Home Salute Perché ricordiamo meglio gli eventi spiacevoli? La risposta in un nuovo studio

Perché ricordiamo meglio gli eventi spiacevoli? La risposta in un nuovo studio

10
0

Con il passare del tempo diventa difficile ricordare cose che non ci hanno spaventato o scioccato, mentre eventi spaventosi rimangono nella nostra mente molto più facilmente. Perché ricordiamo meglio le cose brutte? Un nuovo studio potrebbe avere la risposta.

Secondo gli esperti della Tulane University School of Science and Engineering e della Tufts University School of Medicine, esiste una logica logica per cui il nostro cervello ricorda le cose negative meglio degli eventi gioiosi.

I risultati sono stati pubblicati su Nature Communications .

La percezione della paura nel cervello sembra essere controllata dal neurotrasmettitore dello stress noradrenalina, noto anche come noradrenalina. Provoca uno schema ricorrente di scariche elettriche stimolando una specifica popolazione di neuroni inibitori nell’amigdala. Stimolano quindi la creazione di ricordi di paura aumentando la frequenza dell’oscillazione delle onde cerebrali nell’amigdala.

“Se vieni tenuto sotto tiro, il tuo cervello secerne un mucchio di neurotrasmettitori di stress noradrenalina, simile a una scarica di adrenalina”, ha detto Jeffrey Tasker, professore di biologia molecolare e autore principale dello studio. “Questo cambia il modello di scarica elettrica in circuiti specifici nel tuo cervello emotivo, centrato nell’amigdala, che a sua volta fa passare il cervello a uno stato di maggiore eccitazione che facilita la formazione della memoria, la memoria della paura”.

I ricercatori ritengono che il disturbo da stress post-traumatico sia causato da un processo simile che rende difficile dimenticare eventi terribili.

Leggi lo studio qui sotto:

Previous articleGrand Humiliation Tour: i sauditi prendono in giro il “maldestro” Biden dopo gli incontri
Next articleOCCHIALI DA LETTURA ADDIO. Gli Stati Uniti approvano il primo collirio contro la presbiopia