CoronavirusPolitica

PROVE DI COSPIRAZIONE CONTRO IL POPOLO: INCHIESTA SHOCK IN GERMANIA

IN GERMANIA IL MINISTERO DEGLI INTERNI ASSUNSE SCIENZIATI PER GIUSTIFICARE MISURE FORTEMENTE REPRESSIVE


Una  storia interessante  del Welt am Sonntag di ieri  basata su 200 pagine di corrispondenza interna visionate dal giornale e ottenute dagli avvocati nel corso di una controversia legale in corso che coinvolge il  Robert Koch Institute.

Il ministero federale dell’Interno ha coinvolto scienziati di diversi istituti di ricerca e università per scopi politici nella prima ondata della pandemia di corona nel marzo 2020. Ha incaricato i ricercatori dell’Istituto Robert Koch e di altre istituzioni di creare un modello di calcolo sulla base del quale il Ministro dell’Interno, Horst Seehofer (CSU), ha voluto giustificare dure misure per il Coronavirus.

Questo emerge da più di 200 pagine di corrispondenza interna tra il livello dirigenziale del Ministero dell’Interno e i ricercatori che WELT AM SONNTAG ha ricevuto. Un gruppo di avvocati ha combattuto per avere la corrispondenza elettronica in una controversia legale durata diversi mesi con il Robert Koch Institute.

In uno scambio di e-mail, il sottosegretario di Stato al ministero dell’Interno, Markus Kerber, chiede ai ricercatori contattati di elaborare un modello sulla base del quale pianificare “misure preventive e repressive”.

Secondo la corrispondenza, gli scienziati hanno lavorato in stretto coordinamento con il ministero in soli quattro giorni per sviluppare i contenuti per un documento che era stato dichiarato segreto, che è stato distribuito tramite vari media nei giorni successivi.

È stato calcolato uno “scenario peggiore” secondo cui più di un milione di persone in Germania sarebbero potute morire a causa del coronavirus se la vita sociale fosse continuata come prima della pandemia.

Mercoledì i governi federale e statale decideranno ulteriori misure per far fronte alla pandemia, e alla fine si dirà probabilmente ancora una volta che si sono piegati alle valutazioni della scienza. Questa impressione è stata creata dall’inizio della crisi: i politici stanno solo reagendo alle conclusioni degli esperti. Questo è quello che ci hanno voluto far credere. Non per niente la cancelliera Angela Merkel ha paragonato il Covid-19 di fine 2020 a “ un disastro naturale ”.

E se la politica fornisse in anticipo alla scienza l’obiettivo di ricerca desiderato? La ricerca di WELT AM SONNTAG indica che questo è esattamente quello che è successo nella primavera del 2020. 
I complici? Non solo ricercatori, ma quelli dell’Istituto Robert Koch, dell’Istituto Leibniz per la ricerca economica, dell’Istituto di economia tedesca, della Fondazione per la scienza e la politica e diverse università. Si sono divertiti tutti a partecipare.

Durante il processo di stesura, il segretario di stato del ministero era in stretto contatto con gli scienziati, incluso il capo dell’RKI Lothar Wieler. Il Segretario di Stato si riferiva a lui come “il mio amico” in e-mail precedentemente segrete. Dopo quattro giorni il documento era pronto: gli scienziati hanno avvertito di un milione di potenziali morti per coronavirus e hanno dato consigli su come ottenere l ‘”effetto shock desiderato”: “Molte persone gravemente malate portate in ospedale dai loro parenti, furono allontanate e morirono in agonia lottando a casa “.

Se i politici cercano consigli indipendenti dalla scienza, tutto va bene in una pandemia per quanto riguarda le restrizioni ai diritti fondamentali. Ma quando la scienza diventa il braccio esteso della politica, qualcosa sta andando davvero storta. Le persone perdono fiducia nei responsabili delle decisioni. Nelle ultime settimane, l’approvazione per il corso del governo è caduta, e questo presumibilmente ha qualcosa a che fare con la selezione degli esperti da parte dei governanti. I potenti sembrano felici di chiedere consiglio esclusivamente agli intransigenti del blocco.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Davide Donateo

Sono il fondatore e direttore (editor se preferite) di Database Italia. Il mio indirizzo e-mail è: [email protected]

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments

[…] ESTRATTO: Una Storia Interessante del Welt am Sonntag di ieri  basata su 200 pagine di corrispondenza interna visionate dal giornale e ottenute dagli avvocati nel corso di una controversia legale in corso, che coinvolge il  Robert Koch Institute. Il ministero Federale dell’Interno ha coinvolto scienziati di diversi istituti di ricerca e università per scopi politici, nella prima ondata della pandemia di coro(na) nel marzo 2020. Ha incaricato i ricercatori dell’Istituto Robert Koch e di altre istituzioni, di creare un modello di calcolo sulla base del quale il Ministro dell’Interno, Horst Seehofer (CSU), ha voluto giustificare dure misure per il Corona-vairus. Questo emerge da più di 200 pagine di corrispondenza interna tra il livello dirigenziale del Ministero dell’Interno e i ricercatori che WELT AM SONNTAG ha ricevuto. Un gruppo di avvocati ha combattuto per avere la corrispondenza elettronica in una controversia legale durata diversi mesi con il Robert Koch Institute. […]

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!