Senza categoria

PUTIN: “UN PAESE O È SOVRANO O È UNA COLONIA”

Secondo Putin, una colonia "non ha prospettive storiche e non ha alcuna possibilità di sopravvivere a una lotta geopolitica così crudele" come quella attualmente in corso

Putin: “Un Paese o è sovrano o è una colonia”. “E una colonia non ha alcuna prospettiva di sopravvivere alla lotta geopolitica” (Si veda anche QUI, QUI e QUI). Il presidente russo Vladimir Putin ha commemorato giovedì il 350° anniversario della nascita dell’imperatore Pietro il Grande: “Che dobbiamo difenderci, combattere, è evidente. Non è cambiato quasi nulla. Sembra che Pietro I abbia combattuto contro la Svezia e abbia preso qualcosa a qualcuno. Non ha preso nulla, l’ha ripreso”, ha detto Putin dopo aver inaugurato una mostra dedicata all’imperatore che ha governato la Russia per 43 anni (1682-1725). In un chiaro riferimento all'”operazione militare speciale” della Russia in Ucraina, Putin ha detto: “A quanto pare, è toccato a noi riprendere e consolidare”.

Putin: “Un Paese o è sovrano o è una colonia”. “E una colonia non ha alcuna prospettiva di sopravvivere alla lotta geopolitica".
Putin: “Un Paese o è sovrano o è una colonia”. “E una colonia non ha alcuna prospettiva di sopravvivere alla lotta geopolitica”.

Putin: “Un Paese o è sovrano o è una colonia”

“Come possiamo ottenere la sicurezza esterna senza la sovranità tecnologica? È impossibile. Le armi ipersoniche non sarebbero mai apparse senza il potenziale della nostra scienza e della nostra industria. Mai”, ha detto.

Il leader russo ha affermato che il mondo sta cambiando a grande velocità e che per cercare “la leadership in qualsiasi cosa, per non parlare della leadership globale, ogni Paese, ogni popolo, ogni etnia deve garantire la propria sovranità”. A suo avviso, “un Paese o è sovrano o è una colonia“, e non è possibile occupare una posizione intermedia.

Secondo Putin, una colonia “non ha prospettive storiche e non ha alcuna possibilità di sopravvivere a una lotta geopolitica così crudele” come quella attualmente in corso. Il capo di Stato ha ricordato che la lotta geopolitica è sempre esistita e che la Russia è stata “in prima linea negli eventi”.

Riferendosi all’imperatore Pietro il Grande, ha spiegato: “quando fondò la nuova capitale, nessun Paese europeo la riconobbe come Russia. Tutti hanno riconosciuto che si trattava della Svezia”, ha detto Putin. “E i popoli slavi hanno sempre vissuto lì insieme ai popoli ugro-finnici, e il territorio era sotto il controllo dello Stato russo”.

Putin ha ricordato che i Paesi occidentali non hanno riconosciuto come territorio russo nemmeno le aree lungo il Baltico, dove si trova San Pietroburgo, e le terre intorno al lago Ladoga: “Tutti li hanno riconosciuti (quei territori) come svedesi. Da tempo immemorabile (…) gli slavi vivevano lì”, ha sottolineato.

Rafforzare la sovranità politica, militare, economica e tecnologica

Ha inoltre sottolineato l’importanza di rafforzare la sovranità politica, militare, economica e tecnologica, nonché il consolidamento sociale intorno alla storia, alla cultura e alla lingua russa, altrimenti “tutto si disintegrerà”.

Il presidente ha poi assicurato ai giovani imprenditori che in Russia non ci sarà una “economia chiusa” come ai tempi dell’Unione Sovietica, quando il Paese era tagliato fuori dal resto del mondo. “Se qualcuno cerca di limitarci in qualcosa, si limita da solo”, ha affermato, citando come esempi le esportazioni di fertilizzanti e idrocarburi.

“È impossibile circondare un Paese come la Russia con un muro. E non abbiamo intenzione di costruire un muro del genere”, ha detto. Chi vuole sanzionare e danneggiare l’economia di un Paese come la Russia, alla fine “ruberà a se stesso”.

Alcuni stanno già rubando a se stessi, creandosi problemi e “la situazione peggiorerà” per loro, ha previsto. “Hanno persino dato il mio nome all’inflazione, mentre noi non abbiamo nulla a che fare con essa”, ha scherzato Putin, che ha attribuito questo processo monetario alla politica errata delle autorità dei Paesi occidentali.

Fonte : https://kontrainfo.com/putin-un-pais-es-soberano-o-es-una-colonia-y-una-colonia-no-tiene-perspectiva-de-sobrevivir-a-la-lucha-geopolitica/

Armando Savini

Armando Savini è un economista, saggista, cultore di esegesi biblica e mistica ebraica. Dopo la laurea in Scienze Politiche e un master in HR Management, si è occupato di scienza della complessità e delle sue applicazioni all’economia. Già cultore della materia in Politica economica presso la cattedra del Prof. Giovanni Somogyi alla Facoltà di Scienze Politiche de La Sapienza, è stato docente a contratto di storia economica, economia, HR management e metodi di ricerca per il business. Tra le sue ultime pubblicazioni: Sovranità, debito e moneta. Quello che dovresti sapere e non ti hanno mai detto (‎2021); Miti, storie e leggende. I misteri della Genesi dal caos a Babele (Diarkos 2020); Le due sindoni (Chirico, 2019); Il Messia nascosto. Profezie bibliche alla luce della tradizione ebraica e cristiana (Cantagalli-Chirico, 2019); Maria di Nazaret dalla Genesi a Fatima (Fontana di Siloe, 2017); Risurrezione. Un viaggio tra fede e scienza (Paoline, 2016); Dall’impresa-macchina all’impresa-persona. Ripensare l’azienda nell’era della complessità (Mondadori, 2009).

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!