Database Italia

“Passaporti sanitari” per viaggiare in aereo. Obblighi vaccinali avvolti nell’illusione della scelta

Un gruppo di lobbying delle compagnie aeree ha offerto volontariamente il suo servizio come tutore del settore privato per i mandati vaccinali Covid che molti paesi hanno promesso di non emanare. Buona fortuna per il volo, o per trovare un lavoro, o per i sussidi governativi.

L’amministratore delegato della compagnia aerea australiana Qantas ha dichiarato che tutti i viaggiatori internazionali saranno presto tenuti a fornire la prova della vaccinazione contro il nuovo coronavirus prima di essere ammessi a bordo.  

Mentre i membri dell’establishment pensano che sia un’idea strepitosa, gli scettici sono inorriditi al pensiero che una società privata possa costringerli a consumare una miscela farmaceutica solo per volare.

L’aspetto più sinistro di una tale politica, tuttavia, è che non sarà affatto forzata. Gli aspiranti viaggiatori possono farsi vaccinare , o restare a casa. 

L’illusione della “scelta ” aggira abilmente il folto di questioni legali che circondano la vaccinazione obbligatoria nella maggior parte dei paesi occidentali, poiché anche le leggi di emergenza pandemiche più draconiane incontrano difficoltà quando cercano di imporre ciò che equivarrebbe a esperimenti farmaceutici su partecipanti riluttanti. Il Codice di Norimberga e la Convenzione di Ginevra, del resto, esistono per una ragione, e la vergogna pubblica a livello nucleare schierata contro i cosiddetti “anti-vaxxer” serve proprio al condizionamento.

Utilizzare la “carota” – esenzione dalle restrizioni di viaggio e quarantene di settimane, ingresso a concerti e partite di calcio e altri vantaggi – piuttosto che il “bastone” di obblighi e arresti è molto più probabile che spinga le popolazioni riluttanti all’ago. 

Il governo della Slovacchia è stato in grado di testare un enorme 97% della sua popolazione in meno di tre settimane, premiando i conformi con certificati che li esonerano dal coprifuoco e dalle restrizioni e la  ” nudge unit ” del Regno Unito  sta valutando di abbracciare questo paradigma per la vaccinazione stessa. L’International Air Transport Association (IATA), un gruppo di lobbying di compagnie aeree globali, ha dimostrato con il suo sostegno alla discutibile ricerca di Qantas di essere al 100% a bordo.

Mentre scoppiava il contraccolpo all’annuncio della compagnia aerea australiana, guidato dalla promessa dell’agenzia di viaggi britannica Tradewinds Travel di  non fare affari  con Qantas in futuro, la IATA ha rivelato che l’intero settore seguirà le orme della compagnia aerea. Non solo i passeggeri dovranno fornire la prova della vaccinazione, ma dovranno anche scaricare e utilizzare un’app mobile per il “passaporto sanitario“. In effetti, il gruppo sta già  lavorando  a un “Travel Pass” che consentirà ai passeggeri di mostrare in aeroporto sia lo stato di vaccinazione che i risultati dei test Covid-19: la privacy è condannata. 

Gli sforzi della IATA hanno il sostegno dell’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile delle Nazioni Unite (ICAO), che definisce gli standard internazionali per i viaggi aerei. Ma è lo status di settore privato delle singole compagnie aeree che rende le loro normative promesse così preziose per i governi che altrimenti sarebbero limitati dall’influenzare l’integrità fisica dei loro cittadini con i mandati sui vaccini. Proprio come Google, Facebook e Twitter sono armati dagli Stati Uniti e dai governi alleati per eludere i diritti dei cittadini alla libertà di parola, le compagnie aeree possono adottare qualunque regola vogliano. Non vuoi ricevere il vaccino? Compra il tuo jet privato, diranno.

Il Travel Pass della IATA è tutt’altro che l’unico concorrente nel campo del passaporto sanitario. Il CommonPass del World Economic Forum  , finanziato dall’onnipresente Fondazione Rockefeller, è emerso come il chiaro capofila all’inizio di questo mese quando tre conglomerati di compagnie aeree si sono allineati dietro di esso, emettendo una dichiarazione congiunta che esorta i governi ad abbracciare passaporti sanitari che distruggono la privacy   sulle quarantene che calpestano la libertà .

In effetti, è stato il WEF che anni fa ha elaborato il prototipo di questi passaporti sanitari con il suo programma Known Traveller Digital Identity. L’organizzazione ha ammesso timidamente   che sta attualmente testando  “componenti del concetto KTDI in un contesto reale e transfrontaliero”  e sta lavorando con la IATA e l’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale per spingere il programma nella gola del mondo.

Non che occorra spingere molto. I poteri sembrano fiduciosi che, dopo ‘Lockdown 2.0’, la maggior parte delle persone sarà così divorata dalla febbre da cabina che salterà attraverso qualsiasi cerchio immaginabile solo per salire a bordo di un aereo e uscire da ovunque si trovi. I “voli per il nulla” che decollano e atterrano negli stessi aeroporti in Australia e Hong Kong all’inizio di quest’anno hanno già dimostrato che i frequent flyer non vedono l’ora di tornare in aria.

Ma anche il viaggiatore più disperato dovrebbe diffidare di ciò per cui si sta registrando. Il WEF non ha nascosto il suo desiderio di sbarazzarsi dei contanti nella sua tentacolare trama del ” Great Reset ”, abbracciando le valute digitali della banca centrale (CBDC) tracciate tramite blockchain (proprio come CommonPass, KTDI e altre varianti del passaporto sanitario). L’establishment ha fortemente suggerito che le persone che vogliono lavorare in questo nuovo e coraggioso mondo dovranno avere i loro  vaccini  aggiornati, e una società senza contanti significa che i non conformi non saranno solo esclusi dal viaggio e dal lavoro – Ma probabilmente non potranno condurre alcuna transazione. 

Certo, sarà fantastico poter viaggiare di nuovo per il mondo. Ma vale davvero la pena consegnare gli ultimi brandelli di privacy e controllo sul proprio corpo a un gruppo di megalomani non eletti e sociopatici?



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments