Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali PERCHÈ BOICOTTARE PAYPAL – La Polizia del pensiero

PERCHÈ BOICOTTARE PAYPAL – La Polizia del pensiero

0

Cosa dobbiamo pensare dell’ultimo attacco di bullismo aziendale, questa volta da parte di PayPal, che ha iniziato a cancellare i conti di coloro, compresi noi, le cui opinioni divergono dalle sue?

Quando ero piccolo, sono state le banche a essere boicottate dai clienti per motivi politici, la più famosa, Barclays, perseguitata dai suoi investimenti nell’apartheid in Sud Africa.

Il gigante è stato infine costretto a ritirarsi dal paese nel 1986 dopo oltre un decennio di proteste.

Nessuno aprì un conto alla Barclays, tanto era offuscato dai suoi legami con uno stato paria. Secondo quanto riferito, la quota della banca nel mercato studentesco è scesa dal 27% al 15% nel periodo.

Oggi le grandi imprese sono ancora chiamate a rendere conto di associazioni dubbie, ma i consigli di amministrazione ora pensano due volte ai loro profili etici.

Questo, tuttavia, ha creato un nuovo problema, in particolare con i titani della tecnologia che si sono impostati come arbitri morali e sfruttano il loro potere giocando a fare Dio con le vite e i mezzi di sussistenza dei clienti.

Nel caso di PayPal, i nostri conti sono stati chiusi, senza preavviso, a quanto pare perché avremmo violato le politiche di “uso accettabile” della società di pagamenti online con sede negli Stati Uniti.

Il nostro conto PayPal è stato chiuso a causa della “natura delle nostre attività”. Vendiamo forse droga, armi, etc.? No! Offriamo cultura, vendiamo libri e aiutiamo dove possibile e chiediamo sostegno volontario per i contenuti gratuiti del sito.

Sospetto che siano state le nostre inchieste sui vaccini mRNA o il nostro scetticismo sui lockdown ai tempi del Covid ad aver sconvolto PayPal . Sappiamo anche che mettere in dubbio l'”emergenza climatica” potrebbe innervosire il gigante. È difficile non trarre la conclusione che si tratti di una cancellazione motivata politicamente.

Queste sono tutte questioni controverse, ma censurare il dibattito non è la via da seguire. C’è qualcosa di profondamente sinistro nel totalitarismo tecnologico di Golia contro Davide che mette a tacere coloro che sfidano le credenze alla moda.

Non è solo PayPal, ovviamente. Le piattaforme di social media hanno preso l’abitudine di rimuovere i contenuti che non rispettano la loro linea e hanno bandito gli utenti che contestano la loro versione ristretta della verità.

Ciò è diventato particolarmente pernicioso durante la pandemia, quando scienziati rispettati che hanno criticato la risposta al Covid si sono trovati bloccati da player del calibro di Twitter e Facebook.

Secondo il British Medical Journal, Facebook ha rimosso 16 milioni di contenuti e ha aggiunto avvisi a circa 167 milioni durante la pandemia e YouTube ha rimosso più di 850.000 video relativi a “informazioni mediche pericolose o fuorvianti sul Covid-19”. Ovviamente anche noi siamo stati bannati da Facebook e due pagine di cui una con oltre 30.000 utenti, sono state chiuse definitivamente.

È improbabile che gli “esperti” nominati da queste piattaforme per arbitrare su questioni mediche complesse siano adeguatamente qualificati per valutare cosa è e cosa non è disinformazione, la scusa generale per vietare fatti scomodi. Possono anche, come sembra probabile, essere motivati ​​da pregiudizi politici.

Cosa fare, però, di fronte alle tattiche del Grande Fratello che cercano sempre più di sorvegliare l’opinione pubblica?

Come editore e fondatore di Database International LTD ho provato a fare appello a PayPal per una spiegazione, ma non ci sono riuscito: “Come spesso accade quando si ha a che fare con questi colossi della Silicon Valley, è impossibile interpellarli. Non c’è riparazione se decidono di chiudere il tuo account”. Compresi quelli personali.

La legislazione è la risposta per “impedire ad aziende come PayPal di demonetizzare organizzazioni e individui perché i loro dipendenti disapprovano le loro opinioni”.

Le azioni di PayPal dovrebbero essere soggette alle leggi antidiscriminazione del nostro paese. Esortiamo infatti chi di dovere a indagare.

Fino a quando ciò non accadrà, c’è una strada più diretta per vendicare il tentativo di acquisizione ideologica da parte dei monopoli online e del metaverso : cancellarli. BOICOTTARLI.

A questo punto vista l’arroganza e la mancanza di comunicazione con i loro stessi clienti, vi consiglio vivamente di chiudere i vostri conti PayPal. Le grandi aziende tecnologiche che sentono di poter fare le prepotenti con le persone perché mettono in discussione il pensiero di gruppo mainstream non meritano gli affari di nessuno”.

Si dice che in centinaia si siano uniti a questa azione, boicottando il servizio in segno di solidarietà. Ciò potrebbe non mettere in ginocchio PayPal – e solleva ovvie difficoltà a rinunciare a Twitter e ad altri canali di comunicazione di massa – ma è un inizio. E farebbe sentire molto meglio alcuni di noi, proprio come fermare il colosso Barclays, se per un momento, è stato fatto nell’era pre-digitale.

Qualora Paypal volesse rispondere o fare un comunicato relativo al nostro articolo può scriverci al seguente indirizzo e-mail: [email protected] Dubito ma resto speranzoso

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleINDAGINI OSINT RIVELANO LE REALI PERDITE DELL’ESERCITO UCRAINO
Next articleIl bilancio è in fiamme, i soldi vanno via a fiumi: l’economia tedesca è al collasso a causa delle sanzioni
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.