Database Italia

Ponerologia politica: un’anatomia psicologica del male, della politica e del trauma pubblico


“La distruzione biologica, psicologica, morale ed economica della maggior parte delle persone normali diventa, per i patocrati, una necessità biologica.” — Dott. Andrew Łobaczewski (1921 – 2008)

Lo psicologo politico Dr. Andrew M. Lobaczewski ha scritto un capolavoro su psicopatia e patocrazia, che ha unito nel termine “ponerologia politica”. Descrive la ponerologia politica come scienza della natura del male adattata a scopi politici. Abbiamo usato i termini “kakistocracy” e “Crime Syndicate” per esprimere lo stesso concetto essenziale.

Uno sguardo più conciso e abbreviato a questo lavoro viene dal commento e dal materiale aggiuntivo citato di Laura Knight-Jadczyk, che taglia parte della densità nel libro di Lobaczewski. Si avvale anche del lavoro di altri ricercatori sull’argomento. 

Come comprendere il male macrosociale

Derivato da poneros nel greco del Nuovo Testamento, la parola ponerologia suggerisce un male innato con un’influenza corruttrice, una descrizione appropriata della psicopatia e dei suoi effetti sociali.

Kazimierz Dąbrowski (1902-1980) ha indicato che l’estrema ambizione e brama di potere e guadagno finanziario “è particolarmente evidente nella psicopatia criminale o politica”. La politica, per sua stessa natura, tenderebbe ad attrarre più “tipi dominatori” patologici rispetto ad altri campi. Il MO è quello di infiltrarsi, contaminare, appropriarsi ed eliminare. (ICAE)

Ma poco si è detto sulla natura, le cause e la genesi del male. La cultura scientifica materialista non ammette facilmente che il male esista realmente, di per sé. Sì, il “male” ha un ruolo nel discorso religioso; ma anche lì, viene considerato un “errore” o una “ribellione” che verrà corretta ad un certo punto in futuro.

Non pensiamo quasi mai che “loro” potrebbero combattere semplicemente per ottenere qualcosa, avere la loro strada o avere il sopravvento. Questo è il falso rasoio di Hanlon. La teoria del rasoio suggerisce: “Non attribuire mai alla malizia, ciò che può essere spiegato dall’incompetenza”. Assurdità totale

L’eredità del lavoro di Sigmund Freud ha molto a che fare con questo. I principi di base delle teorie freudiane e il loro costrutto fondamentale – le nevrosi – sono diventate abbastanza ben impresse nella coscienza pubblica. Le teorie psicodinamiche della personalità tendono a vedere tutti, almeno in una certa misura, come nevrotici. L’impatto maligno delle esagerate osservazioni di Freud su un piccolo gruppo di individui eccessivamente inibiti applicate a un’ampia serie di ipotesi sulle cause della cattiva salute psicologica in tutti non può essere sopravvalutato. Fornisce copertura ai patocrati/kakistocrati dietro cui nascondersi.

Lobaczewski afferma: “L’umanità ha un predatore naturale, lo psicopatico, e questo predatore è invisibile perché non ci sono segni facilmente riconoscibili che lo distinguono. In una società in cui il male non è studiato o compreso, facilmente “salgono in cima” e procedono a condizionare le persone normali ad accettare il loro dominio, ad accettare le loro bugie senza dubbio. Il trucco del mestiere dello psicopatico è farci credere che il male venga dagli altri.

Poiché tutti presumono semplicemente che la coscienza sia universale tra gli esseri umani, nascondere il fatto che sono privi di coscienza è quasi senza sforzo.

Non sono trattenuti da alcun desiderio dalla colpa o dalla vergogna, e non sono mai affrontati da altri a sangue freddo. L’acqua ghiacciata nelle loro vene è così bizzarra, così completamente al di fuori dell’esperienza personale della persona normale, che raramente indovinano questa condizione.

Immagine tramite The Spectator

In altre parole, completamente liberi da vincoli interni, con libertà illimitata di fare ciò che vogliono e senza rimorsi di coscienza, li rende convenientemente invisibili al mondo.

Questa invisibilità dà loro un vantaggio enorme, segreto e strano (forma di magia nera) sulla maggior parte delle persone, che sono tenute in riga e sono handicappate dalle loro coscienze e non sono consapevoli che non tutte le persone operano da un luogo di integrità personale.

Anzi, è anche peggio. Robert Hare in ” Without Conscience ” ha sostenuto che viviamo in una “società mimetica”, una società in cui alcuni tratti psicopatici – egocentrismo, mancanza di preoccupazione per gli altri, superficialità, stile sulla sostanza, essere “freddo”, manipolativo e così via — sono sempre più tollerati (relativismo morale) e perfino valorizzati . Gli psicopatici egocentrici, a sangue freddo e spietati possono quindi dominare tutti gli aspetti della società.

Nella società moderna la visione edonistica della “felicità” contiene i semi della miseria. Le società edonistiche hanno la forte tendenza a incoraggiare la fuga nell’ignoranza o nelle dottrine ingenue. Ci sono deficit sociali per quanto riguarda le abilità psicologiche e la critica morale.

L’eliminazione inconsapevole dei segnali di pericolo comincia ad essere abituale, diventa un’usanza accettata da intere società. Il risultato è che qualsiasi processo di pensiero basato su tali informazioni troncate non può portare a conclusioni corrette. Questo porta quindi alla sostituzione di bugie convenienti al sé per sostituire verità scomode avvicinandosi così allo psicopatologico. In una società del genere, dove tutte le verità nascoste si nascondono sotto la superficie come un iceberg, il disastro è dietro l’angolo.

L’egoismo individuale e nazionale provoca continue ritorsioni. Questa istericizzazione della società, consente ai cospiratori patologici e ad altri devianti di agire nell’attuazione del male su scala macro-sociale.

Martha Stout in ” The Sociopath Next Door ” ha scritto: “Coloro che non hanno alcuna coscienza sono un gruppo a parte, siano essi tiranni omicidi o semplicemente spietati cecchini sociali”.

Le cospirazioni sorgeranno semplicemente come risultato naturale del divario incolmabile tra persone normali e devianti. In qualsiasi società di questo mondo, gli individui psicopatici e alcuni degli altri devianti creano una rete ponerogenicamente attiva di collusioni comuni, parzialmente estranee alla comunità delle persone normali.

Si raccolgono insieme, con visioni del mondo simili, come grasso che galleggia su una ciotola di zuppa. Quando uno di loro inizia a inveire, altri come loro – o quelli con danni cerebrali che li rendono suscettibili – “si radunano intorno alla bandiera”, per così dire. E per di più, loro lo sanno e sanno come funziona.



Imparano a riconoscersi in mezzo alla folla fin dall’infanzia e sviluppano la consapevolezza dell’esistenza di altri individui simili a loro.

Il carattere patologico di tali persone, generalmente contiene una componente di isteria.

Nonostante le loro carenze per quanto riguarda la normale conoscenza psicologica e morale,  sviluppano e quindi hanno a loro disposizione una conoscenza propria, cosa che manca alle persone con una visione naturale del mondo.

Diventano anche  consapevoli di essere diversi dal mondo delle altre persone che li circondano. Ci vedono da una certa distanza, assumono una varietà paraspecifica.



Le reazioni umane naturali – che spesso non riescono a suscitare interesse perché considerate auto-evidenti – colpiscono gli psicopatici come strane e quindi interessanti, persino comiche. Ci osservano quindi, traendo conclusioni, formando il loro diverso mondo di concetti.

Diventano esperti delle nostre debolezze e talvolta effettuano esperimenti spietati su di noi. … Né una persona normale né la nostra visione del mondo naturale possono percepire o valutare correttamente l’esistenza di questo mondo di concetti diversi.

Ha luogo la selezione negativa. Un capo di stato o un capo dipartimento difettoso seleziona il suo staff, il suo governo, in base alla sua visione del mondo patologicamente danneggiata. Il risultato finale è l’infestazione di una cabala “selezionata negativamente”.

Le patocrazie del mondo sono, e sono state, così simili nelle loro proprietà essenziali.

Vengono sviluppati metodi per diffondere il dissenso tra i gruppi (come nella massima “divide et impera”. Il tradimento e l’inganno in politica sono giustificati e presentati come valori positivi. Vengono inoltre sviluppati principi per sfruttare situazioni concrete.

La struttura sociale patologica copre gradualmente l’intero paese creando una “nuova classe” all’interno di quella nazione. Questa classe privilegiata di patocrati si sente minacciata permanentemente dagli “altri”, cioè dalla maggioranza delle persone normali. Né i patocrati si fanno illusioni sul loro destino personale se dovesse esserci un ritorno al sistema dell’uomo normale.

I tentativi della minoranza patologica di mantenere il potere saranno quindi sempre minacciati dalla società delle persone normali la cui critica continua a crescere. D’altra parte, tutti i metodi di terrore devono quindi essere usati contro gli individui.

Utilizzo di utili idioti, scimmie volanti e quasi psicopatici

Il modo di vivere associato negli Stati Uniti ha ottimizzato la sopravvivenza degli psicopatici con la conseguenza che si tratta di una “strategia di vita” adattiva che ha molto successo nella società statunitense, e quindi è aumentata nella popolazione, oltre a fungere da attrattore di individui psicopatici in altri paesi da parecchio tempo.



Il fatto è che l’America è inondata di psicopatici e Skirtoid, come menziona Lobaczewski. Come conseguenza di una società che si adatta alla psicopatia, molti individui che NON sono psicopatici si sono adattati in modo simile, diventando psicopatici “efficaci”, o “caratteropatici”.

La kakistocracy ha conoscenza dell’esistenza di individui suscettibili e di come lavorare su di essi e reclutarli. Questo processo di “transpersonificazione” è simile ma non identico in tutti i casi. Anche la durata dei risultati di questo fenomeno è variata. Alcune di queste persone in seguito diventano fanatiche. Altri in seguito hanno approfittato di varie circostanze per ritirarsi e ristabilire i legami perduti con la società delle persone normali. Ma sono stati sostituiti. L’unico valore costante del nuovo sistema sociale era il numero magico per gli psicopatici: 6%.

Un altro 12-18% sono utili idioti e scimmie volanti antisociali della ponerologia. Queste sono le caratteriopatie, che possono essere “create” dall’esposizione di un individuo a una persona con una grave deformazione del carattere. Le sue emozioni si raffreddano, il suo senso della realtà psicologica è soffocato. Ciò porta alla decriterializzazione del pensiero e a un sentimento di impotenza che culmina in reazioni depressive che possono essere così gravi che gli psichiatri a volte le diagnosticano erroneamente come psicosi maniaco-depressive.

Ciò significherebbe che il numero totale di psicopatici più “quasi-psicopatici” alias scimmie volanti sarebbe dal 16 al 24 percento della popolazione totale, a seconda del periodo di tempo, della cultura prevalente e del luogo. La guerra spinge questo nella fascia alta per TUTTI i partiti.



Impatto sulle persone normali

La kakistocracy insegna anche come le loro personalità possono avere effetti traumatizzanti sulle personalità di quelle persone normali e come sfruttare questa radice di terrore per raggiungere i loro obiettivi.

I metodi del terrore psicologico, le tecniche dell’arroganza patologica e il calpestio nell’anima di altre persone inizialmente hanno effetti così traumatici che le persone sono private della loro capacità di reazione intenzionale.

Lobaczewski: Subordinare una persona normale a individui psicologicamente anormali ha un effetto deformante sulla sua personalità: genera traumi e nevrosi. Ciò si realizza in un modo che generalmente elude controlli coscienti sufficienti . Lupi travestiti da pecora. Una tale situazione priva quindi la persona dei suoi diritti naturali di praticare la propria igiene mentale, sviluppare una personalità sufficientemente autonoma e utilizzare il suo buon senso.

Caratteriopatie indotte da farmaci: la miriade di farmaci impiegati fa sì che gli individui perdano progressivamente il loro colore emotivo e la loro capacità di intuire una situazione psicologica. Mantengono le loro funzioni intellettuali ma diventano egocentrici bramosi di lodi, facilmente governati da persone che sanno come trarne vantaggio.

Il comportamento da parte di persone con tali disturbi del carattere traumatizza le menti e i sentimenti delle persone normali, diminuendo gradualmente la loro capacità di usare il buon senso. Nonostante la loro resistenza, le persone si abituano alle rigide abitudini del pensiero e dell’esperienza patologici.

Ad esempio il canard, “Ci odiano a causa delle nostre libertà”. Questo è un ottimo esempio di “selezione e sostituzione di dati nel ragionamento” che è accettato volentieri e come spiegazione dal pubblico a causa dei suoi deficit di abilità psicologiche e critica morale.

Quando tutte le gioie della vita sono a portata di mano, lo sforzo mentale per comprendere la scienza e le leggi della natura – per acquisire conoscenze che potrebbero non essere direttamente correlate all’accumulo di cose – sembra un lavoro inutile. Essere “sano di mente” e positivo – un ottimo sport senza mai una parola scoraggiante – è visto come una buona cosa, e chiunque preveda conseguenze disastrose come risultato di tale spensieratezza è etichettato come un guastafeste.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

fonte Winter Watch

I commenti sono chiusi.