Database Italia

Putin propone un patto di non interferenza con gli Stati Uniti

Il presidente russo Vladimir Putin ha proposto venerdì di concludere un patto con Washington contro l’interferenza reciproca nelle elezioni e negli affari interni, a poche settimane dalle elezioni negli Stati Uniti.
Il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha letto la dichiarazione di Putin in un video rilasciato dal ministero, mentre il capo del Cremlino si trovava in visita alle esercitazioni militari che coinvolgono Cina e Iran nella Russia meridionale.
I paesi occidentali hanno per anni accusato la Russia di utilizzare hacker e troll per influenzare l’esito delle elezioni, e funzionari dell’intelligence statunitense hanno affermato che Mosca sta ancora una volta manipolando i social media a favore di Donald Trump come ha fatto nel 2016.
La proposta di Putin per un patto di non interferenza nel cyberspazio è arrivata mentre il Cremlino accusa i paesi occidentali di organizzare una campagna di “disinformazione” contro la Russia per l’avvelenamento nel mese scorso del leader dell’opposizione Alexei Navalny in Siberia. 
Nella sua dichiarazione, Putin ha invitato i due paesi a “scambiarsi garanzie di non interferenza negli affari interni degli altri, comprese le elezioni”, e in particolare ha sottolineato il riferimento all’uso di “tecnologie dell’informazione e della comunicazione”.
Ha anche chiesto un patto globale che accetti di non utilizzare tali metodi per affrontare “il primo colpo” nei conflitti.

“Una delle principali sfide strategiche odierne è il rischio di un confronto su larga scala nel campo digitale”, ha affermato il leader russo.
“Una responsabilità speciale per prevenire questa possibilità ricade sugli attori chiave nel campo della garanzia della sicurezza internazionale delle informazioni”, ha aggiunto.

Ha anche suggerito che Mosca e Washington concludano un accordo per prevenire gli incidenti nel cyberspazio.
Ha aggiunto che dovrebbe essere ripristinato il dialogo tra i funzionari russi e statunitensi su questioni chiave della sicurezza dell’informazione internazionale.
Il dialogo professionale non dovrebbe diventare “ostaggio dei nostri disaccordi politici”, ha detto Putin.
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump la scorsa settimana ha attaccato il direttore dell’FBI Christopher Wray per aver evidenziato la minaccia rappresentata dalla Russia nelle prossime elezioni del 3 novembre. 

“Campagna di disinformazione”

Lavrov ha detto venerdì che negli ultimi anni la Russia è stata accusata di indebolire le elezioni americane e “l’intero sistema politico interno”.
“Come abbiamo ripetutamente affermato, non ci sono basi per tali affermazioni”, ha aggiunto. “Siamo a favore di una discussione professionale e costruttiva di tutti i problemi esistenti” attraverso i negoziati, ha detto il massimo diplomatico russo.
Il Cremlino ha ripetutamente respinto tutte le accuse di ingerenza e interferenza elettorale e ha invece accusato i leader occidentali di aver intrapreso una guerra di disinformazione contro la Russia.

Questa settimana, il suo ministero degli Esteri ha accusato i paesi europei di “scatenare una massiccia campagna di disinformazione” sull’avvelenamento di Navalny.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.