CoronavirusSalute

RESPONSABILITÀ LEGALE DEI VACCINATORI. LA STRADA DEL CONSENSO INFORMATO

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Gli operatori sanitari, i farmacisti e i futuri addetti alla distribuzione di massa collettivamente qui denominati ” inoculatori” sono responsabili se non hanno ottenuto la prova del consenso informato da ogni persona che è stata vaccinata / inoculata.
Presumibilmente questo includerà i politici che hanno autorizzato i vaccini e i media che hanno spaventato le persone condizionandole nel riceverli.

Moderna, Astra-Zeneca e Pfizer sono protetti negli USA da 42 USC 300aa-22  sono PRODUTTORI DI VACCINI .
Nelle clausole dei nuovi accordi per l’immunità legale per le case farmaceutiche non si è provveduto ad ampliare o estendere le protezioni ai VACCINATORI, o ai lavoratori che NON lavorano per i produttori di vaccini. Questa lacuna nella legge potrebbe consentirci di fermarla. Ti rendi conto che c’è la possibilità entro cinque anni che gli inoculati possano pagare conseguenze gravissime?   L’ironia di questo è che psicologicamente, gli eugenisti hanno escogitato un modo ingegnoso attraverso i media e i politici corrotti per creare una richiesta artificiale del vaccino da parte delle stesse vittime che stanno per essere sacrificate per questo.  Un inganno totale calcolato per uccidere, e il movente, la battuta finale, è molto più folle del piano di spopolamento, ma completamente dimostrabile.

GLI OPERATORI SANITARI / GLI AMMINISTRATORI DEL VACCINO COVID HANNO ZERO IMMUNITÀ DA RESPONSABILITÀ SENZA PRIMA GARANZIA DEL CONSENSO INFORMATO


Secondo il codice 42 degli Stati Uniti § 300aa-22, “Nessun produttore di vaccini sarà responsabile in un’azione civile per danni derivanti da una lesione correlata al vaccino o dalla morte associata alla somministrazione di un vaccino, se la ferita o la morte derivano da effetti collaterali inevitabili anche se il vaccino è stato adeguatamente preparato e accompagnato da adeguate indicazioni e avvertenze “.
Tuttavia, questa immunità non si applica agli operatori sanitari, ai dipendenti delle farmacie, etc. perché non sono dipendenti dei produttori di vaccini.
In altre parole, la protezione dell’immunità non è estesa a chi non lavora per Astra-Zeneca, Pfizer o Moderna.
La mancanza di consenso informato sussiste quando il destinatario del vaccino non è stato informato dei rischi per la salute e la vita e non ha acconsentito a ricevere il vaccino nonostante gli sia stato detto di tali rischi. Nel caso del vaccino COVID, i rischi che avrebbero dovuto essere comunicati alla persona prima di ricevere il vaccino oltre a quelli già menzionati sono:

1. Lesioni note e morti da prioni di RNA messaggero, che nel caso dei bovini provocano la “malattia della mucca pazza” e, nel caso degli esseri umani, provocano la manifestazione di disfunzione cerebrale e isteria;
2. Lesione nota e morte per shock anafilattico risultante dall’infusione di RNA messaggero attraverso il vaccino;
3. Lesioni note e morte per paralisi tossica ai polmoni, al cuore e al cervello risultanti dall’infusione di RNA messaggero attraverso il vaccino;
4. Lesione nota e morte per coagulazione del sangue risultante dall’infusione di RNA Messaggero attraverso il vaccino; e:
5. Lesioni note e morte per tossiemia derivanti da complicazioni di infertilità derivanti dall’infusione di RNA Messaggero attraverso il vaccino.

Il consenso informato deve contenere un riconoscimento firmato dalla persona prima che avvenga la vaccinazione, che accetta di essere vaccinata nonostante i rischi presentati dall’inoculatore del vaccino (somministrazione del vaccino).
La mancanza di consenso informato è una violazione.

(Cort. Cost. n. 438/08), gli Ermellini hanno ribadito che “la manifestazione del consenso del paziente alla prestazione sanitaria, costituisce esercizio di un autonomo diritto soggettivo all’autodeterminazione proprio della persona fisica

Ogni individuo ha il diritto di ricevere le opportune informazioni in ordine alla natura e ai possibili sviluppi del percorso terapeutico cui può essere sottoposto, nonchè delle eventuali terapie alternative; informazioni che devono essere le più esaurienti possibili, proprio al fine di garantire la libera e consapevole scelta da parte del paziente e, quindi, la sua stessa libertà personale, conformemente all’art. 32 Cost., comma 2.

Ne consegue l’obbligo del medico “di fornire informazioni dettagliate, in quanto adempimento strettamente strumentale a rendere consapevole il paziente della natura dell’intervento medico e/o chirurgico, della sua portata ed estensione, dei suoi rischi, dei risultati conseguibili e delle possibili conseguenze negative

I danni da violazione del consenso informato

Pertanto, la violazione da parte del medico del dovere di informare il paziente, può causare due diversi tipi di danni:

a) un danno alla salute, “quando sia ragionevole ritenere che il paziente – sul quale grava il relativo onere probatorio – se correttamente informato, avrebbe rifiutato di sottoporsi all’intervento (onde non subirne le conseguenze invalidanti)”;

b) un danno da lesione del diritto all’autodeterminazione ogni volta che “a causa del deficit informativo, il paziente abbia subito un pregiudizio, patrimoniale oppure non patrimoniale (ed, in tale ultimo caso, di apprezzabile gravità), diverso dalla lesione del diritto alla salute

Perimetrata la questione nei suddetti termini, la Corte passa in rassegna tutte le ipotesi conseguenti ad una omessa od insufficiente informazione:

1) omessa/insufficiente informazione in relazione ad un intervento che ha cagionato un danno alla salute a causa della condotta colposa del medico, a cui il paziente avrebbe in ogni caso scelto di sottoporsi, nelle medesime condizioni, “hic et nunc”. In tal caso, il risarcimento sarà limitato al solo danno alla salute subito dal paziente, nella sua duplice componente, morale e relazionale;

2) omessa/insufficiente informazione in relazione ad un intervento che ha cagionato un danno alla salute a causa della condotta colposa del medico, a cui il paziente avrebbe scelto di non sottoporsi. In tal caso, il risarcimento avrà ad oggetto il diritto alla salute e quello all’autodeterminazione del paziente;

3) omessa informazione in relazione ad un intervento che ha cagionato un danno alla salute (inteso anche nel senso di un aggravamento delle condizioni preesistenti) a causa della condotta non colposa del medico, a cui il paziente avrebbe scelto di non sottoporsi. In tal caso il risarcimento sarà liquidato in via equitativa con riferimento alla violazione del diritto alla autodeterminazione, mentre la lesione della salute – da considerarsi comunque in relazione causale con la condotta, poichè, in presenza di adeguata informazione, l’intervento non sarebbe stato eseguito – andrà valutata in relazione alla eventuale situazione “differenziale” tra il maggiore danno biologico conseguente all’intervento ed il preesistente stato patologico invalidante del soggetto;

4) omessa informazione in relazione ad un intervento che non abbia cagionato danno alla salute del paziente, cui egli avrebbe comunque scelto di sottoporsi. In tal caso, nessun risarcimento sarà dovuto;

5) Omissione/inadeguatezza diagnostica che non abbia cagionato danno alla salute del paziente, ma che gli ha tuttavia impedito di accedere a più accurati ed attendibili accertamenti. In tal caso, il danno da lesione del diritto alla autodeterminazione sarà risarcibile qualora il paziente alleghi che, dalla omessa, inadeguata o insufficiente informazione, gli siano comunque derivate conseguenze dannose, di natura non patrimoniale, in termini di sofferenza soggettiva e contrazione della libertà di disporre di se stesso, psichicamente e fisicamente.

Per il risarcimento dei summenzionati pregiudizi, il paziente dovrà dimostrare la relazione tra evento lesivo del diritto alla autodeterminazione – perfezionatosi con la condotta omissiva violativa dell’obbligo informativo preventivo – e conseguenze pregiudizievoli che da quello derivano secondo un nesso eziologico inteso come causalità giuridica ex art. 1223 c.c.

Se una persona che somministra il vaccino non riesce a ottenere un consenso informato firmato al momento dell’inoculazione, non ha immunità e può essere citato in giudizio per vari crimini e illeciti, tra cui indifferenza deliberata e negligenza intenzionale e tentato omicidio.

L’inoculatore del vaccino è responsabile e può perdere tutti i suoi beni, compresa la casa, le automobili, le partecipazioni e i beni personali.
È mia modesta opinione che una volta che tale responsabilità è stata resa nota da e attraverso la presentazione della prima di una serie di azioni legali collettive, gli inoculatori di vaccini ci penseranno due volte prima di somministrare ulteriori vaccini.
Sebbene i produttori di vaccini abbiano l’immunità, gli inoculatori del vaccino possono facilmente chiedere un risarcimento / sollievo compensativo remunerativo citando ulteriormente i propri datori di lavoro (ospedali, farmacie, ecc.), Il che alla fine creerà una catena ascendente di responsabilità che non è coperta dall’immunità dei produttori di vaccini .

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito.

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!