Home Eventi Avversi V.C. PRONTI PER GLI ZOMBIE GENETICAMENTE MODIFICATI?

PRONTI PER GLI ZOMBIE GENETICAMENTE MODIFICATI?

12
0
topi zombie

Gli scienziati della Georgia State University hanno fatto una scoperta di recente piuttosto scioccante : ” la biologia alla base del comportamento sociale potrebbe essere più complessa di quanto si pensasse “. Accidenti, chi l’avrebbe mai pensato!? Forse non sappiamo quanto ad alcune persone piace pensare. Forse, come specie, dovremmo frenare il complesso di Dio, mostrare un po’ più di umiltà.

Forse i vaccini che accelerano la curvatura e l’iniezione di miliardi di persone prima del completamento delle prove non è stata la mossa più saggia, quando la natura mostra la sua imprevedibilità, più e più volte. Per quanto intelligenti pensino di essere le persone con i complessi di Dio, per quanto benevole le loro intenzioni, la natura continuerà a superarle. Questo non significa che dobbiamo smettere di cercare di capire la natura, smettere di comprendere i suoi segreti, ma significa essere più umili e molto più cauti.

Leggi anche: Universo 25: L’esperimento finanziato dalla Rockefeller Foundation da “utopia” dei topi si trasformò in apocalisse

Lo  studio  in questione ha creato criceti geneticamente modificati per studiare le neuroscienze sociali. Come parte dello studio, ai criceti sono stati rimossi i recettori Avpr1a per vedere come cambiava il loro comportamento. Questi recettori aumentano l’espressione della comunicazione sociale e dell’aggressività. Pertanto, gli autori hanno pensato che eliminando queste vie di segnalazione “avrebbero ridotto sia l’aggressività che la comunicazione sociale”.

Tuttavia, è successo l’esatto contrario. Attenti ai criceti zombi.

Come si può vedere nelle immagini sopra, i criceti hanno iniziato a inseguire, inchiodare altri criceti e morderli. Il processo di modifica genetica ha reso i criceti super aggressivi nei confronti di altri criceti dello stesso sesso nella loro gabbia.

Inaspettatamente, tuttavia, i criceti Avpr1a KO hanno mostrato più comportamenti di comunicazione sociale e aggressività verso i conspecifici dello stesso sesso rispetto ai loro compagni di cucciolata di tipo selvatico (WT).

L’editing genetico è stato effettuato utilizzando la controversa tecnica CRISPR che può tagliare e sostituire sezioni di DNA. Il motivo per cui è controverso è dovuto al suo uso nel grembo materno, quindi al suo potenziale per creare bambini con il copyright. Nel 2018 uno scienziato cinese ha affermato di aver creato un bambino di design, resistente all’HIV, al vaiolo e al colera. Ciò ha innescato un enorme dibattito etico che da allora si è spento a causa della comparsa del Covid.

Si pensava che Avpr1a aumentasse l’aggressività nei maschi ma la riducesse nelle femmine. Studi precedenti, in cui un’iniezione aveva stimolato i recettori, avevano prodotto questi risultati. Tuttavia, quando il gene è stato completamente rimosso, i criceti hanno mostrato aggressività quando sono stati esposti a criceti dello stesso sesso non aggressivi in ​​un’arena neutrale.

Gli autori hanno concluso che “si ipotizza che la diversità e la complessità dei comportamenti sociali tra le specie e tra gli individui emerga dalle interazioni funzionali tra i molteplici nodi dei circuiti SBNN, e non dall’attività dei suoi singoli componenti... In quanto tali, questi dati supportano l’ ipotesi che il comportamento sociale possa essere una proprietà emergente proveniente dalle interazioni tra i nodi dell’intero circuito”.

Questa tecnologia di editing genetico può manifestarsi immediatamente o esprimersi nel tempo o in generazioni diverse. Queste preoccupazioni sono tutte legate al lavoro sul guadagno di funzione (GoF), al Dual-Use Research of Concern (DURC) e ai vaccini mRNA. Anche se gli effetti immediati di queste tecnologie potrebbero non presentarsi subito, chissà quali torsioni la natura fornirà in futuro. Questi criceti ne sono un’ottima prova. Quelle che avrebbero dovuto essere calme, pacifiche palle di lanugine, si sono trasformate in roditori d’attacco super aggressivi.

Chissà quali problemi ci riserveranno gli scienziati in futuro.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleINVASIONE DI ARMI HI-TECH | SUL DARK WEB LE ARMI NATO INVIATE ALL’UCRAINA
Next articleDocumenti riservati di Pfizer confermano che la vaccinazione contro il Covid-19 porterà allo spopolamento