Quantcast
Database Italia

REFERENDUM: LA SVIZZERA DICE NO ALL’IDENTITÀ DIGITALE e-ID. IL GOVERNO DECISO A PROSEGUIRE




Gli elettori in Svizzera hanno respinto una legge che disciplina un sistema di identità elettronica. Il risultato è un duro colpo per i piani del parlamento e del governo tra i timori sulla protezione dei dati.

I risultati finali hanno mostrato domenica che il 64,4% degli elettori si è dichiarato contrario alla legge prevista. Il tasso di rigetto tra i Cantoni è compreso tra il 70,7% e il 55,8%.

La posta in gioco era la creazione della base giuridica per un sistema di verifica dell’identità digitale, concesso in licenza e controllato dallo Stato ma fornito principalmente da società private.

Il punto di accesso unico è finalizzato a semplificare la fruizione dei servizi online offerti dalle imprese commerciali nonché il contatto con le istituzioni pubbliche attraverso i canali di e-government.

Svizzera

“La sfiducia nelle aziende private è stata dominante e ha contribuito a far pendere il voto”, ha detto il politologo Urs Bieri dell’istituto di ricerca GfS Berna alla radio pubblica della SRF.

Il ministro della Giustizia Karin Keller-Sutter ha riconosciuto “un certo disagio” tra gli elettori. Ha invitato il parlamento e i critici del piano fallito a cooperare ora per evitare un arresto.

“Non abbiamo scelta e dobbiamo lavorare per una nuova soluzione, anche se ci vogliono diversi tentativi”, ha detto in una conferenza stampa. “È fondamentale per la Svizzera mettersi al passo con gli altri paesi quando si tratta di digitalizzazione”. (ER: Notare la deplorevole giustificazione per la violazione dei diritti democratici dei cittadini e del diritto all’integrità fisica, “dobbiamo recuperare il ritardo”.)

Daniel Graf del comitato referendario ha affermato che gli elettori non si sono espressi contro uno schema di identità digitale ma solo contro la soluzione proposta. Il parlamentare del Partito dei Verdi Sibel Arslan, anch’egli contrario alla legge, ha detto che gli elettori hanno chiarito che vogliono un eID fornito solo dal governo e sotto controllo democratico.

Il parlamentare del Partito popolare Franz Grüter, un sostenitore del fallito schema di identità elettronica, si è detto deluso ma è fiducioso che si possa trovare una soluzione per una nuova proposta.

Gruppo della società civile

La legge in gioco è stata approvata dal parlamento nel 2019 ma poi  sfidata a referendum  da un’alleanza di gruppi della società civile, sostenuta da sindacati, partiti di sinistra e alcuni centristi.

Gli oppositori hanno sostenuto che lo Stato non dovrebbe limitarsi a fungere da autorità di autorizzazione e controllo, ma che dovrebbe assumersi la piena responsabilità. Il rischio di abuso dei dati da parte dei fornitori commerciali minerebbe gli sforzi per rendere la digitalizzazione più democratica, affermano.

Detto questo, la necessità di una qualche forma di eID per la comunità imprenditoriale non è stata contestata dagli oppositori. La Svizzera è in ritardo rispetto a molti paesi europei dopo i tentativi falliti negli ultimi decenni di creare un unico sistema di accesso per gli utenti dei servizi online.

Nessuna capacità

Il governo, che ha lanciato il disegno di legge tre anni fa, aveva affermato che la proposta di legge pone le basi per un sistema di accesso online sicuro.

Durante la campagna, Keller-Sutter ha elogiato la legge come un compromesso, dividendo i compiti tra lo stato e il settore privato.

I sostenitori della legge hanno anche sottolineato che quasi nessun governo ha la capacità e le risorse IT per sviluppare da solo un eID rapidamente e secondo gli standard appropriati.

Un precedente tentativo di creare una soluzione di identità elettronica pubblico-privata, nota come  SuisseID , è fallito più di dieci anni fa.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.