ricerca e i social media non sono solo la nostra finestra su Internet. Servono come la nostra principale fonte di notizie e informazioni. Nessuno ci dice che la finestra è sfocata, soggetta a distorsioni invisibili e sottili manipolazioni”, ha detto.

Obama ha affermato che la progettazione delle principali piattaforme di social media si basava sulla massimizzazione del coinvolgimento in modo che le persone trascorressero più tempo sui loro siti.

“Purtroppo, si scopre che il contenuto polarizzante attrae e coinvolge”, ha detto. “Altre caratteristiche di queste piattaforme hanno aggravato il problema. Ad esempio, il modo in cui i contenuti appaiono sul tuo telefono, così come il velo di anonimato che le piattaforme forniscono ai loro utenti, molte volte possono rendere impossibile distinguere tra, diciamo , un articolo sottoposto a revisione paritaria dal dottor Anthony Fauci e una cura miracolosa proposta da un venditore ambulante.”

Facendo riferimento al ruolo svolto dalla disinformazione nel movimento anti-vaccinazione negli Stati Uniti e al modo in cui ha promosso l’esitazione sui vaccini , Obama ha affermato: “Le persone stanno morendo a causa della disinformazione”.

L’ex presidente ha anche affermato che è giunto il momento per il governo degli Stati Uniti di prendere in considerazione la regolamentazione di parti della Big Tech e possibilmente di esaminare il ruolo della sezione 230 del Communications Decency Act, che, in parte, protegge le società di social media dall’essere ritenute responsabili di ciò che è sulle loro piattaforme.

Mentre il discorso di Obama si è concentrato molto sul ruolo dei social media, ha brevemente menzionato il ruolo che i media tradizionali possono svolgere nell’amplificare la divisione o la disinformazione.

Una ennesima chiamata alla censura da parte dei Dem che in questo momento hanno bisogno di tutta la copertura possibile in vista degli eventi prossimi a travolgerli.

Tutto è alla luce del sole.

[jetpack_subscription_form]

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!