Database Italia

QUINTO POTERE. Il nemico della televisione è la parola, la sua moneta è l’immagine

QUINTO POTERE: L’ULTIMO GRANDE FILM SUL MAINSTREAM DELL’INFORMAZIONE

Quando una nuova epidemia viene lanciata e promossa, nonostante la mancanza di una buona scienza e di buone prove, viene sollevata sugli schermi televisivi. Le immagini iniziano a scorrere: Un veicolo medico di emergenza su una strada. Il personale sanitario, in tute ignifughe, carica un uomo legato a una barella nell’ambulanza. In un’altra strada, un uomo crolla sul marciapiede. Vediamo un uomo in quarantena seduto all’interno di un’enorme bolla di plastica in una terza strada. Taglio sull’atrio di un aeroporto. I soldati pattugliano lo spazio tra la folla. Taglio su un laboratorio. Close-up di fiale di liquido. La fotocamera si tira indietro. I tecnici in scrub verde chiaro stanno posizionando le fiale nelle fessure di una macchina sul tavolo. Auditorium: un uomo su una piattaforma, che indossa un camice bianco da dottore, punta una bacchetta verso un grande schermo, sul quale è visualizzato un grafico, per il pubblico. Di nuovo in strada. Le persone indossano mascherine sul viso. Queste immagini si riversano sullo spettatore televisivo. Nel frattempo, il presentatore sta impartendo il suo discorso preparato: “Il governo ha emesso oggi il divieto di tutti i viaggi in entrata e in uscita dalla città… centinaia di voli aerei sono stati cancellati. Gli scienziati si stanno affrettando a sviluppare un vaccino … “Il pubblico televisivo ha l’impressione di sapere qualcosa. Sono nel flusso, nel flusso delle notizie … sono nelle immagini …

— Network, Quinto Potere in Italia, il film del 1976 scritto da Paddy Chayefsky, rivela cosa farebbero i re dei media se liberassero i loro istinti di base e galoppassero fino in fondo nella follia del Circo Romano. Il pubblico è stanco oltre ogni ricordo. Ha bisogno di nuovi shock per il sistema ogni giorno. L’adrenalina deve scorrere. Il confine tra riportare la notizia e inventarla? Cancellalo. Festeggia la cancellazione. Guarda l’audience salire.

Perché fingere ancora? Perché passare innumerevoli ore a preparare e trasmettere notizie artificiali sintetiche, come se fossero reali? Il pubblico si preoccupa di queste sottigliezze?

Il pubblico vuole solo azione. Il film parte da queste premesse.
Arthur Jensen, capo della società proprietaria del Network, parla con lo sconvolto giornalista del Network, Howard Beale, che ha rivelato, in onda, un pezzo della vera struttura del potere planetario in pochi momenti di sanità mentale:

“Ti sei immischiato con le forze primordiali della natura, signor Beale, e io non lo permetterò !! È chiaro?! … Sei un vecchio che pensa in termini di nazioni e di popoli. 
Non ci sono nazioni. Non ci sono popoli. Non ci sono russi. Non ci sono arabi. Non ci sono terzi mondi. Non c’è l’occidente. 
Esiste un solo sistema olistico di sistemi, un dominio di dollari vasto e immane, intrecciato, interagente, multivariato e multinazionale. Petro-dollari, electro-dollari, multi-dollari, reichmark, rins, rubli, sterline e shekel. È il sistema monetario internazionale che determina la totalità della vita su questo pianeta. Questo è l’ordine naturale delle cose oggi. Questa è la struttura atomica, subatomica e galattica delle cose oggi! E TU ti sei immischiato con le forze primordiali della natura, e ESPIA! “
La responsabile della programmazione per la rete, Diana Christensen, trasferisce l’intero reparto notizie alla divisione intrattenimento. Nascono così nuovi spettacoli con ascolti in ascesa: Howard Beale, [Religious] Prophet of the Air Waves; The Mao Tse-Tung Hour, in cui un gruppo di guerriglieri si riprende mentre esegue rapine a mano armata in banca; e Sybil the Soothsayer, a Tarot reader.
Diana diventa la nuova star esecutiva della rete. Non c’è più nemmeno la pretesa di aver bisogno che i conduttori delle notizie appaiano autorevoli, oggettivi o razionali.

Diana Christensen è inarrestabile. Vede, con bruciante chiarezza, che il pubblico è annoiato fino all’esaurimento; ora richiedono, come alla fine dell’Impero Romano, un divertimento estremo. Vogliono più violenza, più follia, allo scoperto. In televisione.

È la forza elettrica, alla ricerca del brivido, senza sosta che è terrorizzata dal silenzio. Vive e si nutre di adrenalina. Così fa il pubblico delle visualizzazioni. Nient’altro alla fine conta. Le valutazioni sono la riga superiore e la riga inferiore. L’individuo e i suoi pensieri sono completamente irrilevanti.
Howard Beale, over the cliff, un giornalista che urla in onda sulla follia della notizia, è perfettamente accettabile, perché il pubblico sta semplicemente rispondendo all’indignazione incerta di Beale e alla propria. Non viene esplorato nulla di più profondo. Ciò che avrebbe potuto sfociare in una vera ribellione popolare è andato in cortocircuito. Beale diventa un matto, una novità. Ancora un’altra distrazione. Quando, in un breve intervallo di chiarezza, inizia a raccontare al suo pubblico la conquista della società da parte di mega-corporazioni e mega-soldi, il suo spettacolo si ferma. Le valutazioni crollano. Diana non è più interessata a lui; lei vuole licenziarlo.Tuttavia, Arthur Jensen, il capo della società che possiede la rete televisiva, vuole mantenere Beale in onda, come un messaggero della “verità galattica” sull’integrazione benefica di tutte le attività umane sotto la rubrica del denaro globale e del potere globale. . Converte Beale alla sua causa. Diana vede solo una via d’uscita da questo disastro di rating: uccidere Beale; in onda; durante il suo spettacolo. E così è fatto. La rete ci mostra anche il pubblico che diventa attore, giocatore, partecipante. Il pubblico sta saltando fuori dalla sua pelle per essere riconosciuto, corteggiato e adorato come una potente forza rotolante che non incarna alcun significato particolare.

Il pubblico vuole essere una star. Il pubblico vuole ESSERE notizia; il pubblico vuole che le sue azioni vengano mostrate in televisione. Ciò ne stabilisce la legittimità. Nient’altro è necessario.

Diana lo sa, ed è più che disposta a soddisfare questo desiderio frenetico, se solo i suoi capi la lasciassero andare fino in fondo.

Il miglior film mai realizzato sulla guerra televisiva alla popolazione, Network mette in scena solo pochi minuti di televisione in onda. Il resto del film è dialogo e monologo sulla televisione. Quindi si potrebbe dire che, in questo caso, la parola sconfigge l’immagine. Che era l’intento dello sceneggiatore Paddy Chayefsky.

Anche quando mostra cosa succede sullo schermo televisivo, Network esplode con battute come queste, dal giornalista Howard Beale, alla fine della sua corda, davanti alla telecamera, parlando al suo pubblico in studio e a milioni di persone nelle loro case: “Allora, ascoltami. Ascoltami! La televisione non è la verità. La televisione è un dannato parco di divertimenti. La televisione è un circo, un carnevale, una compagnia itinerante di acrobati, cantastorie, ballerini, cantanti, giocolieri, mostri da baraccone, domatori di leoni e giocatori di football. Siamo nel business che uccide la noia … Ci occupiamo di illusioni, amico. 

Nulla di ciò è vero! Ma voi persone sedete lì giorno dopo giorno, notte dopo notte, di tutte le età, colori, credo. Siamo tutto quello che sai. Stai iniziando a credere alle illusioni che stiamo girando qui. Inizi a pensare che il tubo sia la realtà e che la vostra vita sia irreale. Fai quello che ti dice il tubo. Ti vesti come il tubo, mangi come il tubo, cresci i tuoi figli come il tubo. Pensi persino come il tubo. Questa è follia di massa. Maniaci. In nome di Dio, voi persone siete la cosa reale.

È il linguaggio di Beale e la passione con cui lo esprime a costituire la sua arma pericolosa. Pertanto, la Rete lo trasforma in una figura religiosa a buon mercato, il cui pubblico lo avvolge con un’adorazione assurda.

Il nemico della televisione è la parola. La sua moneta è l’immagine. Di tanto in tanto Beale sfonda l’immagine e la contamina. Spacca l’uovo. Arresta il flusso dell’immagine. Riporta il suono e il ritmo della poesia parlata. Questa è la sua vera trasgressione contro il medium che lo impiega. La matrice moderna ha tutto a che fare con il modo in cui viene acquisita la conoscenza. La televisione, per lo più, non cerca di trasmettere la conoscenza. Si sforza di dare allo spettatore l’impressione di sapere qualcosa. C’è una differenza.
L’impressione di sapere è un sentimento, una convinzione, una convinzione che lo spettatore detiene, dopo aver visto immagini in movimento su uno schermo e ascoltato un narratore. QUESTO è ciò che lo spettatore preferisce. Non vuole parte della conoscenza. Una premessa di base dell’età moderna è: “tutto è (connesso a) tutto”. Questo si adatta abbastanza bene all’esperienza di guardare il flusso video.

Esempio: vediamo folle arrabbiate per le strade di una città straniera. Poi i giovani al cellulare seduti in un bar all’aperto. Poi l’atrio di marmo di un edificio governativo dove camminano uomini in giacca e cravatta, in piedi in gruppo che parlano tra loro. Poi di notte, razzi che esplodono nel cielo. Quindi veicoli blindati che si muovono attraverso un cancello nella città. Poi nuvole di fumo in un’altra strada e gente che corre, inseguita dalla polizia. Un flusso di immagini consecutive. La sequenza, ovviamente, è stata assemblata da un editore di notizie, ma la maggior parte del pubblico non ne è a conoscenza. Guardano le immagini “interconnesse” e ascoltano un conduttore di notizie raccontare una storia che colora (infetta) ogni immagine: “Questa è la rivoluzione per la democrazia, creata dalla tecnologia dei telefoni cellulari …”Gli spettatori quindi credono a qualcosa. La televisione ha trasmesso loro una sensazione.

Quindi: si verifica un cortocircuito nella mente.

Quando esporti questo modello a un’intera società, stai parlando di un metodo dominante attraverso il quale la “conoscenza” viene tentata e tenuta stretta.“Hai visto quel fantastico video sulla guerra in Iraq? Ha dimostrato che Saddam aveva effettivamente armi biologiche “.”Veramente? Come l’hanno dimostrato? ““Beh, non ricordo. Ma guardalo. Vedrai.”E questa è un’altra caratteristica dell’acquisizione moderna della “conoscenza”: l’amnesia sui dettagli. Lo spettatore non riesce a ricordare le caratteristiche chiave di ciò che ha visto. O in alternativa, non può descriverli, perché era dentro di loro, impegnato a costruire la sua impressione di sapere qualcosa. La storia narrativa-visiva-televisiva si spoglia e scarta l’analisi concettuale. Nella misura in cui esiste, è avvolta intorno e dentro l’immagine e la narrazione.

Paddy Chayefsky ha fatto della sua penna una spada, perché stava scrivendo un film sulla televisione, contro la televisione. Stava mettendo parola contro immagine. Quando una tecnologia (televisione) si trasforma in un metodo di percezione, la realtà viene capovolta. La gente guarda la TV attraverso gli occhi della TV.

Il controllo mentale non è più qualcosa di semplicemente imposto dall’esterno. È una matrice di un ciclo che si autoalimenta.

I devoti devoti dell’immagine VOGLIONO immagini, buoni pasto della società programmata.

Il trionfo di Network è che fa vincere le sue parole sulle immagini, IN una foto, IN un film.

Una pandemia, la falsa pandemia che ho rifiutato in molti articoli, viene trasmessa attraverso il flusso video e la narrazione. Immagini impilate e tagliate.

Non vi è alcuna sfida al flusso in alcun modo di base, attraverso l’intrusione della conoscenza effettiva, perché ciò chiuderebbe la sfilata di immagini e annullerebbe le ragioni per trasmetterle in primo luogo.

Il vecchio adagio teatrale, “lo spettacolo deve continuare”, quando adattato per la televisione, diventa “il flusso deve continuare”. Una volta stabilita la sua rotta, non si può tornare indietro. Il pubblico televisivo, imprigionato nelle case, si bagna delle acque di quel fiume …

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.