Database Italia

PFIZER CHIEDERÀ AUTORIZZAZIONE PER TERZA DOSE ALL’EMA. I PRODUTTORI DI VACCINI SPINGONO PER IL RICHIAMO ANNUALE


Pfizer e BioNTech hanno annunciato che nelle prossime settimane chiederanno alle autorità regolatorie, tra cui la Fda in Usa e l’Ema nella Ue, l’autorizzazione per la terza dose del vaccino anti Covid.

Leggi Anche: Il vaccino Pfizer-BionTech a mRNA modifica il profilo genetico che regola l’espressione delle…

La mossa arriva dopo i dati iniziali “incoraggianti” di un sperimentazione clinica, i quali hanno mostrato che una terza iniezione aumenterebbe il livello degli anticorpi da 5 a 10 volte contro il ceppo originario e la variante Beta rispetto alle prime due dosi.
L’annuncio arriva dopo che il direttore scientifico di Pfizer, Mikael Dolsten, ha affermato che il gigante farmaceutico intende richiedere l’approvazione per una terza dose di vaccino nel prossimo mese. Giovedì ha detto a Reuters in un’intervista che mentre l’immunizzazione è altamente efficace contro la variante Delta”  – “è probabile che il rischio di reinfezione aumenti e che gli anticorpi, come previsto, diminuiscano” nel tempo.

Leggi anche: VARIANTE DELTA, “SINTOMATOLOGIA SCARSA, NIENTE ALLARMISMI”. Il Direttore dello Spallanzani zittisce…

Giovedì Pfizer ha anche dichiarato su Twitter che, nonostante le “forti risposte immunitarie” osservate dopo due dosi, sta ora “studiando se una terza dose le aumenterà ulteriormente”. Ha aggiunto che avrebbe anche preparato una “versione aggiornata” del siero per migliorare l’efficacia contro la variante Delta, dichiarando che gli studi clinici potrebbero iniziare entro agosto.

I produttori di vaccini hanno già lanciato l’idea di dosi aggiuntive, con il CEO di Moderna Stephane Bancel che ha detto ai colleghi durante una conference sugli utili di maggio che “Crediamo che saranno necessarie inizioni di richiamo” per combattere “nuove varianti “.

Leggi anche: NUOVI DOCUMENTI RIVELANO: PFIZER HA SALTATO TEST CRITICI SUGLI STANDARD DI QUALITÀ

Esattamente come da copione, le case farmaceutiche non si lasceranno scoraggiare e faranno di tutto per creare una dipendenza dai richiami. Chi ha fatto le prime due dosi si prepari a far visita ai centri vaccinali per lo meno una volta l’anno o finchè il sitema immunitario non gli darà il benservito.

Lo stesso amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla, ha detto più o meno lo stesso ad aprile, affermando che una terza dose sarà “probabilmente” necessaria un anno dopo la prima iniezione, suggerendo anche dosi aggiuntive ogni anno in futuro. 

Tuttavia, l’ex direttore del CDC Tom Frieden ha detto a Reuters a maggio che “non ci sono prove, e intendo zero, che suggeriscano” la necessità di dosi di richiamo. Anche il capo dei vaccini dell’Organizzazione mondiale della sanità, Kate O’Brien, ha sottolineato la mancanza di dati sulla questione, suggerendo che sia troppo presto per trarre conclusioni su ulteriori iniezioni. 

Pfizer ha risposto affermando che i booster potrebbero essere necessari solo mentre il virus  sta ancora circolando “, il che potrebbe cambiare a un certo punto mentre gli Stati Uniti si avvicinano all’immunità di gregge, sia naturalmente attraverso l’infezione che attraverso i vaccini.

Anche in questo caso sappiamo benissimo che poco contano le rassicurazioni sull’ inutilità di nuovi richiami vaccinali. L’agenda ormai la conosciamo bene.

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione su Patreon o seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita) in qualsiasi modo a loro piaccia gratuitamente. Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.

Approfondimenti Pfizer



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.