Quantcast
Database Italia

PSICOLOGIA DEI NEGAZIONISTI DELLA COSPIRAZIONE




Perché persone altrimenti perfettamente intelligenti, premurose e di mentalità razionale si lamentano del suggerimento che i sociopatici stiano cospirando per manipolarli e ingannarli? E perché difenderanno questa posizione mal fondata con tanta veemenza?

La storia cataloga le macchinazioni di bugiardi, ladri, prepotenti e narcisisti e i loro effetti devastanti. Anche nei tempi moderni abbondano le prove di corruzione e di straordinari inganni.

Sappiamo, senza dubbio, che i politici mentono e nascondono le loro connessioni e che le multinazionali mostrano abitualmente un disprezzo assoluto per le norme morali – che la corruzione ci circonda.

Sappiamo che le porte girevoli tra la sfera aziendale e quella politica, il sistema di lobbying, i regolatori corrotti, i media e la magistratura significano che le azioni illecite non hanno praticamente mai portato a nessuna parvenza di vera giustizia.
Sappiamo che la stampa occasionalmente fa rumore su queste questioni, ma non le approfondisce mai con vero vigore.

Sappiamo che nei servizi di intelligence e nelle forze dell’ordine le azioni illecite sono all’ordine del giorno e che, ancora una volta, la giustizia non è mai imminente.

Sappiamo che i governi ignorano o calpestano ripetutamente i diritti delle persone e abusano e maltrattano attivamente le persone. Niente di tutto questo è controverso.

Quindi, esattamente, cos’è che i negazionisti della cospirazione si rifiutano di riconoscere con tale fervore, rettitudine e condiscendenza? Perché, contro tutte le prove, difendono beffardamente e con disprezzo la fatiscente illusione che “il grande e il buono” siano lassù da qualche parte, abbiano tutto in mano, abbiano a cuore solo i nostri migliori interessi e siano scrupolosi, saggi e sinceri? Che la stampa serve le persone e la verità piuttosto che i truffatori? Quelle ingiustizie dopo altre ingiustizie derivano da errori e sviste, e mai da quella terribile parola: cospirazione?

Quale persona ragionevole continuerebbe a vivere in un mondo così ?

Il punto di disaccordo qui è solo sulla questione della scala. Qualcuno che è sinceramente curioso dei piani di potenti sociopatici non limiterà la portata della sua curiosità, ad esempio, a una società o a una nazione. Perché dovrebbe? Una persona del genere presume oggi che gli stessi modelli esposti a livello locale si trovino probabilmente lungo tutta la catena alimentare. Ma il negazionista della cospirazione insiste che questo sia assurdo.

Perché?

È dolorosamente ovvio che le strutture sociali e legali piramidali che l’umanità ha permesso di sviluppare sono esattamente il tipo di gerarchie dominanti che indubbiamente favoriscono il sociopatico. Un essere umano che opera con una normale e sana mentalità cooperativa ha poca inclinazione a prendere parte al combattimento necessario per scalare una scala aziendale o politica.

Quindi cosa immaginano i negazionisti della cospirazione che racconta di 70 milioni o più di sociopatici nel mondo, nati in un ‘gioco’, in cui tutta la ricchezza e il potere sono in cima alla piramide, mentre gli attributi più efficaci per ‘vincere’ sono spietatezza e amoralità? Non hanno mai giocato a Monopoli?

I sociopatici non scelgono la loro visione del mondo consapevolmente e sono semplicemente incapaci di comprendere perché le persone normali si troverebbero in uno svantaggio così incredibile limitandosi con coscienziosità ed empatia, che sono al di là della comprensione del sociopatico su come un mondo senza di loro sarebbe umano.

Tutto ciò che il sociopatico deve fare per vincere nel gioco è mentire pubblicamente mentre cospira in privato. Cosa potrebbe esserci di più semplice? Nel 2021, continuare a immaginare che il mondo in cui viviamo non sia in gran parte guidato da questa dinamica equivale a un’ingenuità spericolata al limite della follia. Da dove nasce un impulso così involontariamente distruttivo?

Il neonato ripone una fiducia innata in coloro con cui si trova – una fiducia che è, per la maggior parte, essenzialmente giustificata. Il bambino non potrebbe sopravvivere altrimenti.

In una società sana, questo profondo istinto si evolverà con lo sviluppo della psiche. Man mano che la consapevolezza di sé, le capacità cognitive e di ragionamento e lo scetticismo si sono evoluti nell’individuo, questo innato impulso di fiducia continuerebbe a essere inteso come un bisogno centrale della psiche. Esisterebbero sistemi di credenze condivise per evolvere consapevolmente e sviluppare questo impulso infantile al fine di collocare questa fede da qualche parte coscientemente – in valori e credenze di significato e valore duraturi per la società, l’individuo o, idealmente, entrambi.

La riverenza e il rispetto per la tradizione, le forze naturali, gli antenati, per la ragione, la verità, la bellezza, la libertà, il valore innato della vita o lo spirito iniziatore di tutte le cose, potrebbero essere considerati luoghi di riposo validi in cui riporre consapevolmente la nostra fiducia e fede – così come quelli derivati ​​da sistemi di credenze più formalizzati.

Indipendentemente dal percorso intrapreso per evolvere e sviluppare una fede personale, è il portare la propria coscienza e cognizione a questo impulso innato che qui è rilevante. Credo che questa sia una profonda responsabilità – sviluppare e coltivare una fede matura – di cui molti, comprensibilmente, non sono consapevoli.

Cosa accade quando dentro di noi c’è un bisogno infantile che non si è mai evoluto oltre la sua funzione di sopravvivenza originaria di fidarsi di coloro che nel nostro ambiente sono, semplicemente, i più potenti; i più presenti e attivi? Quando non abbiamo mai esplorato veramente la nostra psiche e interrogato profondamente ciò in cui crediamo veramente e perché? Quando la nostra motivazione per fidarci di qualcosa o qualcuno non viene messa in discussione? Quando la filosofia è lasciata ai filosofi?

Suggerisco che la risposta sia semplice e che l’evidenza di questo fenomeno e il caos che sta provocando sono tutt’intorno a noi: l’impulso innato a fidarsi della madre non si evolve, non incontra mai e si confronta con il suo controbilanciamento della ragione (o fede matura), e rimane per sempre sulla sua impostazione infantile “predefinita”.

Mentre la psiche immatura non dipende più dai genitori per il suo benessere, il principio fondamentale potente e motivante che ho descritto rimane intatto: incontrastato, non considerato e non sviluppato. E, in un mondo in cui stabilità e sicurezza sono ricordi lontani, questi istinti di sopravvivenza, piuttosto che essere ben affinati, considerati, rilevanti, perspicaci e aggiornati, rimangono letteralmente quelli di un bambino. La fiducia è riposta nella forza più grande, rumorosa, presente e innegabile, perché l’istinto decreta che la sopravvivenza dipende da questo.

E, in questo grande “vivaio mondiale”, la forza più onnipresente è la rete di istituzioni che proiettano costantemente un’immagine non guadagnata di potere, calma, competenza, preoccupazione e stabilità.

A mio avviso, questo è il modo in cui i negazionisti della cospirazione sono in grado di aggrapparsi e difendere in modo aggressivo la fantasia assolutamente illogica che in qualche modo – al di sopra di un certo livello indefinito della gerarchia sociale – corruzione, inganno, malevolenza e narcisismo evaporano misteriosamente. Che, contrariamente alla massima, più potere ha una persona, maggiore sarà l’integrità che mostrerà inevitabilmente. Queste povere anime illuse essenzialmente credono che dove l’esperienza personale e la conoscenza precedente non possono colmare le lacune nella loro visione del mondo – in breve, dove c’è una porta sbarrata – mamma e papà sono dietro di essa, cercando il modo migliore per garantire la piccola e preziosa volontà di essere a proprio agio, felice e al sicuro per sempre.

Questo è il nucleo, l’illusione confortante alla radice della mentalità del negazionista della cospirazione, il fondamento decrepito su cui costruiscono un imponente castello di giustificazione da cui schernire pomposamente e deridere coloro che vedono il contrario.

Questo spiega perché il negazionista della cospirazione attaccherà qualsiasi suggerimento che l’archetipo del caregiver non sia più presente – che i sociopatici sono dietro la porta sbarrata, che ci tengono tutti in totale disprezzo o ci ignorano completamente. Il negazionista della cospirazione attaccherà qualsiasi suggerimento del genere con la stessa brutalità che userebbe se la sua sopravvivenza dipendesse da esso – cosa che, in un certo senso, nell’ambito della loro psiche inconscia e precaria, fa.

Il loro senso di benessere, di sicurezza, di conforto, persino di un futuro, è completamente (e completamente inconsciamente) investito in questa fantasia. Il bambino non è mai maturato e, poiché non ne è consapevole, oltre a un profondo attaccamento alla propria sicurezza personale, attaccherà ferocemente qualsiasi minaccia a questo aspetto inconscio e centrale della sua visione del mondo.

Il noioso ritornello comune del negazionista della cospirazione è “non potrebbe esserci una cospirazione così grande”.
La semplice replica di un così affermato esperto di cospirazioni è ovvia: quanto è grande?

Le più grandi società “mediche” del mondo possono andare avanti per decenni a trattare la risoluzione dei casi giudiziari come semplici spese aziendali, per crimini che vanno dalla soppressione di eventi avversi di test a molteplici omicidi derivanti da test non dichiarati a colossali crimini ambientali.

I governi eseguono gli “esperimenti” (crimini) più vili e impensabili sul proprio popolo senza conseguenze.

I politici abitualmente ci mentono in faccia, senza conseguenze.

E ancora e ancora. A che punto, esattamente , una cospirazione diventa così grande che “loro” non riescono a farla franca, e perché? Suggerisco che sia nel punto in cui l’abilità cognitiva del negazionista della cospirazione vacilla e il loro istinto di sopravvivenza inconscio entra in azione. Il punto in cui l’intelletto viene sopraffatto dalla portata degli eventi e l’istinto è quello di stabilirsi nella familiare e confortante fede conosciuta e coltivata fin dal primo momento in cui le labbra hanno trovato il capezzolo: La fede che qualcun altro se ne occupi – che dove il mondo ci diventa sconosciuto, esiste un’autorità umana potente e benevola in cui dobbiamo solo riporre la nostra fede incondizionatamente per garantire la sicurezza emotiva eterna.

Questa pericolosa delusione può essere il fattore centrale che pone la sicurezza fisica e il futuro dell’umanità nelle mani dei sociopatici.

Per chiunque abbia l’abitudine di liquidare le persone che sono interrogative, investigative e scettiche come persone con un cappello di carta stagnola, paranoici, sostenitori di Trump che negano la scienza, la domanda è: in cosa credi? Dove hai riposto la tua fede e perché? Com’è che, sebbene nessuno si fidi dei governi, tu sembri fidarti senza dubbio delle nascenti organizzazioni di governance globale ? Come questo è razionale?

Se riponi fede in tali organizzazioni, considera che nell’era globale moderna, queste organizzazioni, per quanto siano straordinariamente ben presentate, sono semplicemente manifestazioni più grandiose delle versioni locali di cui sappiamo di non poterci fidare . Non sono i nostri genitori e non dimostrano alcuna lealtà ai valori umani. Non c’è motivo di riporre alcuna fede in nessuno di essi.

Se non hai sviluppato consapevolmente una fede o non hai messo in dubbio il motivo per cui credi in una certa profondità, una posizione del genere potrebbe sembrare misantropica, ma in verità è l’opposto. Queste organizzazioni non si sono guadagnate la tua fiducia con nient’altro che soldi di pubbliche relazioni e bugie patinate. Il vero potere rimane, come sempre, con le persone.

C’è una ragione per cui i buddisti consigliano vivamente di riporre la propria fede nel Dharma, o la legge naturale della vita, piuttosto che nelle persone, e che simili ritornelli sono comuni in altri sistemi di credenze.

Il potere corrompe. E, nel mondo di oggi, la fiducia mal riposta e infondata potrebbero essere una delle più grandi fonti di potere che ci siano.

Esistono massicce cospirazioni criminali. Le prove sono schiaccianti. La portata di quelli attualmente in corso è sconosciuta, ma non c’è motivo di immaginare, nella nuova era globale, che la ricerca sociopatica del potere o il possesso delle risorse necessarie per raggiungerlo stia diminuendo. Certamente non mentre il dissenso viene deriso e censurato fino al silenzio da guardiani del cancello, ” utili idioti ” e negazionisti della cospirazione, che, di fatto, colludono direttamente con l’agenda sociopatica attraverso il loro incessante attacco a coloro che farebbero luce sul male.

È responsabilità urgente di ogni essere umano esporre i programmi sociopatici ovunque esistano, non attaccare mai coloro che cercano di farlo.

Ora, più che mai, è tempo di mettere da parte gli impulsi infantili e di alzarsi in piedi da adulti per proteggere il futuro dei bambini reali che non hanno altra scelta che fidarsi di noi affidandoci le loro vite.

Questo saggio si è concentrato su quello che considero il più profondo motore psicologico della negazione della cospirazione.

Ce ne sono sicuramente altri, come il desiderio di essere accettati; evitare la conoscenza e il coinvolgimento con l’ombra interna ed esterna; la conservazione di un’immagine di sé positiva e retta: una versione generalizzata del fenomeno della “scimmia volante”, in cui una classe interessata e viziosa si protegge coalizzandosi attorno al bullo; la sottile adozione inconscia della visione del mondo sociopatica (es. “l’umanità è il virus”); oltraggio alla dipendenza / complesso di superiorità / giochi di stato; un intelletto rachitico o poco ambizioso che trova convalida mantenendo lo status quo; il meccanismo protettivo dissociativo di immaginare che crimini e orrori commessi ripetutamente durante la nostra vita in qualche modo non stanno accadendo ora, non “qui”; e la semplice pigrizia e vigliaccheria antiquata.

Il mio suggerimento è che, in una certa misura, tutto ciò si basi sulle fondamenta della causa primaria che ho delineato qui.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

fonte OffGuardian

I commenti sono chiusi.