Home Economia Riserve petrolifere statunitensi in esaurimento – Bloomberg

Riserve petrolifere statunitensi in esaurimento – Bloomberg

0

Si prevede che le scorte diminuiranno al minimo di 40 anni entro ottobre

Washington ha venduto attivamente dalla sua Strategic Petroleum Reserve (SPR) nell’ultimo anno per impedire che i prezzi dell’energia aumentassero ulteriormente, ha riferito Bloomberg venerdì, osservando che il governo non può continuare a sfruttare le riserve per sempre.

Secondo il rapporto, nell’ultimo anno sono stati immessi sul mercato quasi 115 milioni di barili. Quelle vendite sono salite a un livello record di quasi un milione di barili al giorno da metà maggio. Al ritmo attuale, gli Stati Uniti stanno vendendo più barili dalla loro riserva rispetto alla produzione della maggior parte dei paesi OPEC di medie dimensioni, come l’Algeria o l’Angola.

L’SPR contiene due tipi di greggio: medio-acido, che è la qualità del greggio pompato dalla Russia, dalla maggior parte dei paesi del Medio Oriente e dal Venezuela, nonché greggio agrodolce.

L’analisi di Bloomberg dei dati ufficiali ha mostrato che l’85% del petrolio venduto dall’SPR nell’ultimo anno è stato medio-acido. Quelle vendite hanno ridotto “drasticamente” la quantità di greggio all’interno della riserva.

Se Washington si attiene al ritmo attuale, le riserve si ridurranno al minimo di 40 anni di 358 milioni di barili entro la fine di ottobre, quando i rilasci dovrebbero interrompersi. Un anno fa, l’SPR, situato in quattro cave in Texas e Louisiana, conteneva 621 milioni di barili.

“Come appare oggi il mercato petrolifero, è difficile vedere come Washington possa fermare le vendite in ottobre. La rimozione di tale fornitura aggiuntiva significherebbe un rapido esaurimento delle scorte commerciali, esercitando una pressione al rialzo sui prezzi del petrolio”, afferma il rapporto.

Secondo le stime di OilX, citate da Bloomberg, entro fine ottobre l’SPR conterrà solo 179 milioni di barili di greggio medio acido. Ciò significa che nel periodo da giugno 2021 a ottobre 2022, è probabile che gli Stati Uniti vendano circa 180-190 milioni di barili di greggio acido dalle proprie riserve.

Clicca Qui
Previous articleCOME POTREBBE UNA GUERRA CON IRAN, VENEZUELA, CINA E RUSSIA GIOVARE AGLI AMERICANI?
Next articleLa distopia unipolare di Yuval Harari e la grande partnership eurasiatica: due paradigmi tecnologici si scontrano
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.