Quantcast
Database Italia

PERCHÉ IL DIRETTORE DELLA CIA JOHN BRENNAN È COSÌ PREOCCUPATO?

L’ex direttore della CIA John Brennan è preoccupato che Donald Trump possa rilasciare alcune informazioni riservate tanto da aver suggerito al vicepresidente Mike Pence di rimuovere Trump tramite il 25 ° emendamento

Brennan è apparso questa settimana sia sulla CNN che sulla MSNBC per diffondere l’allarme su ciò che Trump potrebbe fare mentre continua a contestare i risultati delle elezioni nominando nuove persone alla Difesa, alla NSA (e forse alla CIA) che potrebbero eseguire i suoi ordini. 

Brennan ha  avvertito  sulla CNN che è “molto, molto preoccupante” che Trump “sia molto imprevedibile ora … come un gatto con le spalle al muro – come una tigre. E si scaglierà contro… “

Brennan ha  detto a  MSNBC di essere preoccupato che Trump abbia chiesto la “declassificazione totale dei files di intelligence al fine di promuovere i propri interessi politici”.

Su chi si dovrebbe scagliare e a quali documenti riservati si riferiva Brennan?

L’uomo di punta della CIA al  Washington Post , David Ignatius, ha fornito la risposta:

“Gli alti funzionari militari e dell’intelligence del presidente Trump lo hanno avvertito fortemente di non declassificare le informazioni sulla Russia che secondo i suoi consiglieri avrebbero compromesso metodi di raccolta sensibili e alleati chiave .

Un’intensa battaglia su questo tema si è scatenata all’interno dell’amministrazione nei giorni precedenti e successivi alle elezioni presidenziali del 3 novembre. Trump e i suoi alleati vogliono che le informazioni siano pubbliche perché credono che confuterebbero le affermazioni che il presidente russo Vladimir Putin ha sostenuto Trump nel 2016. Potrebbe sembrare una storia vecchia, ma per Trump rimane il punto zero, il momento in cui sono iniziati i suoi problemi politici “.

La protezione di “fonti e metodi” è una falsa pista. Possono essere cancellati da un documento classificato. È il contenuto di questi file che rende Brennan estremamente nervoso in quanto potrebbero rivelare il ruolo di Brennan nello scandalo del Russiagate. Naturalmente, Brennan ha invocato il vecchio topo della “sicurezza nazionale” quando sembra che sia la sua stessa sicurezza di cui debba preoccuparsi.

Come abbiamo  notato  in un momento simile nel marzo 2018 (in “L’ex capo della CIA Brennan Running Scared”), la principale preoccupazione di Brennan – allora come adesso – era che Trump stesse per esporlo alla disgrazia che colpì l’ex vicedirettore dell’FBI Andrew McCabe per illecito in relazione al Russiagate.

Il presidente aveva appena licenziato McCabe per aver mentito ripetutamente e Brennan aveva buone ragioni per preoccuparsi. Questo prima che la reale portata dei ruoli che McCabe, il suo capo, l’ex direttore dell’FBI James Comey e Brennan fossero decodificati nella fabbricazione del “Russiagate”.

Brennan è atterrato sul suo trespolo della MSNBC come commentatore retribuito il 2 febbraio 2018 lasciandosi adulare dall’ex ambasciatore delle Nazioni Unite Samantha Power, che ha pubblicamente avvertito Trump che “non è una buona idea far incazzare John Brennan. “

Anche allora, tuttavia, le nuvole di tempesta si stavano addensando. Il presidente della commissione per i servizi segreti della Camera Devin Nunes (R-CA), che sapeva molto più di quanto aveva rivelato, stava avvertendo delle conseguenze legali per i cospiratori del Russiagate.

Riferendosi ai tessitori e ai sarti del Russiagate, Nunes ha  detto alla  giornalista Sharyl Attkisson il 18 febbraio 2018:

“Se hanno bisogno di essere processati, li metteremo sotto processo. Il motivo per cui il Congresso esiste è per sovrintendere a queste agenzie che abbiamo creato “.

Sprezzante di tali avvertimenti, Brennan ha accusato Trump il 17 maggio 2018 di “turpitudine morale” e ha previsto, che sarebbe finito “come un demagogo caduto in disgrazia nella pattumiera della storia”.  Peccato che la turpitudine morale fosse tutta intorno al presidente mentre si svolgeva il Russiagate.

A mio avviso, questo è ciò che sembra avere Brennan sulle spine.

Cosa si è rifiutato di fare Esper?

Questa è la grande domanda. Nell’intervista alla CNN, Brennan non è stato abbastanza astuto da mascherare quella che sembra essere la sua principale preoccupazione. Subito dopo essersi lamentato del fatto che gli osservatori compiacenti stanno “perdendo quello che è uno sviluppo molto, molto preoccupante”, l’ex capo della CIA ha aggiunto:

“E penso che sia abbastanza evidente dal rapporto che Mark Esper ha resistito ripetutamente a Donald Trump. Chissà cos’altro si è rifiutato di fare [il Segretario alla Difesa Esper] ”?

(Per prima cosa, secondo Politico, Esper si è  scontrato  con Trump per il ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan.)

Brennan ha aggiunto:

“Chissà cosa farà [il segretario alla Difesa ad interim di recente nomina] Chris Miller se Donald Trump darà un qualche tipo di ordine che è davvero contrario a quello che penso debbano essere i nostri interessi di sicurezza nazionale?”

Ci sono abbondanti – e inquietanti (per Brennan) – indizi su questo, negli eventi che si sono svolti negli ultimi giorni.

Per cominciare, c’è il ruolo che Ignatius (vicino a Brennan quanto un gemello siamese) ha giocato nell’impostare un tavolo insolitamente trasparente .

(Sì, questo è lo stesso David Ignatius che ha riferito della conversazione telefonica trapelata a fine dicembre 2016 tra l’ambasciatore russo Sergey Kislyak e il generale Michael Flynn, che è  stata usata per intrappolare  Flynn e, se possibile, metterlo in prigione. Dopo di ciò Flynn rappresentava una grave minaccia. Sapeva – o sarebbe stato in grado di scoprire – dove erano sepolti la maggior parte dei corpi del Russiagate. Era imperativo che fosse rimosso rapidamente dalla sua posizione di consigliere per la sicurezza nazionale di Trump.)

Ecco i punti principali di Ignazio:

  • Alti funzionari militari e dell’intelligence hanno avvertito Trump di non declassificare le informazioni sulla Russia che comprometterebbero i metodi di raccolta sensibili e gli alleati.
  • Trump vuole che le informazioni vengano diffuse “perché pensa che ciò confuterebbe le affermazioni che Putin ha sostenuto Trump nel 2016 – così sono iniziati i suoi problemi politici”.
  • La direttrice della CIA Gina Haspel è contraria al rilascio; si dice che sia determinata a “proteggere fonti e metodi”.
  • Il direttore generale dell’NSA Paul Nakasone si è opposto direttamente agli sforzi della Casa Bianca per rilasciare le informazioni.
  • Il segretario alla Difesa Mark Esper – appena “licenziato” lunedì – ha sostenuto il punto di vista di Nakasone, avvertendo di “danni alla sicurezza nazionale e danni specifici ai militari”.
  • Christopher Miller viene chiamato per sostituire Esper.
  • Michael Ellis, ex consigliere capo di Nunes, è stato appena insediato come consigliere generale presso la NSA.

Nunes: fuori da sotto l’autobus?

Dopo essere stato “gettato sotto l’autobus” da Trump più di una volta nei suoi tentativi di esporre i crimini del Russiagate, Nunes può ora nutrire qualche speranza che la sua pazienza e lealtà saranno ricompensate dopo tutto. A ottobre Trump ha  ordinato la  declassificazione dei documenti del Russiagate e non è successo nulla. Le prossime settimane lo diranno. I presagi sono migliori di prima.

Non solo Ellis sarà consigliere generale alla NSA, secondo quanto riferito sulle  obiezioni  del generale Nakasone, ma Kashyap Patel, scettico di lunga data del Russiagate ed ex assistente di Nunes nel Comitato di intelligence della Camera, sta sostituendo il capo dello staff di Esper al Pentagono. Si dice che Patel abbia già un rapporto di lavoro “molto stretto” con Miller, il segretario alla difesa ad interim. (E persistono voci   che la cacciata di Haspel sia la prossima.) 

Inoltre, l’ex funzionario del Consiglio di sicurezza nazionale Ezra Cohen-Watnick è stato  nominato  sottosegretario alla difesa per l’intelligence. Cohen-Watnick non solo raccoglie stretti legami con Nunes; fu anche uno dei principali aiutanti di Flynn durante il mandato abbreviato di quest’ultimo come consigliere per la sicurezza nazionale.

Queste persone sono state nominate per aiutare a iniziare una nuova guerra? Sembrano in una posizione migliore per provare a finirne una vecchia, ovvero il Russiagate. Sarebbero certamente nella posizione giusta per eseguire un ordine di Trump per declassificare e rilasciare documenti relativi a R-gate rimasti fino ad oggi in attesa.

Questo fa venire i brividi a coloro che hanno molto da temere da tali rivelazioni. Allo stesso tempo, la formidabile capacità di resistenza della burocrazia è ben nota a tutti gli interessati.

Sembra che Esper abbia proceduto con lentezza alla richiesta della Casa Bianca di rilasciare le informazioni raccolte e archiviate dalla National Security Agency, che potrebbero documentare ciò che Trump chiama la “bufala” del Russiagate e il comportamento criminale dei suoi autori, incluso il ruolo di primo motore che Brennan  potrebbe aver avuto.

Può essere difficile da credere, ma la NSA intercetta e memorizza  ogni  comunicazione elettronica. Tutto ciò che Trump deve fare è che il nuovo capo del Pentagono ad interim, Miller, ordini al generale Nakasone di rilasciare materiali che spieghino capitolo e versetto sulle operazioni del Russiagate orchestrate da Brennan, Comey e dall’ex direttore dell’intelligence nazionale James Clapper. Nakasone fa rapporto al segretario della Difesa.

Non lasciarti ingannare; praticamente tutto può essere rilasciato con ZERO pericolo per “fonti e metodi” dell’intelligence. Ma il rilascio non avverrà se Trump continua a lamentarsi di Fox News, o “autorizza” il rilascio senza avere un seguito (lo ha già fatto – senza alcun effetto).

Ciò che Brennan sembra temere è che Trump possa pensare di aver perso le elezioni e di avere poco tempo per agire. Da zoppo potrebbe voler uscire in bellezza: vendetta contro l’establishment dell’intelligence che lo ha minato per quattro anni con la favola sul Russiagate.

Trump potrebbe svegliarsi un giorno e scoprire che qualcuno ha scarabocchiato sul suo specchio: “Ehi, pensavo fossi TU il presidente”. A quel punto, ci sarebbe una possibilità che possa comportarsi come tale, e Brennan e co-cospiratori potrebbero trovarsi a seguire la strada di McCabe.

In tali circostanze, ci si può aspettare che i media dell’establishment facciano uno sforzo erculeo per sopprimere la verità (molto imbarazzante, anche per i media) sul Russiagate.

Sicuramente ha fatto un lavoro incredibilmente efficace nel sopprimere “Huntergate”. Le probabilità sono che potrebbero avere successo anche questa volta.

Come quelle enormi banche dieci anni fa, il Russiagate potrebbe essere troppo grande per fallire. Ma, almeno, le prove documentali sarebbero là fuori per coloro che “possono gestire la verità” – e per i futuri storici con un po ‘di coraggio. Non si tratta delle elezioni, che sono state decise. Ma di mettere sotto controllo l’interferenza dell’intelligence nelle ultime elezioni e nella successiva amministrazione, in modo che le future agenzie possano pensarci due volte prima di farlo di nuovo.

Ordinando finalmente il rilascio di tali documenti, disinfettati in quei pochi casi in cui potrebbe essere necessario, Trump può consentire a chiunque abbia una mentalità aperta sul Russiagate di essere informato in modo documentato, su ciò che è realmente accaduto durante quel lungo e oscuro capitolo della storia recente americana.

E, nel processo, i Russiagaters potrebbero essere in grado di superare la loro riluttanza istintiva ad accettare la natura perniciosa dello Stato di sicurezza nazionale. E sarebbe meglio così.

* * *

Ti andrebbe di contribuire?

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti. Diventa un sostenitore



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Ti è piaciuto questo articolo?

Continua a seguirci sui nostri social per restare sempre aggiornato!