Deep StateEditorialiIntel

Rimuovere Trump. Svelato il tentativo di Colpo di Stato negli USA. In Italia il silenzio assordante dei Media

Il presidente Trump ha annunciato di aver autorizzato la declassificazione di tutti i documenti relativi sia all’indagine Trump-Russia, sia alle email appartenenti al candidato presidenziale sconfitto ed ex segretario di Stato Hillary Clinton. Ciò include tutti i documenti relativi allo scandalo Russia Collusion..

Questa notizia insieme a quello che sto per raccontarvi dovrebbe essere, per un paese normale, una notizia straordinaria. I TG nazionali e i giornali Italiani dovrebbero interrompere i programmi del palinsesto per darla, invece a parte qualche raro caso, non se ne trova traccia. Eppure stiamo parlando di un tentativo di Colpo di Stato avvenuto in una nazione, gli Stati Uniti, dalla quale direttamente o indirettamente dipende molto del nostro futuro, oltre che del nostro presente. Stiamo parlando di una Nazione che ci ha coinvolto in guerre, che influenza la nostra economia oltre che la geopolitica mondiale.

Questo assordante silenzio dei Media italiani del Mainstream è la prova che quello stesso potere globalista di cui si parla è arrivato a corrompere e impregnare le radici della stampa e della politica italiana. Ci saranno legami tra questo silenzio, le delghe ai Servizi che Conte ha tenuto per sè e il Russia Gate? In questo scandalo quanto sono coinvolti i vertici Italiani? Pare, come abbiamo scritto in passato, che tutte le strade portino, come sempre, a Roma. Ma per ora, limitiamoci ai fatti.

In un tweet martedì sera Trump ha detto: “Ho autorizzato completamente la declassificazione totale di tutti i documenti relativi al più grande CRIMINE politico nella storia americana, la bufala russa. Allo stesso modo, lo scandalo e-mail di Hillary Clinton. “  

L’annuncio di Trump è arrivato poche ore dopo che il direttore dell’intelligence nazionale (DNI) John Ratcliffe aveva declassificato e rilasciato documenti aggiuntivi da quelli che aveva precedentemente rilasciato nelle ultime settimane.

Il capo dell’intelligence di Trump ha scritto in una lettera di una pagina ai leader repubblicani e democratici dei comitati di intelligence della Camera e del Senato: “Sotto la direzione del Presidente degli Stati Uniti, ho declassificato i documenti allegati. Questi documenti rispondono alle continue richieste di controllo e indagine del Congresso “. 

I documenti recentemente rilasciati dal DNI erano note personali scritte a mano dall’ex direttore della CIA John Brennan quando ha informato segretamente l’ex presidente Barack Obama il 28 luglio 2016.  Quelle note contenevano e parlavano del presunto piano di Hillary Clinton, il candidato presidenziale democratico del 2016 , per legare il candidato Donald Trump alla Russia.  Lo scopo e la ragione di questo piano era utilizzarlo come mezzo per distrarre il pubblico americano rispetto alle notizie sull’uso del suo ormai famoso server di posta elettronica privato. Su quel server privato e sulla rete di computer era contenuta un’abbondanza di informazioni di intelligence classificate statunitensi, inclusi i programmi di accesso speciale (SAP) top secret statunitensi.

La rivelazione delle note personali private di Brennan convalida e conferma il fatto che era in corso un vero e proprio colpo di stato contro Donald Trump. La rivelazione conferma e mostra ulteriormente come è ormai noto che Hillary Clinton in realtà ha covato il piano per distogliere l’attenzione dal suo uso di un server di posta elettronica privato legando falsamente l’allora candidato Donald Trump alla Russia.

La chiave del fatto che ora possiamo confermare è che l’ex direttore della CIA John Brennan ha informato il presidente Obama su quel complotto. Rivela anche ed è imperativo che il popolo americano ora apprenderà che anche quello che era l’allora vicepresidente, Joe Biden, sapeva di questa cospirazione.

Ricorda anche che è stato Biden a suggerire di usare il Logan Act contro il generale Mike Flynn. Quella sarà un’altra storia legata alla bufala che verrà ulteriormente chiarita e confermata. 

Detto questo, ora, le domande che devono essere poste a Joe Biden sono le seguenti. Cosa sapeva Biden del piano di Clinton di utilizzare la bufala della collusione russa per cercare di diffamare l’avversario politico Donald Trump? Biden ha sostenuto il piano? Ha espresso dubbi al riguardo o è rimasto in silenzio? A tal fine, Biden DEVE ora dare un resoconto completo della sua conoscenza e di TUTTE le sue conversazioni sullo schema di Clinton, che era noto ai più alti livelli di Obama e della sua amministrazione.

Inoltre, e anche questo è fondamentale, Ratcliffe in una dichiarazione ai media, ha affermato che i documenti declassificati sono stati trasmessi martedì pomeriggio anche ai comitati di intelligence della Camera e del Senato. Questi documenti spiegano che gli appunti scritti a mano di Brennan sono stati presi dopo aver informato Obama sulla questione riguardante il complotto di Hillary Clinton contro Donald Trump.  Sappiamo già che il rappresentante del presidente della commissione per i servizi segreti della Camera Adam Schiff è infuriato per l’ordine di declassificazione completo del presidente.

Inoltre, la declassificazione iniziale dei documenti sta fornendo all’amministrazione Trump una maggiore preziosa visione aggiuntiva sulle attività russe grazie alle informazioni di intelligence raccolte dalle note del direttore Brennan. In effetti, per riassumere, l’intelligence declassificata negli scritti di Brennan, il “piano” che si presume sarebbe stato approvato da Hillary Clinton era una proposta di uno dei suoi consiglieri di politica estera per diffamare Donald Trump suscitando uno scandalo che rivendicava l’interferenza del servizio di sicurezza russo.

La conferma mostra che Clinton aveva pianificato nel luglio 2016 di legare l’allora candidato Trump all’hacking russo del Comitato nazionale democratico per distrarre dal suo uso di un server di posta elettronica privato, nonché un rinvio del controspionaggio della CIA del settembre 2016 sulle accuse all’ex direttore dell’FBI James Comey e il vicedirettore per le operazioni di controspionaggio Peter Strzok, afferma il rapporto.

Per quanto riguarda il direttore Brennan, ha risposto alla mossa di declassificazione di Ratcliffe sulla CNN martedì notte, dicendo: “È spaventoso, la declassificazione selettiva delle informazioni è chiaramente progettata per promuovere gli interessi politici di Donald Trump e dei repubblicani che sono allineati con lui. “

Inoltre, il vicepresidente del Comitato per i servizi di intelligence del Senato democratico Mark Warner ha dichiarato la scorsa settimana che “è molto preoccupante per me che 35 giorni prima delle elezioni, un direttore dell’intelligence nazionale rilasci informazioni russe non verificate.

Va anche sottolineato che Ratcliffe la scorsa settimana ha osservato che “questa non è disinformazione russa e non è stata valutata come tale dalla comunità dell’intelligence”. Martedì non è stata la prima volta che il presidente Trump ha twittato sulle declassificazioni. Il 6 settembre 2018, Trump ha twittato che avrebbe potuto eseguire la “Declassificazione per trovare ulteriori danni”.  Quindi, quella promessa si è effettivamente concretizzata martedì sera.

Un giudice federale nel maggio 2019 affermò che i “tweet” di Trump non costituivano ordini di declassificazione formale. Dopodiché, Trump conferì al procuratore generale William Barr “piena e completa autorità per declassificare le informazioni” relative alla sua indagine Trump-Russia, e Barr scelse il procuratore degli Stati Uniti John Durham per guidare questa inchiesta ancora in corso e ad ampio raggio. Da allora il presidente ha fornito piena autorità formale di declassificazione le informazioni sia al DNI in carica Rick Grenell che ora al DNI John Ratcliffe.

Oltre a quanto verrà ulteriormente svelato sul coinvolgimento di Brennan, Comey, Hillary e Biden, c’è dell’altro che verrà chiarito. Un aspetto di fondamentale importanza della bufala della Russia Collusion è che legherà insieme il coinvolgimento straniero legato all’amministrazione Obama. L’ispettore generale del Dipartimento di Giustizia Michael Horowitz aveva detto che le interviste dell’FBI con la principale fonte secondaria dell’ex spia britannica Christopher Steele, l’avvocato Igor Danchenko, con sede negli Stati Uniti e di formazione russa, “hanno sollevato importanti questioni circa l’affidabilità dei rapporti elettorali di Steele” e hanno messo in dubbio alcuni delle sue maggiori affermazioni.

A questo punto, in attesa di leggere ulteriori rivelazioni, possiamo già ipotizzare una serie di take away sulla base di quanto già sapevamo e che ora è confermato. Certamente, per quanto riguarda Hillary Clinton, questo ora conferma che questo tipo di comportamento è SOP (procedura operativa standard) per Hillary. Quindi, mette in evidenza che ha una propensione per questo tipo di bugie e distrazioni … proprio come la storia stravagante sul video falso che ha portato a Bengasi.

L’ordine e l’autorizzazione del presidente Trump in realtà depoliticizzano le accuse che Barr e Durham stanno preparando.

Ma perché? Perché rivela pienamente intenzioni criminali deliberate da parte dell’alta dirigenza dell’amministrazione Obama. Confermerà e convaliderà i loro atti e attività criminali (abuso FISA, spionaggio, falsificazione di documenti, collusione e corroborazione tra dipartimenti e agenzie federali) contro un presidente eletto e in carica.

Rivelerà chi sapeva, quando lo sapevano, chi è complice, chi ha fatto cosa, quando, dove e come e chi ha mentito. Certamente, scopriremo che tutto ciò era legato all’amministrazione Obama e al chi, cosa, dove, quando e quanto ne sapevano Obama e Biden.

Infine, praticamente rivela e conferma che si trattava in realtà di una “cospirazione criminale” … per rimuovere il presidente Trump dall’incarico, un colpo di stato e un crimine chiamato TRADIMENTO!

A tal fine, diventerà ora un record pubblico, davanti e al centro, agli occhi degli americani disposti a leggerlo come un dato di fatto. Non ci saranno più dubbi o speculazioni. Sospetto che il presidente Trump sapesse da sempre di avere questa opzione. Ha mantenuto la sua polvere asciutta fino a quando non è stato strategicamente necessario dare l’ordine e l’autorizzazione nell’undicesima ora.

Davide Donateo

Sono il fondatore e direttore (editor se preferite) di Database Italia. Il mio indirizzo e-mail è: [email protected]

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!