Quantcast
Database Italia

PERÙ: “É A RISCHIO LA NOSTRA SOVRANITÀ” – SCONTRO CON PFIZER PER L’IMMUNITÀ LEGALE IN CASO DI REAZIONI AVVERSE AL VACCINO COVID-19

Il Perù è arrivato ad un un punto morto nelle negoziazioni con Pfizer per un accordo sul vaccino per il Covid-19, ha detto il ministro della salute del paese, citando un conflitto sull’immunità legale per l’azienda farmaceutica che potrebbe minare la sovranità del Perù.

Mentre i funzionari sono rimasti in “costante contatto” con Pfizer dall’estate, i colloqui sono finiti in un’impasse il mese scorso tra “polemiche”  su alcune clausole dell’accordo, comprese quelle legate ai prezzi e alla consegna, nonché le immunità legali per il gigante farmaceutico nel caso in cui la sua vaccinazione porti a reazioni avverse gravi, ha detto martedì ai legislatori il ministro della Salute Pilar Mazzetti .

“Con Pfizer ci sono alcuni dettagli in cui non c’è accordo”, ha detto Mazzetti , aggiungendo “Questo ha a che fare con i prezzi e il programma di consegna” , nonché “la rinuncia a elementi importanti come … l’immunità giurisdizionale”.

È vero che serve il vaccino ma è anche vero che ci sono aspetti legati alla nostra sovranità che il Paese deve tutelare … ha a che fare con il rischio per le generazioni future.

Il capo della sanità ha osservato che poiché la maggior parte degli aspetti dei negoziati sono protetti da un accordo di riservatezza, non ha potuto offrire ulteriori dettagli sulla controversia in corso, ma ha assicurato che i colloqui continuano. “Speriamo che la controversia venga risolta in modo da poter determinare quando arriverà il vaccino”, ha  continuato .

Sebbene il paese abbia annunciato un accordo finale con Pfizer per quasi 10 milioni di dosi di vaccino alla fine di novembre, Mazzetti ha affermato che il processo si è bloccato dopo che alcune clausole dell’accordo richiedevano “un’analisi più approfondita” per determinare se fossero compatibili con la legge peruviana.

La nazione latinoamericana non è la prima a esprimere preoccupazione per le deroghe alla responsabilità legale nei loro colloqui con l’azienda farmaceutica, con il presidente brasiliano Jair Bolsonaro che ha osservato il mese scorso che “è abbastanza chiaro che non sono responsabili di alcun effetto collaterale. Se diventi un alligatore, è un tuo problema “. I funzionari in Argentina hanno sollevato preoccupazioni simili.

Poiché le preoccupazioni sulla responsabilità diventano un ostacolo importante per alcune nazioni, la Banca Mondiale ha affermato martedì che sta lavorando con oltre 100 paesi per affrontare la questione, sia attraverso gli sforzi legislativi locali che con altri processi. Il presidente del Gruppo della Banca Mondiale, David Malpass, ha anche osservato che l’agenzia mira a distribuire 160 miliardi di dollari di risorse entro giugno per aiutare i paesi in via di sviluppo a ottenere le vaccinazioni e combattere la pandemia.

Il Perù ha ospitato studi clinici per vaccini contro il coronavirus sviluppati da una varietà di altre aziende – tra cui Sinopharm cinese, AstraZeneca, un’azienda britannico-svedese e Johnson & Johnson con sede negli Stati Uniti – e sta negoziando consegne da 20 diversi laboratori, ha detto il capo della salute . I colloqui con AstraZeneca si sono bloccati in modo simile a ottobre, con il governo che ha affermato che la società non aveva fornito dati sufficienti sul suo vaccino, tuttavia, secondo Reuters, sono in corso anche negoziati con quella società.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.