Home Coronavirus RELAZIONE AGGIORNATA DEL DR. DEL GADO SUL REALE CONTENUTO DEI VACCINI.

RELAZIONE AGGIORNATA DEL DR. DEL GADO SUL REALE CONTENUTO DEI VACCINI.

127
0

Il biostatistico spagnolo Dr Ricardo Delgado del gruppo di ricerca La Quinta Columna riferisce di ciò che lui e il suo team hanno trovato nei sieri nell’ultimo anno. Ogni affermazione che il dottor Delgado fa qui è accompagnata da illustrazioni e dettagli degli articoli scientifici pubblicati e sottoposti a revisione paritaria che supportano le sue affermazioni.

***

TRASCRIZIONE TRADOTTA

Buon pomeriggio a tutti. Mi chiamo Ricardo Delgado e sono il fondatore e direttore di La Quinta Columna.

Tutte i sieri testati (Pfizer, AstraZeneca, Janssen e Moderna) contengono esclusivamente nanotecnologie. Abbiamo trovato nano-router, che emettono anche indirizzi MAC che possono essere rilevati con la tecnologia wireless Bluetooth semplicemente utilizzando il proprio telefono cellulare e l’aiuto di un’app.

Abbiamo trovato nano-antenne e antenne plasmoniche per l’amplificazione di questi segnali.

Abbiamo anche identificato nano-rectenne, che fungono da ponti raddrizzatori di corrente alternata/continua, codec e alcune porte logiche per la crittografia di queste nano-comunicazioni emesse dall’individuo inoculato a un server remoto.

Il materiale primario per la creazione di questi micro-complessi scultorei è l’ossido di grafene, la cui presenza è determinante per l’autoassemblaggio di questi complessi strutturali.

Il principale meccanismo di esfoliazione dell’ossido di grafene nel corpo, in punti quantici, è la biodegradazione naturale mediata dall’enzima mieloperossidasi e il meccanismo della Teslaforesi, che sono campi elettromagnetici a microonde emessi dai segnali dei telefoni cellulari con diverse gamme di frequenza.

L’ossido di grafene iniettato nel corpo acquisisce proprietà magnetiche a contatto con l’idrogeno e le cellule viventi. Questo è il motivo per cui la maggior parte delle persone iniettate ha esacerbato il magnetismo nel punto dell’inoculazione e successivamente nel plesso solare superiore e nel cranio.

L’ossido di grafene viene rilevato nel corpo dal nostro sistema immunitario come se fosse un agente patogeno. Una volta iniettato, ha un’affinità per il sistema nervoso centrale, in pratica, il midollo spinale e il nostro cervello, a causa della sua maggiore elettroconduttività. Nel sistema nervoso centrale provoca immobilizzazione degli arti, ictus, paraplegia e alterazione del sistema nervoso.

L’ossido di grafene ha un fattore di coagulazione del sangue e aumenta la trombogenicità o la proliferazione dei trombi. La conseguenza finale dei trombi sono tutti i tipi di incidenti cardiovascolari, come embolie, ischemie, ictus, aneurismi, ecc.

L’ossido di grafene ha anche un’affinità per gli organi elettrici, come il nostro cuore, soprattutto quando aumenta la sua attività cardiaca e quindi la sua attività elettrica. In quel momento, questo ossido di grafene prende di mira il cuore e lo infiamma, generando miocardite o pericardite.

Inoltre, l’ossido di grafene ha la capacità di assorbire la radiazione elettromagnetica dal nostro ambiente e moltiplicarla con un effetto transistor. Pertanto, provoca piccole scariche che causano aritmie nel nostro sistema cardiaco. Questo spiega perché così tanti atleti soffrono di aritmie quando hanno un aumento dell’attività cardiaca.

Le conseguenze di queste aritmie sono svenimenti, blackout o sincopi legate – o meno – a morte improvvisa. Gran parte della nostra popolazione vaccinata sta subendo una morte inaspettata o improvvisa quando interagisce vicino a queste fonti di microonde.

L’ossido di grafene ha anche la capacità di generare mutagenesi, alterazione cromosomica e cancro, in modo che le persone che hanno recentemente subito tumori o neoplasie dopo la vaccinazione subiscano il riemergere rapido di una linea di metastasi e coloro che sono completamente sani saranno ad alto rischio di sviluppare il cancro.

L’ossido di grafene è estremamente tossico e la sua tossicità dipende anche dalla radiazione elettromagnetica che assorbe. Ovunque vada, genera infiammazione dei tessuti, infiammazione sistemica o d’organo e una cascata di radicali liberi.

Quando lo stress ossidativo generato da questa sostanza tossica all’interno dell’organismo rompe l’equilibrio nel “bilanciamento redox” e supera una certa soglia al di sopra dei livelli antiossidanti del nostro glutatione endogeno, il nostro sistema immunitario collassa e favorisce la famosa tempesta di citochine.

Questo ossido di grafene, che viene iniettato come materia prima nei “vaccini”, viene eliminato dal corpo attraverso i nostri polmoni, ma se viene irradiato mentre si trova nei polmoni, la successiva infiammazione del tessuto polmonare provoca una polmonite bilaterale.

Se il vaxxinato sopravvive alle dosi iniziali di ossido di grafene iniettato nel sangue, sarà degradato nel corpo dagli anticorpi neutralizzanti che sono responsabili della sua degradazione.

Una volta che il grafene e la sua tossicità sono spariti, lo sono anche gli anticorpi che neutralizzano la sostanza, che attivano anche le nostre immunogobuline. Questo è il motivo per cui le persone sono costrette a farsi nuovamente vaccinare ogni tre mesi, al fine di mantenere i livelli corporei di questa sostanza tossica, affermando che non possiedi più l’immunità.

Insomma, l’inesistente, non isolato, non purificato, non coltivato SARS-CoV-2 che ci viene presentato nella versione ufficiale e nelle sue varianti, è in realtà l’ossido di grafene introdotto consapevolmente e volontariamente nel vaccino antinfluenzale della campagna 2019-2020. In altre parole, la malattia, ribattezzata COVID-19, è semplicemente una sindrome da irradiazione acuta potenziata dal grafene.

Pertanto, la prima e sostanzialmente l’unica ondata artificiale aveva come popolazione target le nostre case di riposo e le RSA, il cui tasso di vaccinazione antinfluenzale è molto vicino al 100%. I nostri anziani sono stati precedentemente vaccinati con questa sostanza e poi irradiati con le famose antenne dei cellulari, che sospettosamente, 8 su 10 vengono poste vicino a case di cura.

Hanno giustificato il genocidio dei nostri anziani come pretesto per dire all’intera popolazione mondiale che stavamo affrontando un nuovo coronavirus, così che sotto il timore di questo presunto “contagio”, potessero procedere a inoculare l’intera popolazione mondiale con ossido di grafene. L’obiettivo è eliminare gran parte della popolazione e utilizzare le proprietà di modulazione comportamentale dell’ossido di grafene nel campo delle scienze neurali e dell’intelligenza artificiale per la restante popolazione.

L’ossido di grafene ha un’affinità speciale per i neuroni. Una volta installato nei neuroni, genera una rete neurale artificiale che sostituisce gradualmente la rete neurale naturale. Quando la dimensione delle nanoparticelle di ossido di grafene è inferiore a 35 nanometri, attraversano facilmente la nostra barriera ematoencefalica (una membrana che protegge il nostro cervello da possibili danni provenienti dall’esterno) e ottengono l’accesso alla nostra rete neurale.

Da un lato, l’ossido di grafene riesce a rompere le sinapsi neuronali, in modo che il nostro cervello possa essere mappato e raccogliere letteralmente informazioni, come ricordi, pensieri locali, sensazioni, emozioni o sentimenti. Ora capirai perché, durante questa pandemia, in alcuni paesi è stata approvata una legislazione come il “NeuroRights Act”.

Inoltre, questo ossido di grafene può essere stimolato da remoto e in modalità wireless, utilizzando a tale scopo l’implementazione della nuova tecnologia 4G, 4Gplus e 5G. Tutte le persone vaxxate inviano i loro dati a un server esterno controllato dall’Intelligenza Artificiale.

Questa sintesi di informazioni è fornita come una sinossi di oltre 20.000 ore di ricerca, in collaborazione con un gruppo multidisciplinare di scienziati e si basa sulle scoperte scientifiche della relazione tecnica finale del dott. Pedro Campras, che fornisce prove inequivocabilmente conclusive della presenza di ossido di grafene (rGO) in campioni del siero prodotto da AstraZeneca, Moderna, Pfizer e Janssen.

Questa ricerca emerge anche dall’analisi scientifica dell’evidenza materiale e osservativa. Comprendiamo che hanno approfittato dell’ignoranza generale e della mancanza di conoscenza delle comunità mediche e sanitarie su questioni come le nanotecnologie per realizzare questo piano sinistro di quella che chiamano Agenda 2030.

Puoi saperne di più su queste preziose informazioni su LaQuintaColumna.net , dove troverai tutte le prove e gli articoli scientifici qui riportati. Poiché il “processo di vaccinazione” è globale, nel giro di pochi mesi ci troviamo di fronte alla scomparsa della specie umana così come la conosciamo. Lo chiamano post o transumanesimo o semplicemente processo Umano 2.0.

In quella nuova fase, l’automa sopravvissuto sarà privato dell’autonomia di pensiero autonomo e del libero arbitrio; una specie schiava interamente dipendente da queste oligarchie tecnocratiche.

La Quinta Columna è composta da milioni di persone in tutto il mondo, che cercano di mantenere l’essenza degli esseri umani, il rispetto per l’umanità e la loro dignità come specie unica. La Quinta Columna ha scoperto questo crimine contro l’umanità, contro la sua vita e contro la sua stessa natura.

Per favore condividi queste informazioni vitali con tutti coloro che ti circondano.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleUNA POTENZIALE CURA ECONOMICA PER IL CANCRO.
Next articleAUSTRALIA, I DOCUMENTI DI BILANCIO RIVELANO 77 MILIONI DI DOLLARI DI RISARCIMENTI PER REAZIONI AVVERSE AI VACCINI COVID
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.