Database Italia

Pepite di pollo stampate in 3D – KFC avvia la produzione in Russia

KFC ha stretto una collaborazione con una società di ricerca biotecnologica russa per creare le prime crocchette di pollo prodotte in laboratorio al mondo questo autunno.

La catena di fast food e la russa 3D Bioprinting Solutions, fondata dalla società medica privata Invitro, hanno  annunciato giovedì la partnership in una gara globale in crescita per trovare alternative alla carne sicure e dal sapore autentico. 

Le soluzioni di bioprinting 3D useranno le cellule di pollo e il materiale vegetale per “riprodurre il gusto e la consistenza della carne di pollo, senza coinvolgere gli animali”, mentre KFC fornirà la sua impanatura e le sue spezie.

Gli ingredienti saranno “stampati” in crocchette di pollo utilizzando la tecnologia delle soluzioni di bioprinting 3D.

L’idea di coltivare carne nei laboratori utilizzando cellule animali ha guadagnato popolarità negli ultimi anni, poiché i consumatori di tutto il mondo cercano modi più etici e rispettosi dell’ambiente per mangiare carne senza dover necessariamente ricorrere ad alternative a base vegetale.

“La vendita del prodotto finale per i test è già prevista per l’autunno del 2020 a Mosca”, ha dichiarato la società russa in un comunicato stampa.

Non era ancora chiaro quando le pepite sarebbero state disponibili al pubblico. Raisa Polyakova, direttore generale di KFC Russia, ha dichiarato in un comunicato stampa che “sta lavorando per renderlo disponibile a migliaia di persone in Russia e, se possibile, in tutto il mondo”.

Alla domanda sul bioprinting delle ali e delle cosce di pollo molto popolari e tra le più vendute da KFC, la direttrice delle comunicazioni di KFC Russia Irina Gushchina ha  affermato che non è ancora possibile riprodurre le ossa all’interno della carne.

Yusef Khesuani, co-fondatore e socio amministratore di 3D Bioprinting Solutions, ha dichiarato che l’esperimento “contribuirà ad accelerare il lancio sul mercato di prodotti a base di carne da cellule”. 

La carne coltivata localmente potrebbe apparire sugli scaffali russi già nel 2023 a seconda di quando sarà resa legale, secondo l’ Ochakov Food Ingredients Plant, che l’ anno scorso ha prodotto il primo pezzo di carne coltivato artificialmente nel paese .



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.