Database Italia

QUINDI LA COLPA SAREBBE DELLE VARIANTI? STATE MENTENDO!



Perché esiste una correlazione tra l’implementazione del vaccino e l’aumento della mortalità per COVID-19?

Dall’inizio del lancio del vaccino sono stati segnalati numerosi eventi di morte insoliti nelle case di cura in tutto il paese. Ufficialmente, qualsiasi connessione ai vaccini è stata negata e sono stati tutti presi come prova della diffusione della nuova variante COVID-19.

Il nuovo racconto della variante del Coronavirus,  comunemente offerto  dai media mainstream, afferma che il SARS-CoV-2 evolve costantemente in un’iterazione sempre più pericolosa di se stesso. Se ciò fosse vero, ribalterebbe decenni di virologia, immunologia ed epidemiologia, e in ogni caso, come vedremo, qualsiasi affermazione del genere non è supportata dalle statistiche.

La cosiddetta  variante britannica è  stata scoperta per la prima volta nel settembre 2020. Possiamo guardare a quattro periodi distinti per vedere se possiamo osservarne l’effetto. Diamo un’occhiata al periodo dall’inizio della presunta pandemia globale alla fine del primo blocco forzato.

Fino al 10 maggio 2020, lo stato del  Regno Unito ha testato  1.655.281 persone. Da questi, hanno identificato 210.500 cosiddetti  casi  ( risultato del test positivo). Ciò ha comportato 98.799 ricoveri ospedalieri COVID-19. Ci sono stati 32.960 morti per COVID-19 dichiarati durante lo stesso periodo.

Pertanto, la probabilità percentuale che un test scoprisse un presunto  “caso”  di COVID-19 era del 12,7%. La probabilità dichiarata che uno di questi  “casi”  portasse al ricovero in ospedale era del 46,9% e il  rischio confermato  di morte del “caso” (Case Fatality Rate – CFR) era sbalorditivo, e francamente incredibile, del 15,6%.

Successivamente, possiamo considerare il periodo dall’11 maggio 2020 al 30 settembre 2020. Durante i mesi estivi, ti aspetteresti che i numeri grezzi per qualsiasi malattia respiratoria siano molto più bassi. Questo periodo ci porta al punto in cui le nuove  “varianti di preoccupazione”  erano ben stabilite.

Sono stati effettuati 20.738.550 test, con un risultato di 235.334 casi e 43.926 ricoveri. Un totale di 9.046 persone morirono durante questo periodo. La probabilità percentuale che un test trovasse un caso era dell’1,1%, con una probabilità del 18,7% di successivo ricovero. Il CFR era sceso al 3,8%.

Ora, diamo un’occhiata al periodo di  attività della  nuova variante fino all’inizio del lancio del vaccino. Dato che ci stavamo dirigendo verso l’inverno, potremmo aspettarci un aumento generale del contagio e della gravità della malattia.

Tra il 1 ° ottobre e il 9 dicembre 2020 sono stati effettuati 21.218.805 test, rilevando 1.315.529 casi. Di questi, 92.999 persone sono state ricoverate in ospedale e 21.674 sono morte. Il tasso di scoperta del caso è stato del 6,2%, il tasso di ospedalizzazione è stato del 7,1% e il CFR è stato dell’1,6%.

Le possibilità di un test positivo erano aumentate, suggerendo una variante COVID-19 più contagiosa di quella vista durante l’estate. Tuttavia, le  nuove varianti  di SARS-CoV-2 erano quasi 7 volte meno trasmissibili di quanto osservato durante l’epidemia primaverile iniziale. La possibilità di ricovero in ospedale era inferiore, ed erano anche meno della metà più letali delle varianti estive e quasi dieci volte meno letali delle varianti primaverili.

I dati mostrano che le nuove varianti scoperte nell’autunno del 2020 sono state sia meno contagiose che meno letali rispetto alle varianti incontrate nell’epidemia primaverile iniziale. Erano notevolmente più contagiose delle varianti che persistevano durante l’estate, ma erano molto meno pericolose.

Infine, diamo un’occhiata al recente periodo trascorso dall’introduzione del vaccino. Dal 10 dicembre 2020 al 31 gennaio 2021, ci sono stati 25.982.406 test, che hanno scoperto 1.995.048 casi. Ciò ha portato a 154.019 ricoveri e 42.038 cosiddetti decessi COVID-19.

Il tasso di casi è passato dal 6,2% al 7,6%, continuando il trend di aumento della trasmissione con le nuove varianti prevalenti, sebbene sia rimasto molto inferiore rispetto alla primavera. Eppure, stranamente, l’ospedalizzazione è salita al 7,7% e il CFR è balzato dall’1,6% al 2,1%.

Governo del Regno Unito – Mortalità giornaliera COVID-19

Queste cifre sono molto difficili da conciliare da una  nuova  prospettiva di variante . Durante ottobre, novembre e inizio dicembre, le nuove varianti avevano rappresentato un aumento del tasso di trasmissione, ma tassi significativamente inferiori di ospedalizzazione e mortalità. La tendenza al rischio di malattia ha continuato a  diminuire , anche rispetto alle precedenti varianti estive.

Durante il lancio del vaccino, nonostante il continuo calo dei tassi di mortalità all’inizio di dicembre, le nuove varianti COVID-19 hanno improvvisamente cambiato comportamento. I tassi di ospedalizzazione sono aumentati di oltre l’8% e il rischio di mortalità è aumentato di oltre il 31%.

Si prevede che condizioni invernali più rigide rappresenteranno un maggior numero di ricoveri e decessi, ma non  cambieranno radicalmente le caratteristiche  della malattia risultante. Qualche altro fattore deve essere stato all’opera durante il lancio del vaccino.

Meno letale

I virus dovrebbero essere parassiti; non vi è alcun vantaggio evolutivo per loro nell’uccidere i loro ospiti. Di conseguenza, le varianti virali portano a nuovi ceppi predominanti che infettano più ospiti uccidendone meno. Le varianti più letali tendono a perdere contro quelle meno letali. Questo è il motivo per cui una qualche forma di coronavirus rappresenta circa il  30% dei comuni raffreddori .

Fino al lancio del vaccino, la riduzione della letalità è chiaramente identificabile nelle statistiche. Allora da dove vengono tutte le paure e gli allarmi su britannici, brasiliani, sudafricani, Kent e chissà quante altre  varianti ?

Ancora una volta il governo del Regno Unito faceva affidamento sui suoi  esperti preferiti  all’Imperial College di Londra (ICL) per il loro  nuovo  allarme variante . ICL ha escogitato un’altra simulazione al computer, mostrando alcune previsioni spaventose sulla ” variante del lignaggio globale ” B.1.1.7 .

ICL ha affermato che la variante secondaria di B.1.1.7 (N501Y) era fino al 70% più trasmissibile. Si sbagliavano di nuovo, o come al solito, ma il New and Emerging Respiratory Virus Threats Advisory Group (NERVTAG) ha utilizzato la “scienza” dell’ICL   per  fornire una certa legittimità  ai governi che affermano che la pandemia COVID-19 era ancora in corso.

ICL e NERVTAG hanno designato N501Y come  Variant of Concern (VoC) . In mezzo a tutto il panico, pochi sembravano notare che non c’era alcuna prova che queste varianti spaventose presentassero rischi aggiuntivi.

Scrivendo sulla variante britannica scoperta di recente a dicembre , i  medici del  Johns Hopkins Medical Center hanno  spiegato perché non c’era motivo di farsi prendere dal panico:

Le mutazioni nei virus … non sono né nuove né inaspettate … Questo particolare ceppo è stato rilevato nell’Inghilterra sudorientale nel settembre 2020. A dicembre è diventata la versione più comune del coronavirus, rappresentando circa il 60% dei nuovi casi di COVID – 19 … Non lo siamo vedendo qualsiasi indicazione che il nuovo ceppo sia più virulento o pericoloso in termini di causare una malattia COVID – 19 più grave .

Il professor Michael Yeadon ha anche osservato che la nozione di maggior rischio derivante da varianti di SARS-CoV-2 non teneva  conto dell’immunità umana esistente . Anche se una variante si diffondesse più rapidamente, potrebbe farlo solo tra un numero sempre minore di potenziali host.

Inoltre il genoma della SARS-CoV-2 è vasto rispetto alle minuscole variazioni genetiche che sarebbero così letali. Un recente  studio sull’immunità delle cellule T condotto  da scienziati californiani ha dimostrato come il sistema immunitario umano sia in grado di adattarsi alle nuove varianti SARS – CoV – 2. Gli scienziati hanno scoperto:

Attaccando il virus da molte angolazioni, il corpo ha gli strumenti per riconoscere potenzialmente diverse varianti di SARS – CoV – 2.

Il sistema immunitario umano normalmente si difende contro l’  intero virus , non solo una specifica componente genetica. Lo fa scomponendo il virus completo nelle sue sequenze nucleotidiche costituenti. Preparato a resistere a ciascuno di questi segnali genetici, non sarà ingannato da nessuna mutazione genetica minore in una proteina spike. Il professor Yeadon ha dichiarato:

Ciò che sta accadendo nel nome del salvataggio di vite umane semplicemente non regge al controllo scientifico.

È difficile capire come gli esperti di ICL non siano riusciti a risolverlo da soli. Il team ICL era guidato dal Prof. Erik Volz. Proprio come hanno fatto dopo aver rilasciato i loro modelli COVID-19 selvaggiamente imprecisi in primavera, hanno  immediatamente iniziato a fare marcia indietro  sulle loro affermazioni che la nuova variante era fino al 70% più trasmissibile.

L’affermazione di un aumento della trasmissione del 70% deriva da un confronto effettuato tra i  modelli  per N501Y e A222V. Parlando al consorzio COVID – 19 Genomics UK (COG-UK) su come funzionavano questi  modelli  , Volz ha dichiarato:

[L ‘] adattamento del modello non è particolarmente buono … ci sono molti valori anomali all’inizio e ci sono molti valori anomali abbastanza tardi … non ci aspetteremmo che un modello di crescita logistica sia necessariamente appropriato in questo caso.

Volz e il team di ICL hanno quindi utilizzato un modello che  “non era particolarmente buono”  per effettuare comunque il confronto, aggiungendo che le loro simulazioni dovevano funzionare con  “campionamento molto rumoroso”.  Volz ha sottolineato che i dati erano limitati e i   set di dati inappropriati erano incompleti. Ha detto che era troppo presto per dire con precisione quale potrebbe essere l’impatto di N501Y.

Niente di tutto ciò ha impedito al Primo Ministro britannico di utilizzare la  scienza “non particolarmente buona” di ICL  per affermare che le nuove varianti erano fino al 70% più trasmissibili.

Ne seguì una frenesia di alimentazione dei media, con un elenco sempre crescente di varianti che venivano lanciate in giro. Forse incoraggiato da ciò, Boris Johnson ha poi affermato che le nuove varianti erano anche il 30% più letali. Anche i media mainstream hanno  riportato le obiezioni scientifiche  a questo. NERVTAG è intervenuta per difendere il Primo Ministro.

Mentre il presidente della NERVTAG, il Prof. Peter Horby, ha riconosciuto che non c’erano dati a sostegno delle affermazioni del signor Johnson e che il rischio che avesse ragione era  “molto, molto piccolo”,  ha offerto una strana difesa a nome di Boris.

Horby ha ipotizzato che se il governo  non avesse  fatto un’affermazione priva di fondamento che in seguito, per qualche miracoloso caso, si è rivelata vera, avrebbero potuto essere  accusati di insabbiamento .

Nonostante questo argomento insondabile, al livello epidemiologico più elementare, la  nuova variante  narrativa era sbagliata. Le statistiche lo dimostrano. Mostrano anche che il forte aumento della mortalità che si correla precisamente con il lancio del vaccino COVID-19 non può essere facilmente spiegato incolpando  nuove varianti .

Correlazione in un vuoto di dati

La correlazione non prova la causalità ma è motivo di indagine. Quindi forse possiamo anticipare un rapporto dell’Agenzia britannica per la regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA) nei prossimi giorni e settimane.

L’MHRA stava certamente anticipando un numero significativo di reazioni avverse ai farmaci (ADR) dai vaccini COVID-19. Hanno presentato un’offerta per una  soluzione software AI  per soddisfare le esigenze previste. L’MHRA ha dichiarato:

L’MHRA cerca urgentemente uno strumento software di intelligenza artificiale (AI) per elaborare l’elevato volume atteso di Covid – 19 vaccine Adverse Drug Reaction (ADR) … non è possibile aggiornare i sistemi legacy dell’MHRA per gestire il volume di ADR che verrà generato da un vaccino Covid – 19.

Un contratto da 1,5 milioni di sterline è stato assegnato a  Genpac UK  per potenziare il  sistema di monitoraggio ADR del vaccino “Yellow Card” della MHRA . Il contratto è stato firmato  all’inizio di novembre 2020 , fornendo a Genpac UK l’opportunità di aggiornare il software della Yellow Card in tempo per il lancio di Fase Uno dei vaccini COVID-19.

L’MHRA segnala le notifiche ADR che riceve attraverso il proprio sistema  interattivo  iDAP ( Drug Analysis Profiles ). Ad oggi, e per qualche motivo sconosciuto, non sono disponibili rapporti iDAP per nessuno dei vaccini COVID-19. Lo stato MHRA:

Le informazioni relative a sospette reazioni avverse ai vaccini non sono attualmente disponibili tramite iDAP ma sono disponibili su richiesta.

Nonostante le numerose  richieste di questi dati , l’MHRA non ha ancora rilasciato alcuna informazione. Data l’apparente correlazione tra l’aumento della mortalità e il lancio del vaccino, ciò è inspiegabile. Chiaramente, l’MHRA  stava  anticipando una possibile correlazione: ha investito in software su misura per affrontare l’eventualità.

L’MHRA ha informato il Financial Times che i vaccini COVID-19 erano stati sottoposti a  test rigorosi . Questa era un’affermazione falsa. Nessuno dei vaccini COVID-19 è vicino al  completamento degli studi clinici . Non sono autorizzati dalla MHRA e non hanno l’autorizzazione all’immissione in commercio.

Sono stati distribuiti nel Regno Unito grazie a modifiche legislative al Regolamento 174 del Regolamento sulla medicina umana 2012 (e successive modifiche). Queste modifiche includevano la  rimozione di ogni responsabilità  da parte di produttori e distributori.

Questo è stato un grande sollievo per i dirigenti delle società farmaceutiche. Come ha sottolineato Gary Nabel, chief scientific officer di Sanofi:

Stai parlando di vaccini che hanno potenziali passività, è un’incognita sconosciuta. Per quanto sia grande un processo per 30.000 persone, quando queste verranno pubblicate nel mondo di milioni di persone, le cose accadranno.

Il signor Nabel ha ricordato con affetto le sagge parole del famoso sviluppatore di vaccini  Maurice Hilleman :

Ogni volta che lancio un nuovo vaccino, trattengo il respiro per i primi 30 milioni di dosi.

L’8 dicembre, Margaret Keenan è diventata la prima donna al mondo a ricevere un vaccino COVID-19. Il governo del Regno Unito ha dichiarato che sarebbero necessari alcuni giorni per rendere operativa la Fase Uno del vaccino a livello nazionale. Hanno iniziato a pubblicare dati sul numero di persone vaccinate dall’11 gennaio 2021.

La BBC ha riferito che a tutte le  case di cura in Inghilterra  era stato offerto il vaccino entro la fine di gennaio. Ciò era in linea con un rapporto del 27 gennaio 2021 del National Care Forum (NCF) secondo cui il  95% delle case di cura inglesi  aveva ricevuto il vaccino. La BBC Scotland ha riferito che  ben oltre la metà delle case di cura in Scozia  era stata vaccinata entro il 7 gennaio. Anche un programma di vaccinazione domiciliare completato in Scozia sembra altamente probabile.

Fino al 10 gennaio 2021, i governi del Regno Unito hanno riferito che 2.286.572 persone  avevano ricevuto le  loro prime vaccinazioni. Il segretario alla sanità Matt Hancock ha  confermato questa cifra  e ha evidenziato il piano di consegna dei vaccini recentemente pubblicato dal governo .

Il piano di somministrazione dei vaccini si è basato sul consiglio del comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione (JCVI). La loro priorità dichiarata per il lancio del vaccino nel Regno Unito è stata fissata all’inizio di dicembre 2020, prima dell’inizio della distribuzione. I residenti e il personale delle case di cura sono stati i primi a essere vaccinati. La JCVI ha consigliato:

Sia per Pfizer / BioNTech che per Oxford / AstraZeneca, il vaccino dovrebbe essere somministrato prima ai residenti in una casa di cura per anziani e ai loro accompagnatori, poi a coloro che hanno più di 80 anni e agli operatori sanitari e sociali in prima linea, quindi al resto della popolazione in ordine di età e fattori di rischio clinico.

Un rapporto del 2017 dell’Autorità per la  concorrenza e i mercati ha  stimato che c’erano 410.000 residenti in case di cura nel Regno Unito. Sfortunatamente, a causa della natura disparata dell’offerta mista pubblica e privata, non ci sono  dati ufficiali  sul numero di anziani residenti in case di cura. Tuttavia, è ragionevole stimare 450.000 o meno residenti in case di cura nel Regno Unito nel 2020.

Chiaramente i gruppi prioritari della  Fase Uno  erano innanzitutto i residenti più anziani in case di cura, seguiti da tutti quelli di età pari o superiore a 80 anni. Con quasi 2.300.000 persone vaccinate entro il 10 gennaio, questo sembrerebbe facilmente responsabile dei 450.000 residenti delle case di cura nel Regno Unito.

La correlazione della mortalità del vaccino COVID – 19

Sappiamo che 2.300.000 persone erano state vaccinate entro il 10 gennaio nel Regno Unito. Sappiamo anche che ci sono circa 450.000 residenti in case di cura nel Regno Unito e che erano la priorità per il vaccino. Abbiamo anche segnalazioni di un alto livello di copertura vaccinale entro l’ultima settimana di gennaio 2021.

Con il lancio del vaccino che inizierà l’8 dicembre e il completamento della prima fase entro la fine di gennaio, è ragionevole supporre che la maggior parte dei residenti nelle case di cura fosse stata vaccinata a metà gennaio. L’esatta estensione della copertura in una regione sembrerebbe dipendere in gran parte da quando è iniziato il programma di vaccinazione locale.

L’  Office of National Statistics ha  stimato che la popolazione del Regno Unito degli ultraottantenni fosse 3.362.599 nel 2019. Il gruppo prioritario vaccinale degli ultraottantenni che vivono in case di cura rappresenta circa il 13,4% della popolazione nazionale ultraottantenne.

Il rapporto di monitoraggio del vaccino COVID-19 del Regno Unito   registra la percentuale di tutti coloro che hanno più di 80 anni che hanno ricevuto un vaccino COVID-19 tra l’8 dicembre 2020 e il 10 gennaio 2021. Entro il 10 gennaio, il livello di introduzione del vaccino più basso in Inghilterra è stato del 27,9% nella Regione sud-orientale, e la più alta è stata del 43,8% nel nord-est e nello Yorkshire. Ancora una volta, questo sembrerebbe più che sufficiente per aver completato un’elevata percentuale di vaccinazioni in casa di cura.

Distribuzione di vaccini da parte del governo del Regno Unito per il periodo 08/12/20 – 10/01/21

Entro il 19 gennaio, la Care Quality Commission riportava un  aumento del 46% delle morti  nelle case di cura COVID-19 in Inghilterra. Hanno detto che l’aumento dei casi era in linea con la diffusione dell’infezione nella comunità. Non hanno detto che era anche in linea con la diffusione dei vaccini nella  comunità .

È possibile che qualche nuova variante sconosciuta   possa spiegare questo, ma le statistiche del NHS per la  mortalità nella fascia di età over-80  rivelano anche una chiara correlazione tra un forte aumento della mortalità e la distribuzione del vaccino. Come discusso in precedenza, questo aumento ha seguito un periodo di diminuzione della mortalità nella stessa fascia di età. Le varianti note non lo spiegano.

England COVID-19 Mortality 01/03/20 – 20/01/21

Il 19 gennaio, il  ministro per l’implementazione dei vaccini  Nadhim Zahawi ha affermato che l’introduzione del vaccino è stata  “una corsa contro la morte”.  Ha affermato che la metà dei residenti delle case di cura in Inghilterra doveva ancora ricevere il vaccino. Non ha detto che anche molte case di cura vaccinate hanno visto un aumento della mortalità.

La casa di cura Pemberley House a Basingstoke ha subito un’epidemia letale che ha  coinciso con il  lancio della vaccinazione . Sebbene 22 residenti siano morti, l’MHRA ha affermato che  i vaccini non erano responsabili . Un portavoce anonimo dell’MHRA ha detto:

Siamo rattristati di sapere di eventuali decessi verificatisi dopo la vaccinazione con Covid – 19. Tuttavia, la nostra sorveglianza non suggerisce che i vaccini Covid – 19 abbiano contribuito ad alcun decesso.

Quella  sorveglianza  è il sistema della carta gialla. La sorveglianza dell’MHRA   equivale a qualcuno che ha segnalato loro una sospetta ADR da vaccino. Presumibilmente, l’MHRA ha quindi preso nota dell’ADR. Tuttavia, a meno che non avviino un’indagine, ordinino un’autopsia, analizzino campioni di sangue, parlino con i testimoni e così via, la loro  sorveglianza è  quasi nulla.

Non ci sono prove che siano state effettuate indagini per nessuno dei residenti che sono morti nella casa di cura di Pemberley in seguito all’introduzione del vaccino. In assenza di un’indagine, la   fiducia basata sulla sorveglianza dell’MHRA è priva di significato. Le loro affermazioni sembrano banalità piuttosto che indicare una vera preoccupazione, o addirittura interesse.

La definizione di morte per COVID-19 nel Regno Unito è morte per qualsiasi causa in cui COVID-19 è stata menzionata sul certificato di morte negli ultimi 28 giorni. Ciò significa che i deceduti sono risultati positivi al virus SARS-CoV-2 entro 28 giorni dalla morte, non che avevano necessariamente la malattia COVID-19.

I critici del blocco e gli scettici sulle statistiche del governo  COVID-19  hanno a lungo sostenuto che spesso non ci sono prove chiare che una morte attribuita a COVID-19 non sia stata causata invece da altre comorbidità sottostanti. Per questo, sono stati accusati di essere senza cuore e indifferenti, indifferenti alle morti di COVID-19.

In un  successivo articolo che  riportava 24 morti a Pemberley e altri nove nella casa di cura di Seagrave House, un portavoce dell’MHRA ha detto:

Non è inaspettato che alcune di queste persone possano ammalarsi naturalmente a causa della loro età o delle condizioni sottostanti subito dopo essere state vaccinate.

Se qualcuno muore entro 28 giorni da una vaccinazione, non viene  mai  considerata una morte da vaccino. Senza l’autopsia, non possiamo sapere che la morte è stata causata da un vaccino. Lo stesso si potrebbe dire per il COVID-19 come causa di morte. Tuttavia, se il governo usasse gli stessi criteri di qualificazione di 28 giorni per i decessi a seguito di vaccini, molti sospetti decessi da vaccino verrebbero registrati e segnalati.

Entro il 17 gennaio, l’  Agenzia norvegese per i medicinali  aveva segnalato 33 sospette ADR vaccinali fatali, ma  nessuna di queste  era correlata al vaccino; i 55 decessi dopo il vaccino COVID-19 segnalati al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti non erano tutti  correlati al vaccino ; anche la morte di due  vaccinati danesi non era correlata, così come la morte di un’infermiera portoghese di  41 anni  morta due giorni dopo il suo vaccino; nessuna colpa del vaccino è stata attribuita in seguito alla morte di un operatore sanitario di  Orange County, California dopo il suo vaccino, la cui vedova – sorprendentemente – avrebbe detto che avrebbe preso di nuovo il vaccino; quando un medico messicano di 32 anni ha sofferto di un’infiammazione catastrofica del cervello dopo aver ricevuto il vaccino, questo  non aveva nulla a che fare con il suo jab ; e quando un ostetrico di Miami si è ammalato  dopo il suo vaccino  ed è morto subito dopo per ITP risultante, un noto effetto collaterale del vaccino, anche questo non era attribuibile al vaccino.

Negli Stati Uniti, la casa di cura St. Anthony (Auburn, New York) ha segnalato un’epidemia di COVID-19 iniziata il 21 dicembre. 32 residenti sono morti, di cui  20 morti in una settimana  tra il 5 e il 12 gennaio. Il loro programma di vaccinazione è iniziato il 22 dicembre, anche se questo non aveva  nulla a che fare con nessuno dei decessi .

Quando dodici persone sono morte e 51 sono state infettate in un’epidemia di COVID-19 presso la West Park Care Home a Fife, in Scozia, le  notizie di STV hanno riferito  che ciò faceva seguito all’inoculazione del vaccino COVID-19 da parte dei residenti. La direttrice della sanità pubblica di NHS Fife, Dona Milne, ha parlato dei  significativi passi in avanti  compiuti nella contea per proteggere i  più vulnerabili  con il completamento del primo ciclo di vaccinazioni nelle case di cura.

Tuttavia, altri resoconti dei media  sullo stesso gruppo di morti per COVID-19  nella stessa casa di cura non hanno fatto  menzione  delle vaccinazioni. Hanno segnalato blocchi completi, situazioni di emergenza e allarmante numero di morti per COVID-19. Hanno parlato con le squadre del NHS e con i funzionari della sanità pubblica locale, ma hanno omesso di riferire che tutti i defunti erano stati quasi certamente vaccinati.

Come facevano a sapere che la correlazione era irrilevante? Perché non hanno pensato che fosse nell’interesse pubblico segnalarlo?

Su entrambe le sponde dell’Atlantico, i media mainstream sono estremamente reticenti persino a suggerire qualsiasi critica ai vaccini. Al fine di incoraggiare le comunità etniche nere e minoritarie negli Stati Uniti a prendere la vaccinazione, ABC News ha riportato la vaccinazione della leggenda del baseball  Hank Aaron . Quando purtroppo  morì due settimane dopo, gli elogi dei media mainstream  dimenticarono di menzionare la sua tanto pubblicizzata promozione della vaccinazione COVID-19. La storia originale di ABC News è stata quindi  rimossa dai loro archivi .

Di conseguenza, saremmo sciocchi se non considerassimo quali altri fatti cruciali potrebbero essere stati omessi dalle segnalazioni di improvvise epidemie fatali nelle case di cura del Regno Unito. Le affermazioni secondo cui ciò si è verificato  prima che i programmi di vaccinazione fossero in corso sono  credibili?

Il 19 gennaio 2021, il  Guardian ha  segnalato un  significativo gruppo di morti  in una casa di cura del Lincolnshire. Hanno affermato che 18 dei 27 residenti presso la Old Hall Care Home sono morti  nel periodo precedente il Natale.  Hanno notato che  “le morti sono state così improvvise [che] il personale non ha avuto la possibilità di somministrare cure di fine vita o di organizzare che i propri cari si salutassero”.

Quattro giorni prima, il 15 gennaio, un rapporto della BBC  sugli stessi decessi  affermava che i residenti di Old Hall si aspettavano di ricevere il   vaccino salvavita . Il  Guardian  non ha menzionato la vaccinazione e la BBC ha voluto sottolineare che nessuno dei defunti era stato vaccinato. Sembra che non ci fosse correlazione in questo caso. Tuttavia, la frequente opportunità dei media principali con la verità, specialmente quando si tratta di vaccini, suscita dubbi.

Il NHS ha riferito che il Lincolnshire è stata  una delle prime contee del Regno Unito  ad iniziare il lancio del vaccino. È stata una delle prime ad adottare, con il suo programma iniziato l’8 dicembre 2020, lo stesso giorno in cui Margaret Keenan ha ricevuto il suo vaccino. Se i residenti di Old Hall non erano   stati vaccinati, sembra che fossero tra i pochi sfortunati.

Morti a Gibilterra

Il territorio britannico d’oltremare di Gibilterra fornisce uno studio sul microcosmo. Le statistiche COVID-19 del governo di Gibilterra   mostrano che il loro primo caso è stato registrato il 18 marzo 2020, con la prima morte avvenuta il 1 ° novembre. I decessi totali erano saliti a sei entro il 22 dicembre, quando è  stata identificata per la prima volta  la nuova variante B.1.1.7 . Tra il 22 dicembre e il 10 gennaio, la  nuova variante ha  registrato altri sei decessi, portando il totale a 12.

Gibilterra ha iniziato il lancio del vaccino il  10 gennaio 2021 . Entro il 30 gennaio 2021, la mortalità COVID-19 sulla roccia era salita a 75. Ciò ha rappresentato un   aumento del 525% del tasso di mortalità in un periodo di venti giorni, dopo quasi dieci mesi di precedenti infezioni che ne hanno portato via una manciata. Questo aumento dell’ordine di grandezza corrispondeva precisamente al lancio del vaccino.

Gibraltar Mortality Statistics da virusncov.com

Parlando il 29 gennaio, con un numero di morti pari a 73, il Primo Ministro di Gibilterra ha tenuto una conferenza stampa. Dopo aver espresso il suo dolore e lamentando  “il più alto tributo di vite umane derivante da una causa”  nella storia di Gibilterra, il Primo Ministro ha incoraggiato la stampa a vedere questa catastrofe nel contesto. Ha poi informato la stampa:

A Gibilterra abbiamo ora finalizzato la prima inoculazione della dose delle quattro coorti più a rischio e della prima linea … Ora stiamo iniziando a fornire la seconda dose alle nostre quattro categorie prioritarie … Domani riceveremo un’ulteriore consegna del vaccino Pfizer per questo scopo , ancora una volta sulle ali degli angeli della RAF.

I Fact-Checkers si sono affrettati a  negare qualsiasi legame con i vaccini . Hanno citato una dichiarazione del  governo di Gibilterra , secondo cui sono morte solo sei persone vaccinate. Questa affermazione non era un dato di fatto.

Il Primo Ministro ha detto che il loro programma di vaccinazione ha seguito la priorità JCVI. In soli diciannove giorni, avevano  finalizzato la prima inoculazione della dose delle quattro coorti più a rischio.  Ciò significa che tutti i cittadini di Gibilterra di età superiore ai 70 anni e quelli ad alto rischio clinico sono stati vaccinati.

Un rapporto dopo  l’altro nei media locali descriveva come il servizio residenziale per anziani è stato distrutto dalle morti che hanno iniziato a salire rapidamente il 10 gennaio. Come solo un esempio, il 17 gennaio, con 13 morti in due giorni, il  Gibraltar Chronicle ha riportato :

Tutti tranne tre di coloro che sono morti questo fine settimana erano affidati alle cure dei servizi residenziali per anziani. I più giovani nei loro primi anni ’70, i più grandi nei loro tardi anni ’90. Tutti sono stati registrati come morti per Covid – 19.

Parlando il 26 gennaio, il primo ministro Fabian Picardo ha dichiarato:

Questi abitanti di Gibilterra che stanno purtroppo perdendo la vita a causa di questo virus sono le stesse persone che sono sopravvissute all’evacuazione.

L’evacuazione di Gibilterra avvenne nell’estate del 1940.

Il giorno successivo, Fabien Picardo ha affermato che solo sei delle 61 persone che sono morte nel periodo di 19 giorni tra l’inizio del lancio del vaccino e la sua dichiarazione del tutto incredibile erano state vaccinate. Questo nonostante il fatto che un totale di  dodici  abitanti di Gibilterra fossero morti di COVID-19 nei dieci mesi precedenti.

I Fact-Checkers non hanno controllato nulla, non hanno ricercato nulla e hanno semplicemente usato le false affermazioni di Picardo per difendere il lancio del vaccino. In tal modo, come l’MHRA, hanno mostrato sinceramente un insensibile disprezzo sia per la verità che per le vite perse. Non erano minimamente interessati.

È possibile, anche se improbabile, che il marcato e rapido aumento della mortalità osservato nelle comunità affette da COVID-19 in tutto il mondo  possa  essere spiegato da nuove varianti. Ma sembra, ovunque si guardi, che un drammatico aumento della mortalità sia correlato ai programmi di vaccinazione COVID-19.

Le numerose anomalie e contraddizioni suggeriscono che non ci viene fornita la storia completa. Se erano previste reazioni avverse al vaccino, dove sono?

La correlazione non prova la causalità, ma ignorare la correlazione significa negare. Non dovremmo aver paura di porre una domanda perfettamente legittima:

Perché esiste una correlazione tra il lancio del vaccino e l’aumento della mortalità per COVID-19?

Traduzione a cura di Davide Donateo

https://www.ukcolumn.org/article/why-there-correlation-between-vaccine-rollout-and-increased-covid%E2%80%9319-mortality

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.