Database Italia

Pronto per la fase di test sull’uomo il primo occhio bionico.

Un team di ricercatori della Monash University di Melbourne, in Australia, ha costruito un dispositivo bionico che può ripristinare la vista attraverso un impianto cerebrale.


Il team si sta ora preparando per quello che, secondo loro, sarà il primo test clinico umano al mondo di un occhio bionico, e sta chiedendo ulteriori finanziamenti per produrlo eventualmente su scala globale.
È essenzialmente il core di uno smartphone combinato con microelettrodi impiantati nel cervello, come riporta TechCrunch . Il “sistema di visione bionica Gennaris”, un progetto che dura da più di dieci anni, bypassa i nervi ottici danneggiati per consentire la trasmissione dei segnali dalla retina al centro della vista del cervello.
Il sistema è costituito da un copricapo progettato su misura, che include una fotocamera e un trasmettitore wireless. Un’unità processore si occupa dell’elaborazione dei dati, mentre una serie di tessere impiantate all’interno del cervello fornisce i segnali.

“Il nostro design crea un modello visivo di combinazioni fino a 172 punti di luce (fosfeni) che fornisce informazioni all’individuo per navigare in ambienti interni ed esterni e riconoscere la presenza di persone e oggetti intorno a loro”, dice Arthur Lowery, professore a Monash, Dipartimento di Ingegneria dei Sistemi Elettrici e Informatici dell’Università, in una dichiarazione .
I ricercatori sperano anche di adattare il sistema per aiutare le persone con condizioni neurologiche non curabili, come la paralisi degli arti, a riprendere il movimento.

Monash Vision Group, Macro shots of implant and microchip

“In caso di successo, il team MVG [Monash Vision Group] cercherà di creare una nuova impresa commerciale incentrata sulla fornitura di occhi bionici a persone con cecità incurabile e nervi per il movimento alle braccia di persone paralizzate dalla tetraplegia”, ha detto Lewis.

Uno studio a luglio ha dimostrato che l’array Gennaris è stato in grado di essere trapiantato in sicurezza nel cervello di tre pecore utilizzando un inseritore pneumatico, con un totale di 2.700 ore di stimolazione senza che questo causasse alcun effetto negativo sulla salute.
Non è ancora chiaro quando si svolgeranno le prime prove umane.
“Con un investimento extra, saremo in grado di produrre questi impianti corticali qui in Australia alla scala necessaria per progredire verso le sperimentazioni sull’uomo”, ha detto Marcello Rosa, professore di fisiologia a Monash e membro MVG.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.