Database Italia

Preparati per il “Plate Reset”, pianificato dalla Rockefeller Foundation ed eseguito dal World Economic Forum


Immagina con me: un piatto di cibo che soddisfa tutte le tue esigenze nutrizionali, che ti viene fornito gratuitamente, che ha tutta una serie di etichette fantasiose che lo dichiarano, ad esempio, carbon neutral e “commercio equo”.

È prodotto da una manciata di aziende globali, che attraverso migliaia di esperimenti hanno prodotto questo super-alimento ottimale.

C’è cavolfiore geneticamente modificato che viene integrato con vitamine extra, alternative di soia alla carne che forniscono proteine ​​e una “salsa segreta” che rende tutto il gusto incredibile. Non suona troppo male, vero?

Se qualcuno ti dicesse che c’è un piano per rivoluzionare il sistema alimentare globale dall’alto verso il basso, gli crederesti? Bene, forse dopo aver letto questo articolo vedrai che ci stiamo rapidamente avvicinando a quel punto oggi.

La sicurezza alimentare è qualcosa che in Occidente, per la maggior parte, diamo per scontato. C’è cibo a prezzi accessibili in abbondanza nei negozi di ogni città. La difficoltà spesso è scegliere, tra la pletora di cibi mondani, quale mangiare per cena, anche se non è mai stato così.

Noi umani abbiamo attraversato periodi di intensa carestia e grandi lotte per il sostentamento. I nostri corpi hanno ancora meccanismi per far fronte alla fame e siamo ancora guidati da impulsi di base per quei cibi dolci e grassi che ci avrebbero visto attraversare gli inverni di un tempo.

Non sembra che torneremo presto a quello stato affamato, sicuramente non in questo mondo di abbondanza.

In questo mondo di abbondanza, però, sembra che molti abbiano molto poco. Nonostante quegli scaffali dei negozi siano pieni, ci sono milioni di famiglie che soffrono la fame, anche in quelle nazioni presumibilmente “economicamente avanzate”.

È una delle accuse più forti della società moderna che in una tale abbondanza relativa, così tanti debbano farne a meno. Non dovrebbe aver bisogno di essere spiegato, ma la recessione economica e l’aumento della fame vanno di pari passo.

La crisi economica del 2008 (per cui gli stati hanno finanziato grandi banche a spese della popolazione) ha causato, due anni dopo, un contemporaneo aumento dell’insicurezza alimentare. Uno studio  sulla spesa alimentare messicana  mostra che c’è un lasso di tempo di circa due anni tra lo shock economico iniziale e un aumento dell’insicurezza alimentare. Ci informa inoltre che i più vulnerabili nella società sono colpiti in modo sproporzionato da una recessione economica.

Una rapida occhiata ai titoli ci dice che il problema è peggiorato sotto il regno politico del Coronavirus. Milioni di individui “insicuri dal punto di vista alimentare” a causa del COVID-19, afferma la  Community Foodbank del New Jersey . C’è chiaramente un problema crescente e la necessità di qualche riforma nel settore alimentare: entrare nella  Fondazione Rockefeller .

Abbiamo scritto decine e decine di articoli sul “ Grande Reset ” ormai, quindi mi auguro che tu abbia assimilato il progetto e le sue finalità.

È la designazione del World Economic Forum per un massiccio cambiamento in tutte le sfere della società sulla scia della grande crisi del 2020. Il suo autore,  Klaus Schwab , distrugge ogni speranza per la nostra vecchia società quando  afferma :

“Molti di noi si chiedono quando le cose torneranno alla normalità. La risposta breve è: mai. Il mondo come lo conoscevamo nei primi mesi del 2020 non c’è più”.

Le cosiddette ‘élite’, che mi piace pensare come avidi sociopatici, si sono prese la responsabilità di riordinare l’intera economia e società mondiali. Seguendo le tendenze attuali, questo ripristino andrà a beneficio della classe dei miliardari in modo massiccio a spese del resto di noi.

Nel luglio 2020, la Rockefeller Foundation ha  pubblicato un documento  intitolato “Reset the Table: Meeting the Moment to Transform the US Food System”. Questo delinea i loro piani ad ampio raggio per il sistema alimentare globale; dalla fattoria alla bocca hanno un piano per “Reimpostare la tavola” (anche se preferisco il nostro soprannome: The Plate Reset).

Ti incoraggio a dargli un’occhiata, anche se è più di un boccone farinoso da provare a digerire. Esaminiamo gli obiettivi principali; chiamano ognuno di loro un “Shift” forse una testimonianza  della teoria della “spinta” della manipolazione psicologica  che è lo strumento principale del governo oggi, per cui il cambiamento totale è ottenuto da piccoli cambiamenti impercettibili.

Come suppongo, questi cambiamenti sono:

  1. Integrare il “sistema alimentare” sotto un’unica egida politica
  2. Collettivizzare e centralizzare il controllo dell’approvvigionamento alimentare
  3. Per generare ‘Prosperità’ – cioè per arricchire le parti interessate

Integrare il sistema alimentare

Alcune delle proposte qui si rivolgeranno all’ elettore medio. Ci propongono di far andare più lontano ogni euro; per aumentare la nutrizione e nutrire meglio i bambini. Quelli di noi che sono più scettici nei confronti delle affermazioni politiche possono vedere attraverso la nebbia.

Avere un piano regionalizzato in cui il cibo viene coltivato e venduto all’interno di un’area locale, ad esempio, è una buona risposta allo spreco del sistema internazionale attuale.

Anche se preferirei che fosse un affare coordinato dal basso, sembra che il piano sia quello di introdurre uno schema regionale dall’alto.

Parte del problema con questi editti di ampio respiro è che hanno un pessimo curriculum. Il documento della Fondazione Rockefeller ammette persino questi difetti.

I loro precedenti tentativi di cambiare il paradigma alimentare, noto a loro come la ‘rivoluzione verde’, hanno portato a “un’enfasi eccessiva sui cereali di base a scapito di cibi più ricchi di sostanze nutritive, dipendenza da fertilizzanti chimici che impoveriscono il suolo e cusano uso eccessivo di acqua. “


Cosa li fa pensare che andranno meglio al secondo morso della ciliegia?

Come parte di questo cambiamento, la sempre saggia banda di Davos vuole che consideriamo il cibo sano come un diritto. Questo è simile alle mosse fatte per definire un reddito stabile come un diritto attraverso il reddito di base universale.
Il cibo come diritto è stato promosso dal principe Carlo almeno dal 2012: guarda  questo articolo  di The Atlantic che dichiara Charles dalla parte dei molti contro il potere delle multinazionali.

Per inciso, dobbiamo notare che il  principe Carlo era presente e ha tenuto un discorso al lancio del Grande Reset , sembra che queste agende si muovano in piccoli circoli.

A prima vista, avere accesso al buon cibo come diritto sembra logico: dovrebbe garantire che più persone ricevano cibo adeguato. Tuttavia, mentre continuiamo ad esaminare le macchinazioni di questo nuovo sistema, quel “giusto” potrebbe essere lungi dall’essere liberatorio per gli affamati del mondo.

Parte del piano è riorganizzare il modo in cui viene distribuito il cibo. Desiderano porre le scuole al centro di questo meccanismo distributivo – questo garantirebbe a tutti i ragazzi delle scuole la possibilità di seguire una buona dieta, chi potrebbe discuterne?

Con la campagna del calciatore del Manchester United Marcus Rashford c’è ora uno sforzo concertato per affidare la responsabilità della distribuzione del cibo alle scuole. È stata  presentata dai media  come una battaglia campale tra i Tory nell’alto castello e i contadini in basso, ma c’è una piena collaborazione da parte del governo per costruire uno schema di distribuzione del cibo nelle scuole.

Il cibo come “medicina”

Il passo successivo è uno dei più interessanti, dichiarare il cibo come medicina. Sappiamo tutti che un’alimentazione sana è migliore di qualsiasi medicina preventiva e che la dieta ha un enorme impatto sulla salute.

Quindi non è un gran salto pensare al cibo come a una medicina. Ma ciò che il Plate Reset ha in serbo per noi è molto più di una semplice nutrizione.

Ci sono piani per modificare geneticamente le piante per fornire tutti i nutrienti di base di cui abbiamo bisogno, probabilmente una buona cosa.

Tuttavia, avere un cibo definito come medicina dallo stato rende possibile mettere fuori legge i cibi malsani, o regolamentare rigidamente la nostra stessa dieta, che potrebbe diventare una cosa negativa.

È già stato annunciato che il governo può  monitorare il COVID attraverso l’ispezione delle acque reflue . Biobot Analytics è una grande azienda che ha contratti governativi per la “sorveglianza delle acque reflue”, non sappiamo ancora fino a che punto possa spingersi questa tecnologia di sorveglianza. Se i poteri che gestiscono il sistema alimentare desiderano controllarti in questo modo, ci sono poche possibilità di sfuggire a un livello così profondo di istituzionalizzazione.



Non vediamo l’ora che anche i tirapiedi della Silicon Valley ottengano la loro fetta della torta. FoodID  è un progetto congiunto tra grandi conglomerati tecnologici come Facebook e Google, per fornire certificazione per il cibo; se è medicinale, di provenienza responsabile e interessante per garantire la “conformità”  Se il tuo piccolo agricoltore locale non può permettersi di stare al passo con l’ultimo cambiamento nelle normative, allora sarà probabilmente reso illegale.

Un aspetto dell’agenda “cibo come medicina” che vale la pena approfondire è la prospettiva di un  vaccino commestibile . L’idea è abbastanza semplice. Attraverso la magia dell’editing genetico, gli scienziati presumibilmente inseriranno materiale genetico da un virus in un alimento in modo tale che quando viene mangiato, genererà una risposta immunitaria e quindi causerà un’immunità al virus.

Un  vaccino commestibile contro il COVID è già stato propagandato  negli esperimenti che utilizzano una microalga, potrebbe non essere appetitoso ma potrebbe essere un punto di svolta Inoltre è stato ottenuto con successo nella vaccinazione contro l’epatite B  modificando i geni di una pianta di tabacco Ovviamente questo solleva alcune questioni etiche su quanto lontano andrà la palla di neve della modifica genetica.

Centralizzare il controllo del cibo

Questa sezione riguarda più la creazione di istituzioni e strumenti che il sostegno al settore agricolo.

Ancora una volta riconoscono che l’attuale sistema tratta ingiustamente le comunità più povere, ma la soluzione che offrono è semplicemente quella di sorvegliare più dettagliatamente i destinatari degli aiuti governativi.

In effetti, a parole si fa un favore ai “piccoli e medi agricoltori”, ma vengono rapidamente messi da parte con il discorso di “filiere alimentari regionali più agili e diversificate”.

È questo sottile strisciamento di potere dell’industria che in realtà minaccia la nostra sicurezza alimentare, eppure continuano a vestirsi con abiti di un salvatore.

Ridistribuendo i fondi, creando piani di stimolo del governo e creando centri alimentari regionali, dettagliano il loro piano per centralizzare il sistema di approvvigionamento alimentare.

Dichiarano già di avere il potere di “Dirigere il potere d’acquisto delle grandi istituzioni lungo una catena di approvvigionamento basata sui valori”.
Chiedo, data la loro spinta al profitto ad ogni costo, a quale etica sono effettivamente legati questi valori?

Prosperità

Il primo passo per garantire la prosperità a pochi è la regolamentazione obbligatoria. Con il presunto scopo di mantenere le persone “al sicuro”, queste norme sono chiaramente volte ad eliminare ogni concorrenza.

Proprio come un erbicida mirato può uccidere tutta la vita vegetale tranne il raccolto richiesto e creare  super erbacce che finiscono per minacciare proprio il cibo che intendi raccogliere , queste politiche regoleranno i piccoli agricoltori fino a una linea di pane incessantemente lunga .

Ancora una volta questa pretesa di “sicurezza” è solo un palliativo di facciata incluso per attutire il colpo della finanziarizzazione globalizzata del sistema alimentare. La facciata cade rapidamente quando leggiamo che:

“Mentre in alcuni casi i costi diretti associati al sistema alimentare potrebbero aumentare, i costi sanitari e i costi esternalizzati dei danni climatici e ambientali dovrebbero diminuire”. Per tradurre approssimativamente: “Il cibo diventerà più costoso per te, ma se ci paghi salveremo il mondo… forse”.

La natura fasulla dei loro calcoli sulle esternalità viene messa a nudo. Eventuali reclami per ridurre la quantità di anidride carbonica prodotta o i costi risparmiati per l’assistenza sanitaria sono puramente ipotetici e presentati senza prove.

Eppure queste sono le regole d’oro, presumibilmente la bussola morale che sta guidando il pacchetto politico.

Abbiamo anche visto le  migliori compagnie petrolifere saltare a bordo del carro ecologico verde , quindi non dovrebbe sorprendere che i giganti dell’industria tengano queste minuscole foglie di fico per coprire il loro saccheggio della natura anche attraverso il Plate Reset.

Sbavano sul “mercato” da 18 miliardi di dollari che sono le mense scolastiche. Vorrebbero che quei soldi delle tasse fossero “iniettati” nei loro hub regionali che li incanalassero verso i venditori di “buon cibo” – possiamo solo presumere che siano quelli in cui i Rockefeller e altri hanno quote. Un’istituzione Rockefeller è  YieldWise :

“YieldWise ridurrà la dipendenza degli agricoltori dai prezzi volatili nel mercato trovando grandi acquirenti di ancoraggio, sia multinazionali come Coca Cola, Unilever che locali principalmente nell’Africa subsahariana”.

Sì, è vero, la Coca Cola sta salvando gli africani affamati attraverso strutture di investimento istituzionali, ora possiamo dormire tutti bene la notte.

Naturalmente, come per qualsiasi cambiamento di paradigma sociale, abbiamo bisogno di un sistema parallelo di sorveglianza ad alta tecnologia. Propongono di “modernizzare” il sistema agricolo: non possono lasciare che tutti quei dati succosi vadano sprecati.

Ciò alimenterà i sistemi “in tempo reale” di analisi dei dati aggregati che consentono ai produttori di vedere dove sta crescendo la domanda e agire di conseguenza.

Sembra un piano praticabile, anche se diventa rapidamente  orwelliano : le agenzie statali dovrebbero sfruttare sistematicamente i dati che raccolgono sulle famiglie, come il reddito, per facilitare l’iscrizione. Mettendo insieme disoccupazione, reddito familiare e altri dati di censimenti e sondaggi…”.

Quindi ogni briciolo di informazione su ogni mossa di ogni cittadino viene risucchiato in un nebuloso sistema globale di produzione alimentare industriale. E c’ero io che mi godevo la vecchia normalità.

Non fare errori; questa agenda sta arrivando lungo la strada, forse in appena due anni, senza dubbio accelerata dalla percepita crisi Covid. Tuttavia, abbiamo una serie di condizioni che elidono che portano a un quadro preoccupante.

C’è una  carenza globale di semi , tale che l’alternativa al  Plate Reset , ovvero l’anarco-agricoltura su piccola scala, viene lasciata naufragare. Anche se il tuo paese ha abbastanza semi, possono essere facilmente dichiarati “non essenziali”,  come è successo nel Regno Unito  nel marzo di quest’anno.

Ci sono altri cigni neri che incombono sul nostro orizzonte. L’Ucraina e la Russia, viste come il granaio dell’Europa e dell’Asia, hanno visto un calo del 20% nella produzione di cereali, che si riflette in altre colture e paesi .

Gli Stati Uniti hanno visto la  più bassa superficie coltivata a grano dal secolo scorso. Le patate e il mais se la passano male allo stesso modo. Una delle ragioni addotte per questo declino della produzione agricola è l’avvicinarsi del  Grand Solar Minimum . Questo è l’indebolimento del potere di riscaldamento del Sole, basato su cicli di Milankovitch ben documentati  .

NASA:  “Cambiamento climatico” causato da cambiamenti nell’orbita solare della Terra e inclinazione assiale (non cause artificiali)

Se dobbiamo entrare in un lungo periodo di raffreddamento globale, con un Sole indebolito, allora è imperativo che abbiamo gli strumenti per nutrirci. Il metodo tradizionale di utilizzare una vasta gamma di varietà antiche sembra essere una buona tattica. L’antica civiltà basata sul Lago Titicaca, ad esempio, coltivava circa  3.800 specie di patate , molte delle quali abbelliscono i nostri piatti oltre 4.000 anni dopo.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

3 2 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments