Database Italia

Registrazione audio trapelata rivela la partnership di Hunter Biden con il “capo delle spie” cinesi

Joe Biden ha anche discusso della scomparsa di Ye Jianming, il fondatore del CEFC che è stato arrestato in Cina dopo il 2018 con l’accusa di corruzione.

Una nuova registrazione audio ottenuta da The National Pulse conferma che Hunter Biden aveva rapporti d’affari con una persona che dichiarava essere il “capo spia della Cina ” e la sua frustrazione sia per suo padre che per lui che era stato nominato come testimone in un procedimento penale.

Il “capo delle spie” a cui si riferisce Biden è Patrick Ho, l’ex segretario degli affari interni di Hong Kong. L’uomo è stato condannato per corruzione e anche per riciclaggio di denaro nel 2018. È stato estradato a Hong Kong dopo aver trascorso un breve periodo in prigione a New York City. Dopo il 2007 è stato un lobbista per conto della CEFC China Energy.

Il figlio di Joe Biden ha anche discusso della scomparsa di Ye Jianming, il fondatore della CEFC che è stato arrestato in Cina dopo il 2018 con l’accusa di corruzione. Anche se i media mainstream hanno affermato che non ci sono prove che Hunter Biden fosse coinvolto in accordi sospetti in Cina, Biden ha descritto l’uomo come “partner”.

“Il mio partner, che vale 323 miliardi di dollari … ora è scomparso”, si sente Biden. “Era scomparso dall’ultima volta che l’ho visto nel suo appartamento da $ 58 milioni all’interno di un affare da $ 4 miliardi per costruire il fottuto porto di GNL più grande del mondo”, ha dichiarato Biden come riportato da The National Pulse .

Il CEFC è stato fortemente coinvolto nell’iniziativa cinese Belt and Road, ma non è chiaro se il porto indicato faccia parte del progetto. La CEFC ha dichiarato bancarotta nel marzo 2020 dopo l’avvio di un’indagine penale contro la società negli Stati Uniti.

Anche Devon Archer, che è un altro socio in affari di Biden, è stato menzionato nella registrazione audio. “Ricevo chiamate da mio padre per dirmi che il New York Times sta chiamando”, ha detto Biden mentre continuava dicendo che il suo migliore amico nel mondo degli affari Devon lo ha nominato come testimone senza informarlo in un procedimento penale.

Non è chiaro dalla registrazione audio quale connessione abbia Joe Biden con l’accordo o perché abbia ricevuto chiamate, ma le e-mail trapelate in precedenza mostrano una persona solo come “il pezzo grosso” che utilizza un accordo che coinvolge CEFC. Secondo Tony Bobulinski, che è un ex socio in affari di Hunter Biden, “the big guy” è un riferimento a Joe Biden.

Fare affari con la Cina non è criminale, ma l’affermazione va contro le dichiarazioni di Joe Biden secondo cui non ha avuto alcun coinvolgimento nei rapporti d’affari di suo figlio. La rivelazione arriva come una fuga di notizie da quello che si presume sia il laptop di Hunter Biden. Il portatile è stato consegnato all’FBI.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.