Bersaglio MobileDeep StateEconomia

PANDORA PAPERS, OCCULTE PROPRIETA’ DI EMIRI A LONDRA. Dossier rivela 1.500 Immobili di 716 Società Offshore. Anche a Trafalgar Square

ENGLISH VERSION HERE

Il dossier di oltre 11,9 milioni di file riservati, i Pandora Papers, pubblicato domenica dall’International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), è stato pubblicizzato come se facesse luce sui presunti schemi finanziari ombra e sulle attività offshore di centinaia di personaggi politici di tutto il mondo. il globo.

Oltre 1.500 proprietà nel Regno Unito per un valore stimato di 4 miliardi di sterline sono segretamente di proprietà di una serie di capi di governo, politici stranieri, magnati e famiglie regnanti di alto profilo tramite 716 società offshore, secondo The Guardian.

Incrociando i dati del dipartimento del catasto del Regno Unito sulle proprietà detenute all’estero con la fuga di documenti finanziari offshore di domenica dai Pandora Papers dell’International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), media come BBC, The Guardian, Finance Uncovered e altri affermano di avere ha rivelato le identità di circa 600 persone dietro società straniere che possiedono proprietà in Inghilterra e Galles.

La maggior parte delle proprietà si trova a Londra, in particolare nei quartieri di Westminster e Kensington. Mentre si dice che i proprietari provengano da ogni continente, in rappresentanza di 78 nazionalità, più di un quarto sono britannici. Tutti gli acquirenti di proprietà con sede nel Regno Unito sono tenuti per legge a rivelare la propria identità tramite un dipartimento non ministeriale, il registro fondiario e la Companies House. Tuttavia, coloro la cui ricchezza consente loro di farlo, assumono team di professionisti per creare entità offshore che consentano loro di mantenere il controllo sulla loro proprietà.

Le società offshore coinvolte, secondo i media, sono riconducibili a giurisdizioni come le Seychelles, le Isole Cook, il Jersey, ma prevalentemente il territorio britannico d’oltremare delle Isole Vergini britanniche. Sebbene il processo di acquisizione di proprietà tramite società offshore sia di per sé legale, il governo del Regno Unito ha sottolineato i rischi di riciclaggio di denaro per il mercato immobiliare nei casi in cui vi siano “difficoltà nel determinare i beneficiari finali”, secondo un rapporto del Ministero degli Interni realizzato lo scorso dicembre .

L’acquisizione offshore di proprietà è stata anche citata come un potenziale mezzo per evitare l’attenzione dell’HM Revenue and Customs (HMRC).

MAGNATI DEGLI AFFARI

Pertanto, tra coloro la cui identità è stata rivelata dall’indagine c’è il magnate del commercio al dettaglio Sir Philip Green. Sua moglie, Tina, è stata rivelata dai punti vendita di aver acquistato segretamente nel 2016 attraverso società anonime con sede nelle Isole Vergini britanniche proprietà immobiliari londinesi multimilionarie prima del crollo della loro catena di grandi magazzini British Home Stores (BHS). La proprietà così acquistata includeva un appartamento da 15 milioni di sterline a Mayfair e una casa per la figlia dei Green vicino a Buckingham Palace, del valore di 10,6 milioni di sterline.

Il co-fondatore di PrivatBank, Gennadiy Bogolyubov, un miliardario ucraino attualmente sotto indagine dell’FBI per riciclaggio di denaro, si rivela il proprietario finale di una collezione di proprietà del Regno Unito del valore di circa 400 milioni di sterline, tra cui un edificio in Trafalgar Square. I beni del signor Bogolyubov sono attualmente soggetti a un congelamento mondiale, garantito in tribunale da PrivatBank nel 2017.

FAMIGLIE REALI

L’indagine congiunta dei media britannici e dell’ICIJ offre uno sguardo al portafoglio di proprietà del Regno Unito della famiglia regnante del Qatar. Si dice che la famiglia Al-Thani abbia acquisito due proprietà che si affacciano su Regent’s Park a Londra, attraverso società offshore, evitando milioni di sterline di tasse.

Si scopre che il re di Giordania Abdullah II bin Al-Hussein ha speso più di 70 milioni di sterline (100 milioni di dollari) in proprietà nel Regno Unito e negli Stati Uniti da quando ha assunto il potere nel 1999. Il portafoglio immobiliare includeva case a Londra e Ascot nel Regno Unito. Leader mondiali Per quanto riguarda le proprietà britanniche offshore di proprietà di leader stranieri, secondo le rivelazioni dei Pandora Papers la famiglia del presidente del Kenya Uhuru Kenyatta ha fatto ricorso a società offshore di proprietà segreta per acquistare un appartamento nel centro di Londra. Anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky viene evidenziato come aver partecipato a una rete di società offshore, in comproprietà con amici e partner commerciali televisivi, che detenevano beni tra cui appartamenti vicino al Regent’s Park di Londra, ha affermato The Guardian.

FINANZIATORI DEL PARTITO CONSERVATORE DEL REGNO UNITO

Sono state sollevate domande poiché l’indagine ha rivelato che i principali donatori Tory hanno investito in proprietà attraverso società offshore. L’uomo d’affari e filantropo britannico Mohammed Amersi, fondatore e presidente dell’Inclusive Ventures Group e presidente del QML Group, è uno dei principali donatori del Partito conservatore, che ha contribuito alla campagna del primo ministro Boris Johnson.

Amersi ha acquistato due proprietà ricorrendo a società offshore, hanno affermato i punti vendita, una residenza a Mayfair e una casa di campagna nel Gloucestershire. Mohammed Amersi si è recentemente ritrovato impantanato in uno scandalo “cash for access” riguardo alle affermazioni secondo cui i donatori Tory ad alto budget sono stati in grado di ottenere incontri regolari con il primo ministro e il cancelliere. Amersi nega ogni addebito.

L’attuale esame approfondito della proprietà straniera arriva quando i piani per un registro delle società estere che possiedono proprietà del Regno Unito sono stati annunciati per la prima volta nel 2016 dall’allora primo ministro David Cameron, per garantire che “individui e paesi corrotti non saranno più in grado di spostare, riciclare e nascondere fondi illeciti attraverso il mercato immobiliare di Londra, e non beneficeranno dei nostri fondi pubblici”.

Dopo la pubblicazione del progetto di legge, nel discorso della regina del 2019 sono stati promessi “progressi” sulla modifica della legge. All’inizio di quest’anno il governo di Boris Johnson ha ribadito il suo impegno a creare un registro pubblico delle entità estere che possiedono proprietà immobiliari nel Regno Unito, con la legge ancora da presentare al Parlamento.

FONTE: articolo di Svetlana Ekimenko pubblicato su Sputnik International

Fabio G. C. Carisio

Fabio Giuseppe Carlo Carisio, classe 1967, è giornalista pubblicista dal 1991. Ha diretto vari giornali locali piemontesi ed è stato corrispondente per i quotidiani Il Giornale e Libero. Nel 2018 ha fondato il webmedia di informazione giornalistica cristiana Gospa News. Dal 2019 è autore sul sito americano di gepolitica ed intelligence militare Veterans Today. Le sue investigazioni internazionali sono state pubblicate su Reseau International, Sputnik Italia, Maurizio Blondet e altri portali di contro-informazione. Alcune inchieste sono state tradotte in varie lingue e pubblicate su siti cinesi, russi, bulgari, mediorientali e latino americani. https://gospanews.net

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!