Database Italia

«PRESTO L’OK DEFINITIVO DI FDA AI VACCINI». In Ohio la Promessa del presidente Biden al suo Sponsor Pfizer

L’approvazione della Food and Drug Administration negli Usa
spalancherà le porte all’ok definitivo anche in Europa e Italia
E complicherà le battaglie legali contro l’obbligo vaccinale

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Fonte originale: articolo di Gospa News

ENGLISH VERSION HERE

Immaginatevi cosa sarebbe accaduto se il presidente francese Emmanuel Macron fosse stato sponsorizzato dalla Renault in campagna elettorale e poi avesse spinto per l’autorizzazione di ambulanze sperimentali senza collaudo prodotte dalla stessa casa automobilistica con la scusa che c’è un’emergenza per carenza di mezzi di soccorso. Con ogni probabilità i quotidiani francesi avrebbero gridato allo scandalo e lui avrebbe corso il rischio di una procedura di impeachment per la rimozione del presidente dal potere prevista ai sensi dell’articolo 68 della Costituzione (introdotto solo nel 2014).

Invece, negli Stati Uniti d’America, confederazione fondata grazie alle lobby massoniche del Nuovo Ordine Mondiale, il presidente Joseph Biden può tranquillamente promuovere i vaccini della Big Pharma americana Pfizer (controllata dalla londinese GlaxoSmithKline-GSK che fa riferimento a Bill Gates) che lo ha sponsorizzato in campagna elettorale con quasi un miliardo di dollari. Lo può fare apertamente grazie all’incubo della pandemia da Covid-19, sempre più ingigantito dalle narrazioni politico-mediatiche.

Nei giorni scorsi, infatti, il New York Times ha dato ampio risalto al discorso tenuto dal POTUS (President of the United States) nel quale ha annunciato l’imminente arrivo dell’approvazione definitiva della FDA per i vaccini per ora autorizzati solo in via sperimentale (Pfizer-Biontech, Moderna e Janssen di Johnson & Jonhson, in quanto AstraZeneca non ha mai ottenuto l’ok negli Usa). Il presidente Joe Biden, mercoledì 21 luglio, ha infatti preso parte ad una conferenza cittadina organizzata da Don Lemon della CNN alla Mount St. Joseph’s University di Cincinnati.

«Il presidente Biden ha detto a un pubblico in Ohio mercoledì sera che si aspettava che la Food and Drug Administration avrebbe dato l’approvazione finale “rapidamente” per i vaccini Covid-19, mentre faceva pressioni affinché gli americani scettici si vaccinassero e fermassero un’altra ondata di pandemia» scrivono Noah Weiland and Annie Karni sul NYT.

Biden ha detto che non stava intervenendo nella decisione degli scienziati del governo, ma ha indicato una potenziale decisione rapida da parte della F.D.A. per dare l’approvazione finale per i vaccini, che sono attualmente autorizzati per l’uso di emergenza. Molti professionisti medici hanno spinto per l’approvazione finale, affermando che potrebbe aiutare ad aumentare l’accettazione dei vaccini.

«La mia aspettativa, parlando con il gruppo di scienziati che abbiamo messo insieme, più di 20 di loro più altri sul campo, è che magari all’inizio dell’anno scolastico, a fine agosto, inizio settembre, ottobre, si ottenga un’approvazione finale” per i vaccini presso la FDA» ha affermato Biden.

Il presidente americano ha però evitato di ricordare che la prima multinazionale a chiedere formalmente alla FDA l’ok definitivo è proprio la Pfizer che lo ha finanziato in campagna elettorale ma è stata poi già ampiamente ricompensata con i 4 miliardi di dollari donati dall’amministrazione Biden al fondo dell’OMS per l’immunizzazione globale COVAX, gestito da ong di Gates e amministrato da una ex manager GSK, già impegnatosi nell’acquisto di 500 milioni di dosi del Comirnaty, la pericolosa terapia genica a base di RNA messaggero prodotta dalla tedesca Biontech (di cui è azionista Gates) per la rete commerciale dell’americana Pfizer controllata da GlaxoSmithKline in un accordo stipulato nel 2019, pochi mesi prima dello scoppio della pandemia.

L’approvazione definitiva assume un’importanza cruciale soprattutto nella sua proiezione in Italia dove è già stato imposto l’obbligo vaccinale agli operatori sanitari contestato da centinaia di essi con un ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale anche basato proprio sulla circostanza che i sieri antiCovid sono ancora sperimentali.

E’ infatti evidente che un’approvazione senza riserve del vaccino di Pfizer da parte della FDA può giustificare il successivo ok definitivo dell’EMA (European Medicines Agency) e dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) e agevolare il percorso del Disegno di Legge presentato da una senatrice di Forza Italia per l’obbligo vaccinale anche a scuola.

LA MENZOGNA DI BIDEN “NON AVRAI COVID SE TI VACCINI”

Dopo che la Casa Bianca ha annunciato l’inasprimento del monitoraggio dei social e persino degli SMS in relazione a una non meglio precisata disinformazione sui vaccini, il POTUS ha invece decantato l’efficacia dei sieri antiCovid tanto da indurre i giornalisti del New York Times a notare l’esagerazione.

Il presidente ha anche affermato di aspettarsi che i bambini di età inferiore ai 12 anni, che attualmente non sono idonei a ricevere il vaccino, sarebbero stati autorizzati per ottenerlo in caso di emergenza “presto, credo”. Nonostante i molteplici casi di reazioni avverse anche letali e gravi segnalati dal sito The Defender dell’avvocato Robert F. Kennedy jr.

I commenti del presidente in municipio sono arrivati ​​mentre la diffusione della variante Delta ha portato a un aumento nazionale dei casi di coronavirus. Nell’ultima settimana sono stati segnalati in media circa 41.300 casi ogni giorno in tutto il paese, con un aumento del 171 percento rispetto a due settimane fa. Il numero di nuovi decessi segnalati è aumentato del 42%, con una media di 249 decessi al giorno nell’ultima settimana.

In Ohio, dove il signor Biden si è recato mercoledì per parlare di quelli che ha presentato come i lavori sindacali ben pagati che il suo piano infrastrutturale avrebbe creato, il presidente lo ha trovato rispondere alle domande dei membri del pubblico preoccupati per i bassi tassi di vaccinazione nelle loro comunità. “Questa è una proposta semplice e di base”, ha detto. “Se sei vaccinato, non verrai ricoverato. Non sarai in una terapia intensiva. unità. E tu non morirai”.

Le sue parole hanno preceduto quelle identiche del premier italiano Mario Draghi ma sono state ripetutamente contraddette dai dati EudraVigilance e VAERS sulla farmacovigilanza nelle reazioni avverse alle inoculazioni delle dosi, dai quali emerge il dramma di centinaia di decessi tra i vaccinati. Ma soprattutto sono state ampiamente sconfessate da uno studio pubblicato sulla rivista specializzata Science in cui si evidenzia che la Variante Epsilon (californiana) è ancor già forte della Delta e resiste ai vaccini… (continua a leggere).

IL REPORTAGE COMPLETO PROSEGUE SU GOSPA NEWS



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
5 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments