Database Italia

REPRESSIONE UIGURI – LA CINA FA LEVA SUL VACCINO PER FARE PRESSIONI SULLA TURCHIA

Funzionari comunisti cinesi stanno esercitando “pressioni significative” sulla Turchia affinché ratifichi un trattato che consentirebbe la deportazione dei musulmani Uiguri in fuga dalla repressione sistematica in corso nello Xinjiang, affermano attivisti e sostenitori, e stanno utilizzando un vaccino contro il coronavirus per farlo.

“I cinesi stanno davvero cercando di entrare nelle comunità turche uiguri; hanno già spie e tutto il resto “, ha detto Adrian Zenz, senior fellow della Victims of Communism Memorial Foundation, esperto di abusi sugli uiguri da parte della Cina . “Ed eserciteranno] una significativa pressione dietro le quinte per far loro ratificare questo accordo”.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha accettato il trattato di estradizione nel 2017, ma il patto non è ancora entrato in vigore. Il legislatore nominale cinese ha ratificato il trattato domenica, lo stesso giorno in cui è stata ritardata la consegna di vaccini contro il coronavirus di fabbricazione cinese a Pechino, sollevando il sospetto che i funzionari cinesi stiano minacciando l’accesso al vaccino per garantire l’appoggio del parlamento turco all’accordo.

“Pechino sembra sfruttare non solo il potenziale investimento cinese in Turchia, ma anche la fornitura di vaccini Sinovac per influenzare la politica estera turca”, ha detto l’ex parlamentare turco dell’opposizione Aykan Erdemir, un critico di Erdogan presso la Foundation for Defense of Democracies. “C’è un sostegno schiacciante per gli uiguri tra il pubblico turco, ma Erdogan può ancora usare la sua maggioranza parlamentare per garantire la ratifica del trattato di estradizione Turchia-Cina come favore a Pechino”.

Gli attivisti uiguri sperano comunque che il legislatore turco blocchi il trattato. “Il governo turco non dovrebbe dare questo tipo di opportunità al governo cinese per [infliggere] tale repressione psicologica e fisica alla diaspora uigura”, ha detto al Washington Examiner il presidente del Congresso mondiale degli uiguri Dolkun Isa . “Il governo cinese ha commesso un genocidio contro il popolo uigura, e il governo turco dovrebbe capirlo”.

Si stima che più di 35.000 musulmani uiguri vivano in Turchia, che ha una lingua e una religione comune simili, nel tentativo di evitare i campi di “rieducazione” di massa e la riduzione in schiavitù come raccoglitori di cotone che i funzionari comunisti cinesi hanno imposto agli uiguri nel tentativo “rompere il loro lignaggio, rompere le loro radici, rompere i loro legami e rompere le loro origini”, come disse un funzionario comunista cinese nel 2018.

Quella repressione si estende oltreoceano. I legislatori americani hanno accusato i funzionari cinesi di molestare attivisti uiguri e altri dissidenti negli Stati Uniti. La diaspora uigura in Turchia è considerata una comunità particolarmente consequenziale e vulnerabile.

“Molti degli uiguri in Turchia hanno rilasciato interviste, hanno condiviso informazioni, sono stati citati nei media e sono organizzati”, ha detto Zenz. “La Cina vuole mettere a tacere gli esiliati … Vogliono davvero che la loro gente torni perché è lì che possono controllarli.”

Gli agenti di polizia turchi hanno iniziato ad arrestare gli uiguri e minacciarne la deportazione anche in assenza di un trattato di estradizione, secondo i rapporti di prima mano. “Nonostante le strette affinità etniche e linguistiche tra turchi e uiguri, Ankara è sempre più silenziosa sul trattamento spaventoso di Pechino nei confronti della minoranza uigura”, ha detto Erdemir, l’ex legislatore dell’opposizione.

La Turchia è un membro chiave della NATO , ma Erdogan ha guidato il governo in una direzione autoritaria e ha coltivato legami più stretti sia con la Russia che con la Cina – una tendenza che potrebbe continuare, almeno a breve termine, poiché alcune delle sue politiche hanno provocato sanzioni statunitensi.

“Mentre gli investitori occidentali continuano il loro esodo dalle azioni e obbligazioni turche, il governo di Erdogan si è rivolto alla Cina come potenziale fonte di capitale”, ha osservato Erdemir.

Questa deriva ha accresciuto la vulnerabilità della Turchia alle pressioni del Partito comunista cinese a spese degli uiguri, hanno concordato gli analisti considerando le possibilità di ratifica del trattato di estradizione.

“Forse c’è qualche interesse economico”, ha detto Isa, prima di ricordare il ritardo della consegna del vaccino questa settimana. “Forse il governo cinese sta usando il vaccino COVID come una specie di carota per il governo turco”.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.