Deep StateIntelPolitica

PUTIN AVVERTE: TERRORISTI E COMBATTENTI TALEBANI “TRAVESTITI DA RIFUGIATI” USCIRANNO DALL’AFGHANISTAN NEL CAOS

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che il crollo durante la notte del governo appoggiato dagli americani in Afghanistan potrebbe rappresentare una seria minaccia per i paesi che circondano la travagliata nazione dell’Asia centrale, incluso il suo.

Parlando domenica nell’ambito di un incontro con i membri del partito al governo Russia Unita in vista delle elezioni parlamentari del prossimo mese, il presidente ha affermato che il numero di civili in fuga da Kabul rappresenta una sfida per la comunità internazionale. “Chi sono questi rifugiati? Come possiamo dirlo? Potrebbero essercene migliaia, o addirittura milioni”, ha detto Putin. “Il confine è di mille chilometri: saliranno su tutto, su un’auto, persino su un asino, e fuggiranno attraverso la steppa”.

Secondo il presidente russo, ciò rappresenta una potenziale minaccia alla sicurezza ed “è una preoccupazione diretta per i nostri cittadini”. Ha aggiunto che “non vogliamo che combattenti travestiti da rifugiati si presentino nel nostro paese”. Citando un’ondata di attacchi terroristici guidati dal separatismo nelle regioni a maggioranza musulmana del sud del Paese, come la Cecenia, due decenni fa, il presidente ha insistito sul fatto che “non vogliamo ripetere ciò che è accaduto negli anni ’90 e a metà degli anni 2000… abbiamo avuto questi orrori che ora si stanno ripetendo sul territorio dell’Afghanistan”.



Putin ha proseguito affermando che uno dei motivi per cui la Russia ha sferrato attacchi allo Stato islamico in Siria e fornito militari al governo del presidente Bashar Assad a Damasco è impedire al paese di “trasformarsi in una sorta di Afghanistan e diventare un allevamento per il terrorismo».

Il leader russo ha anche criticato i piani delle nazioni occidentali, compresi gli Stati Uniti, di reinsediare afgani, e altri a rischio di rappresaglie talebane, in paesi della regione, come l’Uzbekistan. Secondo Putin, questa è una richiesta “umiliante” e rappresenta una minaccia alla sicurezza per la Russia.

Nel 2016, ha incaricato la principale agenzia di sicurezza interna russa, l’FSB, di tenere sotto stretto controllo coloro che arrivano nel paese come rifugiati o che viaggiano in Europa. “La causa di questa crisi dei rifugiati è la destabilizzazione di intere regioni del mondo, prima fra tutte il Medio Oriente” , disse all’epoca. Inoltre, Putin ha ordinato ai funzionari di “chiudere in sicurezza il territorio della Russia” dalla penetrazione dei militanti e di “scoprire e neutralizzare” i terroristi.

Sia lo Stato islamico che i talebani sono elencati come gruppi terroristici proibiti e banditi in Russia.

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita). Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.

Articoli correlati

Articoli correlati

Vedi anche
Close
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!