CybersecurityIntelScienza e Tecnologia

RAPPORTO DEL PENTAGONO | ACCORDO CON SPACEX SU USO MILITARE DELLE NAVI STARSHIPS DI ELON MUSK

Lo sbarco di una forza di soccorso presso un’ambasciata statunitense in Africa minacciata da un assedio in stile Bengasi è solo uno dei potenziali usi militari delle navi Starship di Elon Musk, secondo un rapporto militare interno reso pubblico lunedì. Il documento riguarda l’accordo di cooperazione del 2020 tra SpaceX e il US Transportation Command (TRANSCOM), ma rimane una lista dei desideri visto che le Starships non sono affatto pronte per le operazioni effettive.

Che TRANSCOM avesse collaborato con SpaceX nell’ottobre 2020 era di dominio pubblico, infatti le forze armate statunitensi lo avevano effettivamente annunciato in quel momento. Ufficialmente, il Dipartimento della Difesa vorrebbe arrivare alla capacità di spostare l’equivalente di un carico utile C-17 – poco meno di 80 tonnellate, o un singolo carro armato M1 Abrams – “ovunque nel mondo in meno di un’ora”.

A quanto pare, il Pentagono aveva ulteriori ambizioni, secondo il ” rapporto intermedio ” sul programma ottenuto dall’Intercept attraverso una richiesta del Freedom of Information Act (FOIA) e pubblicato lunedì.

Una flotta di navi stellari militari potrebbe fornire “un metodo alternativo per la consegna della logistica” nel Pacifico o consegnare “una rifugi, veicoli, attrezzature per l’edilizia e altri attrezzi” in qualsiasi parte del mondo con breve preavviso, in modo che l’aeronautica americana possa resistere su una base aerea.
Leggi anche:

Il terzo scenario immaginato, intitolato “Supporto dell’ambasciata”, prevede “capacità di consegna diretta del teatro ” dagli Stati Uniti a un’ambasciata in Africa, che potenzialmente coinvolge una “forza di reazione rapida”. La semplice dimostrazione di tale capacità “potrebbe dissuadere attori non statali da atti aggressivi nei confronti degli Stati Uniti”, hanno affermato i militari.

Sebbene il rapporto stesso non faccia un simile confronto, lo scenario si sovrappone abbastanza all’attacco al complesso statunitense di Bengasi, in Libia, dove un ambasciatore e tre appaltatori della sicurezza sono stati uccisi l’11 settembre 2012 mentre aspettavano una forza di soccorso che non è mai arrivata.

Sebbene SpaceX non abbia commentato la storia, il portavoce di TRANSCOM John Ross ha detto all’Intercept che i militari ritengono che una forza di reazione rapida grazie all’ausiliio dei razzi sarebbe “possibile entro i prossimi 5-10 anni”.

L’astronave è ancora nella sua fase sperimentale. Il  primo atterraggio di successo  di un prototipo è avvenuto solo nel maggio 2021, dopo una serie di test che si sono conclusi con esplosioni infuocate. Oltre alle sfide tecniche, Musk si occupa anche della burocrazia federale e del processo per ottenere i permessi per il lancio di test dalla struttura SpaceX nel Texas meridionale.

La Federal Aviation Administration (FAA) ha concesso a SpaceX l’approvazione ambientale preliminare la scorsa settimana, ma per ottenere la licenza di approvazione completa la società dovrà preparare “un rapporto sul contesto storico… della guerra messicana” e soddisfare altre 74 richieste, secondo National Geographic. Anche allora, la licenza FAA coprirebbe solo dieci lanci all’anno. Inoltre, le autorità temono che SpaceX manchi  di  una forte cultura della sicurezza”, secondo un rapporto della FAA  trapelato  nel giugno 2021.

SOSTIENI DATABASE ITALIA
PER FAVORE AIUTACI AD ANDARE AVANTI – RACCOLTA FONDI DI GIUGNO

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!