Quantcast
Database Italia

“Project Fear”- Un nuovo studio dimostra il divario tra realtà e percezione rispetto ai rischi del Covid-19. Quando le notizie false arrivano dallo stato

La percezione dei rischi della crisi di Covid-19 è ora così esagerata da dimostrare come la paura sia diventata l’unica vera realtà duratura della pandemia.

Il divario tra la realtà e la percezione attorno ai rischi di Covid – quasi un fattore di 100 – mostra come le “notizie false” sanzionate dallo stato – Project Fear – siano arrivate a dominare l’immaginazione pubblica creando un impatto negativo sul modo in cui gestiamo la crisi.

Un rapporto di ricerca, “Covid-19 Opinion Tracker”, pubblicato il 27 luglio 2020, da Kekst CNC, una società globale di comunicazioni strategiche che fa parte di Publicis Groupe, il terzo gruppo di comunicazioni più grande del mondo, contiene una sezione davvero notevole sulla percezione rispetto alla realtà dell’impatto del Covid-19 sul pubblico.

Il rapporto mostra che nei cinque paesi in cui è stato condotto il sondaggio, le persone, senza eccezioni, pensano che i rischi del Coronavirus siano molto più diffusi e pericolosi di quanto dimostrino i dati ufficiali.

Il sondaggio è stato condotto tra il 10 e il 15 luglio 2020. Nella sezione percezione rispetto alla realtà del sondaggio, 1000 adulti sono stati interrogati nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Germania, Svezia e Francia.

Sono state poste due domande : quante persone nel tuo paese hanno avuto il coronavirus? Quante persone nel tuo paese sono morte di coronavirus? Le risposte dovevano essere espresse in percentuale.

I risultati sono sorprendenti: alla prima domanda relativa ai numeri sulle persone che hanno contratto il C-19; le persone nel Regno Unito hanno risposto al 22 percento (4 volte superiore ai dati ufficiali); negli Stati Uniti, la risposta è stata del 20% (20 volte maggiore dei casi confermati); in Germania, la risposta è stata dell’11% (46 volte maggiore dei casi confermati); in Svezia la risposta è stata del 16% (20 casi confermati) e in Francia la risposta è stata del 12% (46 casi confermati).

Sul numero di morti, le cifre sono ancora più esagerate: nel Regno Unito, la risposta è stata del 7% (100 volte maggiore delle morti confermate); negli Stati Uniti, la risposta è stata del 9% (225 volte maggiore delle morti confermate); in Germania, la risposta è stata del 3% (300 volte superiore ai decessi confermati); in Svezia, la risposta è stata del 6% (100 volte superiore ai decessi confermati); e in Francia la risposta è stata del 5% (100 volte maggiore delle morti confermate).

Quindi, in termini reali, l’opinione pubblica nel Regno Unito pensa che lì siano morti 4.6 milioni di persone di Covid, anziché i 46.000 effettivi. Negli Stati Uniti, la gente crede che ne siano morti 29,5 milioni, anziché 155.000.

Si potrebbe sostenere che queste cifre rivelano che le persone in questi paesi hanno bisogno di un po ‘di educazione su statistiche e percentuali. Ma la verità è che il modello è inconfondibile: la percezione del rischio e del pericolo è molto maggiore della realtà.

Questa è la realtà della società oggi. È il risultato non di “false notizie” provenienti da “negazionisti” o bufalari. Questo è il risultato di “false notizie” sostenute dallo stato, in cui la minaccia del Coronavirus e le misure prese per affrontarlo hanno istituzionalizzato un esagerato senso di incertezza e paura tra milioni di cittadini in tutto il mondo.

A un certo livello, molti esperti e governi, in particolare gli “scienziati” comportamentali, accoglieranno con favore questa rivelazione. L’idea che colpire la paura delle persone come un modo sicuro per indurle a cambiare il loro comportamento, suggerisce a coloro che sostengono questa visione ridotta delle masse, che questo non è solo giustificato, ma che funziona .

Ma c’è un prezzo enorme da pagare per alimentare queste paure e idee sbagliate sulla vera minaccia rappresentata dal Coronavirus. Ad esempio, l’indagine ha un’altra intuizione rivelatrice: indossare la maschera obbligatoria, nonostante non abbia alcuna base scientifica, è ora popolare in quasi tutti i paesi e la leadership politica e corporativa fa leva sull’utilizzo o meno della mascherina in pubblico. Ciò potrebbe aumentare l’opportunismo politico e avere un beneficio a breve termine per i politici impopolari, ma ciò che sta erodendo è una capacità sfumata a più lungo termine di gestire il rischio rappresentato da Covid-19. Una crisi creata dall’uomo si sta trasformando in un disastro “naturale” in cui la paura ora supera la verità; una realtà dalla quale tutti perdiamo.

Fonte: RT



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments