Quantcast
Database Italia

Rickards: l’argento potrebbe esplodere in poche settimane

Scritto da James Rickards tramite il blog The Daily Reckoning,

Hai una torcia elettrica, batterie di ricambio e del nastro adesivo nascosto per le emergenze domestiche come interruzioni di corrente o temporali? Certo che le hai. Che ne dici di 100 once di monete d’argento? In caso contrario, dovresti.


In un guasto sociale o infrastrutturale estremo, in cui banche, bancomat e scanner dei negozi sono offline, le monete d’argento potrebbero essere l’unico modo per acquistare generi alimentari per la tua famiglia. Questo è uno dei tanti motivi per cui le  vendite di monete d’argento e lingotti sono destinate a salire alle stelle.
Le imminenti elezioni e le sue conseguenze potrebbero testimoniare disordini sociali che renderebbero il caos di questa estate decisamente mansueto. Potremmo anche non conoscere i vincitori per diverse settimane dopo le elezioni. Le cose potrebbero diventare molto brutte.

Se ciò accade, appariranno carenze e il prezzo dell’argento potrebbe salire a $ 60 per oncia o più dai livelli attuali di circa $ 25 per oncia.

L’argento è più pratico dell’oro
Come sapete, scrivo e parlo spesso sul ruolo dell’oro nel sistema monetario. Tuttavia, discuto raramente dell’argento. Alcuni presumono che non mi piaccia l’argento come risorsa preziosa per il tuo portafoglio. Non è vero.

In effetti, in una crisi estrema, l’argento può essere più pratico dell’oro come mezzo di scambio. Una moneta d’oro è troppo preziosa per essere scambiata con un paniere di generi alimentari, ma una o due monete d’argento sono giuste.

Ecco una fotografia all’interno di un caveau altamente sicuro in Svizzera. Sono raffigurato con un pallet di lingotti d’argento con una purezza del 99,99%. I lingotti pesano 1.000 once ciascuno, circa 62 libbre. La carta marrone appesa alle pareti dietro di me serve a nascondere alcune caratteristiche di sicurezza nel caveau che gli operatori del caveau non volevano rivelare. Potresti notare il piccolo lingotto d’oro da 1 chilo sulla mia mano sinistra, del valore di circa $ 45.000.
L’argento è più difficile da analizzare dell’oro perché l’oro non ha quasi nessun utilizzo se non come denaro. (L’oro è ampiamente utilizzato in gioielleria, ma considero i gioielli in oro una risorsa preziosa, quella che chiamo “ricchezza indossabile”.)

L’argento, d’altra parte, ha molte applicazioni industriali. L’argento è sia una vera merce che una forma di denaro.
Ciò significa che il prezzo dell’argento può aumentare o diminuire in base all’utilizzo industriale e al ciclo economico, indipendentemente da fattori monetari come inflazione, deflazione e tassi di interesse.
Tuttavia, l’argento è una forma di denaro (insieme a oro, dollari, bitcoin ed euro) e lo è sempre stato.

“Il denaro di una volta e del futuro”
La mia aspettativa è che man mano che i risparmiatori e gli investitori perdono fiducia nella moneta della banca centrale, si rivolgeranno sempre più al denaro fisico (oro e argento) e al denaro digitale non della banca centrale (bitcoin e altre criptovalute) come depositi di ricchezza e mezzo di scambio .
Questo è il motivo per cui chiamo l’argento “il denaro di una volta e del futuro”, perché il ruolo dell’argento come denaro nel futuro è semplicemente un ritorno al ruolo tradizionale dell’argento come denaro nel corso della storia.

In breve, l’argento è un metallo monetario tanto quanto l’oro e ha un pedigree altrettanto buono quando si tratta di conio. L’argento ha sostenuto le economie di imperi, regni e stati nazionali nel corso della storia.
Prima del Rinascimento, il denaro mondiale esisteva come monete o lingotti di metallo prezioso. Cesare e re accumulavano oro e argento, lo distribuivano alle loro truppe, combattevano per esso e se lo rubavano a vicenda.
La terra è stata un’altra forma di ricchezza sin dall’antichità. Tuttavia, la terra non è denaro perché, a differenza dell’oro e dell’argento, non può essere facilmente scambiata e non ha un grado uniforme.

La nascita della riserva frazionaria bancaria
Nel XIV secolo, i banchieri fiorentini (chiamati così perché lavoravano su una panchina o  banco  nelle piazze di Firenze e di altre città stato), accettavano depositi d’oro e d’argento in cambio di banconote che erano una promessa di restituire l’oro e l’argento su richiesta.
Le note erano una forma di scambio più conveniente del metallo fisico. Potevano essere trasportati su lunghe distanze e riscattati in oro e argento presso le filiali di una banca di famiglia fiorentina a Londra o Parigi.

Le banconote non erano passività non garantite, ma ricevute di magazzino su metalli preziosi.
I banchieri del Rinascimento si resero conto che potevano affidare i metalli preziosi in loro custodia per altri usi, compresi i prestiti ai principi. Ciò ha lasciato più banconote emesse rispetto al metallo fisico in custodia.
I banchieri facevano affidamento sul fatto che le banconote non sarebbero state riscattate tutte in una volta e avrebbero potuto recuperare l’oro e l’argento dai principi e da altri partiti in tempo per soddisfare i rimborsi.
Così è nato il “sistema bancario a riserva frazionaria” in cui il metallo fisico detenuto è una frazione delle promesse di carta fatte.

Il primo “QE”
Nonostante l’avvento delle banche, delle banconote e delle riserve frazionarie, l’oro e l’argento mantennero il loro ruolo fondamentale come moneta mondiale. Principi e mercanti tenevano ancora monete d’oro e d’argento nelle borsette e conservavano metalli preziosi nelle casseforti. Le promesse di lingotti e carta erano fianco a fianco. Tuttavia, il sistema era basato sui lingotti.

L’argento ha svolto un ruolo di primo piano in questo sistema. Se l’oro era la prima moneta mondiale, l’argento era la prima valuta mondiale.
La popolarità dell’argento come standard monetario era basata sulla domanda e sull’offerta. L’oro era sempre scarso, l’argento più facilmente disponibile. Carlo Magno ha inventato l’allentamento quantitativo, o “QE”, nel IX secolo sostituendo l’argento con la moneta d’oro per aumentare l’offerta di moneta nel suo impero. La Spagna ha fatto lo stesso nel XVI secolo.
Secondo lo US Coinage Act del 1792, sia le monete d’oro che quelle d’argento avevano corso legale negli Stati Uniti. Dal 1794 al 1935, la Zecca degli Stati Uniti emise “dollari d’argento” in vari modelli.
Questi erano ampiamente diffusi e usati come denaro dagli americani di tutti i giorni. Il dollaro americano era legalmente definito come un’oncia d’argento.
Il dollaro d’argento americano della fine del diciottesimo secolo era una copia del precedente Real de a ocho spagnolo coniato dall’impero spagnolo a partire dalla fine del sedicesimo secolo.

Il nome inglese per la moneta spagnola era il “pezzo da otto” (ocho è il mondo spagnolo per “otto”) perché la moneta poteva essere facilmente divisa in un ottavo di pezzi.
Fino al 2001 i prezzi delle azioni della Borsa di New York erano quotati in ottavi e sedicesimi sulla base della moneta d’argento originale spagnola e delle sue sezioni da un otto.

La svalutazione della moneta statunitense
L’argento ha la maggior parte delle attrazioni dell’oro. L’argento è di qualità uniforme, malleabile, relativamente scarso e piacevole alla vista. Dopo che gli Stati Uniti hanno reso il possesso d’oro un crimine nel 1933, le monete d’argento circolarono liberamente. Gli Stati Uniti hanno coniato monete d’argento al 90% fino al 1964. La svalutazione è iniziata nel 1965.

A seconda della moneta particolare – da dieci, quarti o mezzo dollaro – la percentuale di argento è scesa dal 90% al 40% e alla fine a zero all’inizio degli anni ’70. Da allora, le monete statunitensi in circolazione contengono rame e nichel.
Dall’antichità fino alla metà del ventesimo secolo, i cittadini anche di modeste risorse potevano avere monete d’oro o d’argento. Oggi non circolano monete d’oro o d’argento. Le monete che esistono sono lingotti, tenute nascoste.

L’argento vince, non importa chi vince le elezioni
L’argento ha avuto un anno molto buono, il che non dovrebbe sorprenderti poiché l’oro ha avuto un anno molto buono ei due metalli generalmente (ma non sempre) si seguono l’un l’altro. L’argento si è leggermente ritirato dal suo massimo di agosto di oltre $ 28 per oncia il 13 luglio. Ma oggi resiste ancora intorno ai $ 25.

Indipendentemente dal partito che vincerà le elezioni presidenziali statunitensi a novembre, gli Stati Uniti sono destinati a maggiori stimoli fiscali nel 2021 e molta spesa pubblica. Se Joe Biden vince, i Democratici spingono per l’assistenza sanitaria gratuita per tutti, l’assistenza sanitaria gratuita per gli immigrati illegali e il Green New Deal.
Se il presidente Trump vince, vedrai anche molte più spese. Una cosa che Trump ha dimostrato durante il suo mandato è che non è un conservatore fiscale.
Quindi, in ogni caso, stiamo guardando a più spese, deficit maggiori, più stampa di denaro e, alla fine, più inflazione.
L’anticipazione del mercato di questo risultato, a partire dai primi di novembre, sarà un potente vento favorevole per l’argento.

Gli investitori dovrebbero prepararsi ora, prima del picco.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Continua a seguirci sui nostri social per restare sempre aggiornato!