Quantcast
Database Italia

Perché Brennan, Strzok e DOJ avevano bisogno dell’arresto di Julian Assange

Secondo i rapporti del novembre 2019, il procuratore degli Stati Uniti John Durham e il procuratore generale degli Stati Uniti Bill Barr stavano dedicando del tempo a un focus ristretto guardando attentamente l’attività della CIA nelle elezioni presidenziali del 2016. Una citazione recente di una  voce dei media  sempre più solidale con un Deep-State politico osserva:

“Un funzionario britannico con conoscenza della lista dei desideri di Barr presentata a Londra ha commentato che” non è come se niente ci fosse mai capitato prima, stanno sostanzialmente chiedendo, in termini abbastanza robusti, aiuto per svolgere un lavoro di scure sui nostri servizi di intelligence “” . ( Collegamento )

È interessante che la citazione provenga da un funzionario dell’intelligence britannica, poiché sembrano esserci prove di un’ampia operazione della CIA che probabilmente ha coinvolto i servizi di intelligence britannici. Inoltre, e come risultato diretto, c’è un aspetto dell’operazione della CIA che si sovrappone alla necessità sia degli Stati Uniti che del Regno Unito di mantenere il fondatore di Wikileaks Julian Assange sotto stretto controllo. In questo schema spiegheremo dove si fondono gli interessi corrotti degli Stati Uniti e del Regno Unito.

Per comprendere il rischio che Julian Assange rappresentava per gli interessi della CIA, è importante capire quanto fossero estese le operazioni della CIA nel 2016. È all’interno di questa rete di operazioni estere e nazionali che l’agente dell’FBI Peter Strzok sta chiaramente lavorando da ponte tra le operazioni della CIA e dell’FBI.

Ormai le persone hanno familiarità con la costruzione delle operazioni della  CIA che  coinvolgono Joseph Mifsud, il professore maltese ora generalmente ammesso / identificato come un agente dell’intelligence occidentale incaricato dalla CIA (John Brennan) di eseguire un’operazione contro il funzionario della campagna Trump George Papadopoulos in entrambi i paesi, Italia (Roma) e Londra. { Go Deep }

In modo simile, la CIA ha incaricato la  risorsa dell’intelligence statunitense Stefan Halper di  prendere di mira un altro funzionario della campagna di Trump, Carter Page. Sotto gli auspici di Cambridge, il professor Stefan Halper prese di mira anche il generale Michael Flynn. Inoltre, avvalendosi dell’assistenza di un’agente dell’FBI con il falso nome Azra Turk, Halper prese di mira anche  Papadopoulos .

Le operazioni iniziali per prendere di mira Flynn, Papadopoulos e Page erano tutte basate all’estero. Questo apparentemente rende molto più facile lo sfruttamento da parte della CIA degli asset e degli obiettivi.

Uno degli aspetti più interessanti dell’indagine Durham è la possibilità di una traccia cartacea creata a seguito delle operazioni di ingaggio. Dovremmo guardare da vicino per ulteriori prove di una traccia cartacea poiché alcuni rappresentanti del Congresso hanno accennato a prove documentate (trascrizioni, registrazioni, rapporti) che sono a discarico per i bersagli (Page e Papadop). Devin Nunes, membro del HPSCI, ha fortemente accennato al fatto che  prove a discolpa molto specifiche  erano note all’FBI e tuttavia nascoste dalla FISA utilizzata contro Carter Page che menziona anche George Papadopoulos.

Tuttavia, c’è un aspetto dell’operazione interna statunitense che porta anche le impronte digitali della CIA; solo che questa volta a causa delle leggi restrittive sugli obiettivi all’interno degli Stati Uniti l’aspetto della CIA è meno prominente. È qui che l’agente dell’FBI Peter Strzok che lavora per entrambe le agenzie inizia a diventare importante.

Ricorda, è chiaro nei messaggi di testo che Strzok ha un rapporto di lavoro con quella che chiamava la loro “agenzia sorella”, la CIA. Inoltre, Brennan  ha ammesso che  Strzok ha contribuito a scrivere l’Intelligence Community Assessment (ICA) del gennaio 2017 che delinea la narrativa russa; ed è quasi garantito che il 31 luglio 2016, “Comunicazione elettronica” dalla CIA all’FBI che ha dato origine all’operazione dell’FBI “Crossfire Hurricane” è stata co-autrice della CIA da Strzok…. e Strzok usò immediatamente quella CE per  recarsi a Londra  per interrogare i funzionari dell’intelligence attorno all’ambasciatore australiano nel Regno Unito Alexander Downer.

In breve, Peter Strzok sembra essere l’aspirante James Bond molto ansioso e profondamente zelante, che ha agito da ponte tra la CIA e l’FBI. Il tipo perfetto di agente di carriera dell’FBI che il direttore della CIA John Brennan può utilizzare.

Il fondatore di Fusion-GPS Glenn Simpson ha assunto l’analista CIA Open Source Nellie Ohr verso la  fine del 2015 ; in modo appropriato nello stesso momento in cui sono stati identificati ” appaltatori dell’FBI ” sfruttando il database della NSA ed estraendo informazioni su un gruppo specifico di persone statunitensi.

È stato anche il fondatore di Fusion-GPS Glenn Simpson a essere incaricato internamente da una lobbista russa di nome Natalia Veselnitskya. Un sostituto procuratore generale russo di nome Saak Albertovich Karapetyan, poco conosciuto, lavorava come doppio agente per la CIA e il Cremlino. Karapetyan stava  dirigendo le operazioni estere  di Natalia Veselnitskaya e Glenn Simpson la stava organizzando negli Stati Uniti

Glenn Simpson ha gestito Veselnitskaya durante l’incontro della Trump Tower del 2016 con Donald Trump Jr. Tuttavia, una volta che l’operazione CIA / Fusion-GPS con Veselnitskaya ha iniziato a sbrogliarsi con i resoconti pubblici … in Russia il vice AG Karapetyan è  caduto da un elicottero  morendo (peccato fosse già morto prima dello schianto).

Contemporaneamente alla fine del 2015 fino alla metà del 2016, c’è stata un’operazione interna dell’FBI con una giovane russa di nome Maria Butina incaricata di correre dietro  ad alcuni candidati presidenziali repubblicani . Secondo Patrick Byrne, il conduttore di Butina, era l’agente dell’FBI Peter Strzok che stava dando a Byrne le istruzioni su dove mandarla. { Go Deep }

Tutto questo contesto delinea la misura in cui la CIA è stata apertamente coinvolta nella costruzione di un’operazione politica che si è conclusa su chiunque fosse nell’orbita del candidato Donald Trump.

Operazioni internazionali dirette dalla CIA e operazioni interne apparentemente dirette da Peter Strzok che opera con un piede in entrambe le agenzie. [ Strzok ottiene una moneta di servizio della CIA ]

Riepilogo :  ♦ Mifsud  incaricato contro Papadopoulos (CIA). ♦ Halper  incaricato contro Flynn (CIA), Page (CIA) e Papadopoulos (CIA). ♦ Azra Turk , finge di essere Halper asst, incaricato contro Papadopoulos (FBI). ♦ Veselnitskaya  incaricato contro Donald Trump Jr (CIA, Fusion-GPS). ♦ Butina ha  Trump e Donald Trump Jr (FBI).

Inoltre, Christopher Steele era un ufficiale dell’intelligence britannica, assunto da Fusion-GPS per raccogliere e riciclare informazioni di intelligence fraudolente all’interno del suo dossier. E non possiamo dimenticare Oleg Deripaska, un oligarca russo,  reclutato da Asst. Il direttore dell’FBI Andrew McCabe  a partecipare alla conduzione di un’operazione contro la campagna Trump e creare l’impressione del coinvolgimento russo. Deripaska ha  rifiutato di partecipare .

Tutto questo impegno controllato direttamente dall’intelligence statunitense; e tutto ciò intendeva dare un’impressione specifica della Russia. Questo fatto è presumibilmente quello che John Durham sta attualmente esaminando.

Il punto chiave di tutto questo background è vedere quanto la CIA e l’FBI fossero impegnate nella narrativa costruita della Russia che interferiva con le elezioni del 2016. La CIA, l’FBI e, per estensione, il DOJ, ci hanno lavorato moltissimo. Il lavoro della comunità dell’intelligence che Durham sta ora svelando.

Sappiamo anche specificamente che John Durham sta esaminando il costrutto dell’Intelligence Community Assessment (ICA); e  parlando con gli analisti della CIA che hanno partecipato  alla costruzione del rapporto del gennaio 2017 che ha rafforzato la falsa apparenza dell’interferenza russa nelle elezioni del 2016. Questo è importante perché si collega alla parte successiva che coinvolge Julian Assange e Wikileaks.

L’11 aprile 2019, l’  accusa di Julian Assange è  stata aperta nell’EDVA. Dall’atto d’accusa scopriamo che era sotto sigillo dal  6 marzo 2018 :

(Link al pdf)

Martedì 15 aprile è  stato rilasciato altro materiale investigativo . Ancora una volta, annota le date: Grand Jury, * dicembre 2017 * Ciò significa indagini dell’FBI prima del …

L’indagine dell’FBI si è svolta  prima del  dicembre 2017, è stata coordinata attraverso il distretto orientale della Virginia (EDVA), dove Dana Boente era l’avvocato degli Stati Uniti all’epoca. L’accusa del gran giurì è stata  sigillata da marzo 2018  fino a quando Mueller ha completato le sue indagini,  aprile 2019 .

Perché il ritardo?

Cosa stava aspettando il DOJ?

Ecco dove diventa interessante….

La presentazione dell’FBI al Grand Jury nel dicembre del 2017 è avvenuta quattro mesi dopo che il membro del Congresso Dana Rohrabacher ha parlato con Julian Assange nell’agosto del 2017: “Assange ha detto a un membro del Congresso degli Stati Uniti … può dimostrare che i documenti del Partito Democratico trapelati … non provenivano dalla Russia”.

Agosto 2017, The Hill Via John Solomon ) Martedì Julian Assange ha detto a un membro del Congresso degli Stati Uniti che può dimostrare che i documenti del Partito Democratico trapelati che ha pubblicato durante le elezioni dello scorso anno non provenivano dalla Russia e ha promesso ulteriori informazioni utili sulle fughe di notizie nel prossimo futuro.

Il rappresentante Dana Rohrabacher, un repubblicano californiano amico della Russia e presidente di un’importante sottocommissione della Camera sulla politica dell’Eurasia, è diventato il primo membro del Congresso americano a incontrare Assange durante un incontro privato di tre ore presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra, dove il fondatore di WikiLeaks è rintanato da anni.

Rohrabacher ha raccontato la sua conversazione con Assange a The Hill.

“Il nostro incontro di tre ore ha coperto una vasta gamma di questioni, inclusa l’esposizione di WikiLeaks delle e-mail del DNC [Comitato nazionale democratico] durante le elezioni presidenziali dello scorso anno”, ha detto Rohrabacher, “Julian ha affermato con enfasi che i russi non erano coinvolti nell’hacking o divulgazione di tali e-mail. “

Pressato per maggiori dettagli sulla fonte dei documenti, Rohrabacher ha affermato di avere informazioni da condividere in privato con il presidente Trump. ( leggi di più )

Sapendo quanti sforzi la CIA e l’FBI hanno messo nella narrativa della cospirazione della collusione russa, avrebbe senso che l’FBI si sia interessata profondamente dopo questo incontro dell’agosto 2017 tra Rohrabacher e Assange; ecco perché l’FBI avrebbe raccolto rapidamente prove specifiche (relative a Wikileaks e Bradley Manning) per un gran giurì entro dicembre 2017.

Entro tre mesi dal Gran Giurì, il DOJ ha generato un’accusa e l’ha sigillata nel marzo 2018. L’EDVA si è seduta sull’accusa mentre era in corso l’indagine Mueller.

Non appena l’indagine Mueller si è conclusa, l’11 aprile 2019, è stato eseguito uno sforzo pianificato e coordinato tra il Regno Unito e gli Stati Uniti; Julian Assange è stato arrestato con la forza e rimosso dall’ambasciata ecuadoriana a Londra e l’accusa di EDVA è stata aperta ( link ).

Come persona che ha studiato questo fiasco di tre anni; compreso il racconto ridicolmente falso di hacking / interferenze russe del 2016: “17 agenzie di intelligence”,  Joint Analysis Report (JAR)  sono colluse nella la narrativa anti-russa di Obama nel dicembre ’16; e poi un mese dopo il ridicolmente  politico Intelligence Community Assessment (ICA)  nel gennaio ’17; questo tempismo contro Assange è troppo casuale.

Non ci vuole un ricercatore approfondito per vedere il motivo dell’allineamento del Deep State per controllare Julian Assange perché il rapporto Mueller  dipendeva dai crimini informatici russi  e quella narrativa è  subordinata  alla storia di hacking del DNC russo che Julian Assange contesta.

Questo è fondamentale. Il rapporto  Weissmann / Mueller  contiene affermazioni secondo cui la Russia ha violato i server DNC come elemento centrale della narrativa dell’interferenza russa nelle elezioni statunitensi. Questa affermazione è direttamente contestata da WikiLeaks e Julian Assange, come sottolineato durante l’intervista a Dana Rohrabacher, e dalle dichiarazioni di Julian Assange.

Il presupposto per l’indagine di Robert Mueller era specificamente dovuto all’interferenza russa nelle elezioni del 2016. Il fulcro di questa affermazione sull’interferenza della Russia è la valutazione della comunità dell’intelligence; e l’unica prova fattuale rivendicata all’interno dell’ICA è che la Russia ha violato i server DNC; un reclamo reso possibile solo facendo affidamento sull’analisi computerizzata forense di Crowdstrike, un appaltatore di DNC.

La CIA detiene un enorme conflitto di interessi personali nel sostenere l’affermazione russa di hacking. L’FBI ha un enorme interesse a mantenere tale affermazione. Tutti quei paesi stranieri il cui apparato di intelligence ha partecipato con Brennan e Strzok hanno anche un interesse personale nel mantenere quella narrativa russa di hacking e interferenze.

Julian Assange è l’unica persona con una conoscenza diretta di come Wikileaks ha ottenuto la custodia delle e-mail del DNC; e Assange ha affermato di avere prove che non provenivano da un hack.

Questa affermazione russa di “hacking” è in definitiva così importante per CIA, FBI, DOJ, ODNI e per l’apparato dei servizi segreti britannici…. Bene, ecco l’ovvio motivo per chiudere Assange non appena i funzionari dell’intelligence hanno saputo che il rapporto Mueller sarebbe stato pubblico.

Ora, se lo sappiamo e tu lo sai; e tutto è citato e reale … beh, allora certamente AG Bill Barr lo sa.

La domanda da 64.000 dollari è:  lo diranno pubblicamente?

Articolo apparso su Zerohedge.com



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.