Database Italia

Report: Migliaia Di Africani Muoiono In Orribili Campi Di Detenzione Sauditi

RIYADH – Migliaia di africani sono rimasti intrappolati per mesi in orribili centri di detenzione in Arabia Saudita, molti spinti al suicidio mentre altri sono morti per il caldo, secondo il rapporto. Il Sunday Telegraph ha pubblicato immagini da cellulare di uomini africani emaciati e senza maglietta che giacevano in file strette sul pavimento in una stanza spoglia con finestre sbarrate.

Un’immagine mostrava un uomo che si era impiccato alla grata di una finestra, mentre un’altra mostrava quello che sembrava essere un cadavere avvolto in una coperta nel mezzo della stanza: un uomo che i migranti dicono sia morto per un colpo di calore.

“Un ragazzo di circa 16 anni è riuscito a impiccarsi il mese scorso. Le guardie si limitano a buttare i corpi fuori come se fossero spazzatura ”, ha detto un migrante al quotidiano.

“Molti detenuti hanno tendenze suicide o soffrono di malattie mentali per il fatto di vivere questo inferno per cinque mesi”, ha dichiarato un altro, aggiungendo: “Le guardie ci prendono in giro, dicono ‘al tuo governo non importa, cosa dovremmo fare con te?”

La maggior parte degli sfortunati uomini sono etiopi che sono venuti in Arabia Saudita cercando di sfuggire alla povertà in patria, alcuni aiutati da agenti di reclutamento sauditi o trafficanti di esseri umani. Si dice che altri centri di detenzione ospitino donne.

Quando è iniziata la pandemia di coronavirus, il governo saudita ha deportato quasi 3.000 etiopi nel loro paese d’origine, temendo che avrebbero agito come diffusori del virus a causa dei loro alloggi angusti. Ne sarebbero seguiti altri 200.000, alcuni dei quali sono finiti nei centri di detenzione colpiti dalla malattia, riporta il quotidiano.

“Siamo stati lasciati morire qui”, ha osservato un migrante, che non ha messo piede fuori dalla stanza di detenzione delle dimensioni di una classe da marzo.

“Di giorno mangiamo un pezzetto di pane e la sera riso. Non c’è quasi acqua e le toilette traboccano. Si riversa su dove mangiamo.L’odore è nauseabondo. Ma ci sono più di cento di noi in una stanza e il caldo ci sta uccidendo “, ha detto un giovane etiope.

Altri migranti hanno denunciato di essere picchiati quotidianamente con fruste e cavi elettrici.

Il Telegraph ha citato Adam Coogle, vicedirettore di Human Rights Watch in Medio Oriente, affermando:

“Le foto che emergono dai centri di detenzione nel sud dell’Arabia Saudita mostrano che le autorità stanno sottoponendo i migranti del Corno d’Africa a condizioni squallide, affollate e disumanizzanti senza riguardo per la loro sicurezza o dignità”.

“Gli squallidi centri di detenzione nel sud dell’Arabia Saudita sono ben al di sotto degli standard internazionali. Per un paese ricco come l’Arabia Saudita, non ci sono scuse per trattenere i migranti in condizioni così deplorevoli ”, ha aggiunto.

Il regno wahhabita, ricco di petrolio, dipende dalla manodopera migrante dall’Asia e dall’Africa, in particolare dal Corno d’Africa, per lavorare nell’edilizia e ricoprire ruoli domestici manuali, per lo più lavori a bassa retribuzione. Circa 6,6 milioni di lavoratori stranieri costituivano il 20% della popolazione dell’Arabia Saudita nel giugno 2019, secondo The Telegraph.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.