Deep StateEight O’Clock in the MorningPoliticaSocietà

Perché La COP26 Si È Rifiutata Di Affrontare L’obsolescenza Programmata

La brutta verità su cap and trade e tutti gli schemi simili è che non riducono realmente le emissioni di carbonio, se la maggior parte degli altri fattori rimangono gli stessi, scrive Joaquin Flores.

Il  fallimento della  conferenza COP26 delle Nazioni Unite a Glasgow è stato uno spettacolo di  ipocrisia che si  addice a una classe dirigente moribonda. Questi tipi di buffonate si rifanno al declino e alla caduta dell’Impero Romano, dove la sua decadente classe dirigente era mortalmente in contatto con le cause del crescente decentramento e dell’insoddisfazione nella periferia. E così, portando avanti la nostra analogia storica, potremmo iniziare a scartare una catastrofe epocale che l’élite di oggi deve affrontare.

Il passaggio dal sistema imperiale romano, attraverso il periodo carolingio, al sistema dell’Europa medievale, vide un continuo decentramento del potere e l’evoluzione degli schiavi e dei servi in ​​contadini proprietari terrieri.

Boris Johnson arriva alla COP26 con un jumbo jet privato pronto ad affrontare altri leader sulle emissioni

Questo decentramento economico era collegato a strutture di potere localizzate. I forti romani costituivano così la base del sistema medievale dei castelli, e la relativa debolezza di questi signori e piccoli re era correlata ad un miglioramento dei diritti e del potere economico di quelli che divennero i piccoli contadini proprietari terrieri.

Quindi un metodo per reintrodurre un elemento di accentramento a queste strutture, al Vaticano a Roma, è stato lo sviluppo della Chiesa e l’affinamento del suo sistema di decima dall’offerta individuale a una tassa imposta e richiesta, imposta dalla legge e collettivamente . A parte importanti questioni teologiche e metafisiche e differenze, ecco cosa è critico:

Il sistema della carbon tax è un sistema mistico che non può essere giustificato da scienze materiali o preoccupazioni , e si pone invece come una sorta di “nuova religione” che i centri storici del capitale hanno lanciato per giustificare una  sorta di decima  su angoli sempre più sovrani e decentralizzati del mondo.

Il pagamento della decima,  come il sistema della carbon tax, è un progetto ideologico per mantenere i poteri di un sistema economico moribondo , dopo il declino delle strutture fisiche dell’imperialismo che tenevano insieme il vecchio impero.

I vari sistemi di tassa sul carbonio (cap and trade CAP/ETS, etc.) sono poco più di un rimaneggiamento di un sistema di decima.

Come con il controllo della Chiesa sugli scribi e sui monasteri, il nuovo culto del carbonio fa affidamento sul suo monopolio sui centri ereditati di creazione e distribuzione della conoscenza, per creare una realtà parallela che richiede un versamento in qualcosa che non può essere razionalizzato né in termini scientifici né economici .

Allo stesso modo, si potrebbe sostenere che l’influenza degli obiettivi astratti della Chiesa ha prestato alla gestione dell’elevata disoccupazione e inflazione causata da questa tassa della decima, attraverso l’indizione di crociate e misure controrazionali per affrontare le piaghe, che tendevano a spiegare la  morte prematura di innumerevoli “mangiatori senza valore” .

Questo è molto simile alle grossolane soluzioni neomalthusiane offerte dalle élite ai nostri giorni.

La parte sorprendente di questo? L’intera catastrofe oggi può essere evitata se l’obsolescenza programmata fosse eliminata come pratica economica.

Non importa dove ci si trova sulla scienza del clima: anche un vero credente sarebbe costretto a vedere la logica nello sradicare l’obsolescenza pianificata se l’obiettivo fosse la neutralità del carbonio.

Pagare la decima dall’opera del vescovo Roderik “Lo specchio della vita umana” – legno tagliato, XV secolo Domokos Varga: la fioritura e il deterioramento dell’Ungheria. Móra, Budapest, 197, p.58

La riduzione delle emissioni di carbonio come copertura per un’agenda di spopolamento sinistro

Il problema fondamentale che guida lo schema di riduzione della popolazione della COP26 che si presenta come “riduzione del carbonio”, quindi, è il difficile problema del superamento  dell’obsolescenza pianificata . Questo singolo problema, quasi più di ogni altro,  è la prova definitiva che non esiste una vera preoccupazione per l’ambiente e che la classe dirigente è puramente focalizzata sulla riduzione della popolazione e sulla soppressione della stampa 3D effettiva e sull’eliminazione di  una vera quarta rivoluzione industriale .

Quest’ultimo punto potrebbe essere una sorpresa per molti, che stanno seguendo i punti di discussione di Klaus Schwab e compagnia, al World Economic Forum, che hanno incorporato questi termini nella loro agenda neo-malthusiana.

Usano queste parole in modo che non possiamo capirle, quindi non guarderemo proprio dove nascondono i loro veri significati e implicazioni: nelle loro bocche.

Quindi, sul posto, usano le parole e le frasi – 4IR, stampa 3D, IoT – ma in realtà stanno cercando di sovvertire queste mentre altre tecnologie, interamente coercitive e centralizzatrici in natura, vengono lanciate sui volti sofferenti delle masse.

Da nessuna parte il tema dell’obsolescenza programmata viene affrontato direttamente – né nel “ Covid-19: The Great Reset ” di Schwab (infatti viene proposto il contrario), né nell’Agenda SDG . C’è un riferimento indiretto ai prodotti riparabili e alle durate più lunghe del prodotto solo a pagina 62 del manifesto di 250 pagine. Questo aggiunge una giustificazione alla nostra accusa che tra i punti del ‘Grande Reset’ c’è una grave riduzione della popolazione umana.

Contrasto globale – Le Nazioni Unite e oltre

Le stesse tecnologie per creare le tre rivoluzioni industriali nel nucleo imperiale, furono poi utilizzate dai paesi in via di sviluppo, per far crescere e migliorare la loro economia fisica. Ma questi sforzi furono condotti in feroce opposizione al modello di modernità diretto dal centro; un centralismo proveniente dai finanzieri della City di Londra e condotto attraverso la geopolitica del cosiddetto Washington Consensus.

Pur comprendendo accuratamente alcune delle preoccupazioni reciprocamente condivise tra le nazioni, le soluzioni offerte dall’Agenda 2030 derivano dallo stesso tipo di pensiero e dagli stessi attori che hanno prodotto il problema stesso. Perché qualcuno dovrebbe fidarsi di queste soluzioni?

Di nuovo, non c’è nulla di profondo o retorico in quella domanda. La leadership ben pensante di molti paesi in via di sviluppo comprende perfettamente questo punto. Sono frustrati dall’illuminazione a gas che proviene da queste istituzioni globaliste che impongono misure di austerità che alimentano corruzione e povertà, mentre predicano che questi stessi paesi non hanno fatto abbastanza per aumentare la trasparenza e combattere la povertà.

La vera sovranità per il cosiddetto sud globale è intimamente legata a due fattori correlati: l’industrializzazione della sostituzione delle importazioni mediante la stampa 3D e un’economia fisica basata sulla produzione automatizzata di beni di lunga durata. Questo deve capovolgere l’attuale paradigma dell’obsolescenza pianificata con il suo PLC (ciclo di vita del prodotto) intenzionalmente ridotto. Un ponte funzionale tra qui e là, è una maggiore attenzione al commercio regionale, che incoraggia la cooperazione regionale e allarga le concezioni spaziali del sovrano verso una crescente multipolarità.

Invece di concentrarci su questa soluzione molto ovvia a tutta una serie di problemi che sono, generosamente, equamente rappresentati negli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, siamo costretti a seguire un percorso che si concentra ingiustificatamente sul cambiamento climatico. Ma i critici come Vance Packard in ‘ The Waste Maker s ‘ (1960) avevano già visto il problema e la soluzione.

Siamo quindi in una corsa verso le tecnologie produttive di prossima generazione, come la stampa 3D localizzata (3DP) che alla fine funziona contro la produzione globalizzata, contro l’interdipendenza e i problemi di sicurezza delle linee di approvvigionamento, come la guerra, che ne derivano.

La logica alla base  della produzione globalizzata è lo sfruttamento del lavoro a basso salario e il mantenimento di disuguaglianze globali endemiche . Ma man mano che le tecniche di produzione migliorano e più materiali possono essere sintetizzati, i due fattori trainanti di questo paradigma – produzione a basso salario ed estrazione di materie prime – vengono superati insieme.

La fine dell’obsolescenza programmata e la fine del cambiamento climatico rappresentano due paradigmi diversi . Il primo è collegato a un paradigma lungimirante che riflette un 4IR reale e sostenibile, e il secondo è un cinico stratagemma non solo per limitare lo sviluppo razionale dell’economia fisica, ma anche gli orizzonti umani.

La sintesi dei materiali elimina le “emissioni di carbonio” prodotte dall’intero modello attuale di estrazione delle risorse, comprese quelle emesse da centinaia di milioni di lavoratori che generano emissioni altrimenti inutili a  monte e a valle , linee di approvvigionamento globalizzate, mentre l’impronta di carbonio per la sintesi dei materiali alla fine sarà più piccola. E questo importa solo se un vero problema sono le emissioni di carbonio, il che è nella migliore delle ipotesi discutibile.

In altre parole, possiamo eliminare quelle emissioni  senza eliminare gli esseri umani e, inoltre, senza limitare la qualità della vita di cui godono. Al contrario, il superamento della scarsità artificiale nella sua forma attuale comporterebbe  un grande miglioramento della qualità della vita  e dell’aspettativa di vita.

E quindi l’attenzione al miglioramento dei metodi iper-efficienti di distribuzione globalizzata non ha senso, se  investimenti relativamente equivalenti in ricerca e sviluppo possono ottenere risultati migliori nell’arena della sintesi dei materiali. I materiali sintetici sono basati su polimeri più resistenti e duraturi rispetto ai materiali naturali o rigenerati e si prestano a prodotti più durevoli.

Cosa c’è di più efficiente del sistema di consegna più efficiente? Non dover distribuire affatto.

Le nazioni non sono vincolate all’Agenda 2030

La maggior parte degli Stati membri delle Nazioni Unite è davvero “all in” con il gioco del cambiamento climatico? La stragrande maggioranza dei paesi legati al sistema neocolonialismo del FMI/ONU sta semplicemente prendendo tempo, mentre le alternative come i BRICS crescono contro il petrodollaro.

Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite, noti anche come Agenda 2030, utilizzano il linguaggio del postcolonialismo per rafforzare un nuovo tipo di neocolonialismo. Il sistema alla base di questa spinta è la cosiddetta “sostenibilità” è ciò che è effettivamente insostenibile, e quindi i paesi in via di sviluppo vedono che devono semplicemente sopportarlo fino a quando non imploderà.

Molte preoccupazioni ambientali non correlate sono state trasformate in “cambiamenti climatici”. E il cambiamento climatico è stato  dogmaticamente legato alle emissioni di carbonio . Il tema principale riguarda quindi le emissioni di carbonio, quindi, anche se si tratta di un solo obiettivo ( obiettivo 13 ) tra i 17 obiettivi dell’Agenda 2030.

Guardando il grafico delle Nazioni Unite qui sotto, possiamo vedere che i seguenti obiettivi sono in realtà tutte questioni importanti: 6 (Acqua pulita e servizi igienico-sanitari); 7 (Energia accessibile e pulita); 9 (Industria, innovazione e infrastrutture); 11 (Città e comunità sostenibili); 12 (Consumo e produzione responsabili); 14 (Vita sott’acqua); 15 (Vita sulla terra).

E quindi è di particolare interesse che la tredicesima, azione per il clima (che non è altro che  emissioni di carbonio),  sia la logica guida di tutto ciò,  quando in realtà è il mancato raggiungimento dell’obiettivo 12 (Consumo e produzione responsabili)  che rappresenta l’intero insieme economico, cancro sociale e ambientale di questa epoca, un pericolo così chiaro e presente e tuttavia così profondamente radicato in questo paradigma, che il FMI non può proporre una soluzione che possa affrontarlo.

L’obiettivo 12 – consumo e produzione responsabili – è il fondamento di tutti gli altri obiettivi, se vogliamo prenderli sul serio. Non l’obiettivo 13 – azione per il clima – che di fatto va nella direzione opposta. Questo punto sarà sottolineato.

Tutto questo sembra così terribile, quindi perché la maggior parte degli Stati membri delle Nazioni Unite ha firmato? L’ Agenda 2030 , infatti,  non è un trattato, non è vincolante e non è un criterio per l’adesione all’ONU, e le sue disposizioni non sono applicabili attraverso il meccanismo dei trattati tra Stati sovrani . Piuttosto, è stato raggiunto “per consenso”, qualunque cosa significhi. Quella che è stata costruita come Agenda 2030 presenta al meglio uno schema, utilizzando il contributo di molti Stati membri delle Nazioni Unite, di ciò che “potrebbero” concordare un giorno.

Pertanto, molti paesi faranno i propri annunci sovrani sul raggiungimento di questa parte, o quella parte, dei vari obiettivi. Questo riceverà molta attenzione dalla stampa, in gran parte fuorviante, perché queste erano decisioni che questi paesi prendono da soli. Molti di questi si sovrappongono già alla propria agenda nazionale (riduzione della povertà, acqua pulita, inclusività di genere). Ma lo fanno da soli, e questo punto è critico.

Le multinazionali predatorie amano utilizzare le disposizioni del 2030 per porre lo spettro della governance globale e degli obiettivi condivisi come giustificazione per politiche che minano le fondamenta economiche e sovrane dei paesi in via di sviluppo.

Ma i 17 obiettivi dell’Agenda 2030 (SDG) rappresentano semplicemente un ‘piano d’azione’, che i paesi non sono obbligati a seguire separatamente dai vari accordi e trattati che potrebbero accettare attualmente o in seguito, o che le  multinazionali possono tentare di imporre unilateralmente come condizioni commerciali , (spesso sostenute dal FMI) ma che portano i propri nomi e dettagli legali.

Molte delle preoccupazioni affrontate da questi obiettivi sono quelle giuste su cui i paesi devono concentrarsi, e qui sta il problema. Proprio come con il 4IR, l’Agenda 2030 li capovolge e li indirizza cinicamente verso un genocidio neo-malthusiano.

La brutta verità sul cap and trade, e tutti gli schemi simili per applicarlo a livello globale, è che non riducono realmente le emissioni di carbonio, se la maggior parte degli altri fattori rimane la stessa. Tra gli altri fattori necessari affinché questo schema si avvicini al “lavoro” , c’è la riduzione delle dimensioni della popolazione . Si noti che non si tratta di ridurre il tasso di crescita della popolazione, ma di ridurre la popolazione umana totale in termini assoluti.

In altre parole, al centro dei 17 SDG per il 2030, la fonte primaria di impronte di carbonio sono gli esseri umani.

Superare il problema di questo paradigma

Proprio come con gli indici di sviluppo umano e le preoccupazioni economiche più ampie, l’Agenda 2030 coglie le legittime preoccupazioni per l’ambiente, l’esposizione umana a materiali cancerogeni, difetti alla nascita e aria e acqua pulite.

Ma questi vengono sussunti sotto il titolo di  riscaldamento globale  (o, nello spiegare i periodi di raffreddamento, ‘ cambiamento climatico’ ), in modo così incoerente che non si può parlare delle legittime preoccupazioni senza essere costretti a rispondere del cambiamento climatico.

Le innovazioni che potenziano un 4IR, come il 3DP, contengono molto potenziale. Ma ci sono già soluzioni esistenti al ciclo di produzione/reddito e distribuzione/acquisto che affliggono l’umanità di fronte al rapido processo di automazione in corso.

Queste soluzioni sono semplici come l’utilizzo di parti di qualità superiore per sostituire le parti “previste per la rottura” in prodotti già esistenti, lasciando inalterati tutti gli altri fattori di produzione.

In effetti, riteniamo che mentre ci sono ipoteticamente limiti alla crescita, la più grande limitazione al momento è pensare limitatamente a come appare la crescita e quali nuove possibilità e scoperte contiene.

Nel loro insieme, possiamo vedere che superare lo spreco delle economie di scala non è il problema a cui mira la concezione dell’Elite dell’Agenda 2030. Vogliono preservare un qualche tipo di sistema di produzione di beni sovvenzionati, magari rendendo i prodotti meno robusti e comunemente condivisi attraverso un sistema di noleggio con consegna di droni.

Ciò ridurrebbe la durata del prodotto, richiedendo anche la produzione di meno beni, il collegamento al sistema di noleggio e una popolazione umana totale inferiore.

In un tenace equilibrio tra riduzione della popolazione e fragili beni a noleggio, il WEF propone che ciò si tradurrà in una diminuzione netta delle emissioni di carbonio. Osservando la seconda parte di tale bilancio, possiamo concludere che la riduzione della popolazione deve essere significativa per giustificare la richiesta di riduzione netta.

Riteniamo invece che ‘due teste sono meglio di una’, che l’aumento della popolazione umana ha un effetto multivariato e non lineare verso il miglioramento non solo dell’esperienza umana, ma della sua positiva interrelazione con l’  intera noosfera .

[jetpack_subscription_form]
0 0 votes
Article Rating
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Carlo

Se non vado errato la Francia ha introdotto l’abolizione della obsolescenza programmata con penali molto severe. Forse se anche gli altri stati d’Europa facessero altrettanto non avremmo tra i piedi questi incontri inutili e costosi. Ma alla fine, prosaicamente, devono pur trovare un sistema per impegnare il loro tempo e far ricadere sul popolo le cause di questi incontri. Comunque per vostra informazione vi suggerisco di leggere con attenzione un libretto scritto da Trolese Francesco dal titolo “I monaci benedettini e la loro attività agricola in Saccisica”. Premetto che non ho nessuna inclinazione al monachesimo, ma è uno spaccato molto utile per comprendere che le cosiddette decime erano in sostanza poca cosa rispetto all’offerta che i monaci di allora dava alla gente. Si parla della saccisica padovana, una zona enorme bonificata con la vita di quei monaci e delle genti che vi arrivarono, in cui furono scavati canali, scoline, fossi e con la terra di risulta alzati tutti i campi. Quelle opere sono ancora nostra eredità e da allora, dal 1000 al 1500, periodo in cui la corte benedettina sviluppò quella zona che era sotto la diocesi di Santa Giustina, ne stiamo beneficiando, mentre al contrario le opere pubbliche prodotte negli ultimi 60 anni sono andate via via distrutte da incuria, disinteresse e profitto privato a sfavore di quello pubblico. La diocesi era tanto potente e ricca che lo stesso papato in quei secoli non vedeva di buon grado l’attività che essa svolgeva, tanto che alla fine, con accordi mai ben rivelati con Venezia la Saccisica passò sotto il controllo della Serenissima.

Gian Franco Zavoli

La terra è un pianeta finito, di conseguenza le miniere dei metalli, hanno già raggiunto il picco di estrazione. Fin quando i metalli sono sufficienti, aumentandone il recupero, ma il ferro con la ruggine, non si recupera tutto, significa che non ci sarà più la crescita della civilizzazione industriale. Ora il capitalismo funziona solo con la crescita, con la decrescita i grandi capitalisti che hanno fatto i miliardi, non vorranno perderli e chiuderanno baracca e senza più la grande industria, ci sarà il collasso della civilizzazione industriale, che come tutte le civilizzazioni del passato, avrà anche lei la sua fine, per poi lasciare il posto ad un’altra forma di civilizzazione. Le civilizzazioni durano sempre di meno, perchè si sviluppano in maniera sempre più veloce, a causa dell’acquisizione delle conoscenze sempre più rapida. La civilizzazione egizia 3000 anni, greca 1000, romana 500, industriale 250 ?

120663786_3520394001387847_403873884266746738_n.jpg
Carlo

Una delle cose alle quali ho sempre avuto da discutere è sempre stata la frase “dobbiamo crescere di più” e questo sia nel commerciale che nel settore industriale. Ho sempre trovato questa frase un paradosso, dato che la crescita di un’azienda è basata su pilastri che devono mantenerla. Non serve fatturato se il suo costo per ottenerlo non è sostenibile e inoltre, quando hai raggiunto il cosiddetto “climax” in cui l’azienda è al massimo della sua produzione ed i costi sono ampiamente ripagati, il personale è soddisfatto, le tasse sono pagate, la concorrenza è tenuta a distanza, che ti serve crescere di più? Goditi il tuo giorno di gloria e pensa a saldare le tue posizioni e convivi con i tuoi che ti hanno permesso di raggiungere quei risultati. E invece no! Crescere per poi cadere e via dicendo.
Un po’ noiosa la cosa, anche se da un lato è un pochino come andare in barca, su e giù per le onde su un mare che è sempre acqua salata e pesci, ma ogni onda ha il suo carattere e la sua forza, così come le attività economiche hanno mille sfaccettature. L’importante secondo me è saper sfruttare quello che c’è in un determinato momento senza correre dietro a chimere irraggiungibili.

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!