Quantcast
Database Italia

RIUSCIREMO MAI A VEDERE UN LEADER ISRAELIANO PROCESSATO PER CRIMINI DI GUERRA? GLI EVENTI DI QUESTA SETTIMANA POTREBBERO SEGNARE UNA SVOLTA




La decisione della Corte penale internazionale di lanciare un’indagine sui crimini di guerra sulle azioni israeliane e palestinesi nei territori occupati è un gradito spostamento verso la responsabilità – da qui la profonda rabbia degli Stati Uniti e di Tel Aviv.
La decisione del procuratore capo della Corte penale internazionale (ICC) Fatou Bensouda di lanciare un’indagine formale sui crimini di guerra denunciati nei Territori occupati palestinesi è un cambiamento significativo verso il ritenere pubblicamente Israele responsabile delle sue azioni.

La mossa, a sole tre settimane dalle elezioni israeliane, potrebbe non finire in condanne né da parte palestinese né da parte israeliana – e potrebbe tuttavia essere ostacolata dalla forte opposizione degli Stati Uniti , che afferma che la Corte penale internazionale non ha giurisdizione sui territori. Tuttavia, a prescindere dal fatto che personaggi di spicco finiscano sul banco degli imputati, l’indagine potrebbe invece arrivare a condanne davanti al tribunale dell’opinione pubblica.

Sebbene sia l’Autorità Palestinese che Hamas siano anch’esse indagate per possibili crimini di guerra commessi in Cisgiordania e Gaza, la loro reazione è in netto contrasto con la condanna israeliano-statunitense. I principali esponenti israeliani, compreso il premier Benjamin Netanyahu, hanno etichettato la Corte penale internazionale come “antisemita” e, a quanto pare, hanno chiesto all’amministrazione Biden di mantenere le sue sanzioni contro i funzionari della Corte penale internazionale.

Il motivo per cui i palestinesi non se la prendono con l’indagine sui crimini di guerra è duplice. In primo luogo, i palestinesi – sia l’Autorità Palestinese (AP) che Hamas – capiscono che la decisione della Corte penale internazionale è la loro unica possibilità di responsabilità e che rappresenta una vittoria simbolica per la causa palestinese sulla scena internazionale, puntando i riflettori sull’aggressione e l’espansione israeliana. 

In secondo luogo, non c’è motivo per cui Hamas o l’Autorità Palestinese temano l’ira della comunità internazionale se alla fine vengono accusati. Hamas, che è un’organizzazione terroristica registrata nella maggior parte dei paesi occidentali ed è più probabile che debba affrontare accuse rispetto all’Autorità Palestinese, è già sotto alcune delle sanzioni più dure al mondo, vive sotto un blocco illegale e ha visto assassinare la maggior parte della sua leadership in prima linea. da Israele.

È probabile che l’obiettivo principale delle indagini della Corte penale internazionale siano quei crimini di guerra presumibilmente commessi durante la guerra israeliana del 2014 a Gaza, uno dei conflitti più mortali tra le due parti da decenni. Circa 2.100 palestinesi – compresi i civili – sono morti durante 50 giorni di combattimenti, mentre da parte israeliana sono stati uccisi 67 soldati e cinque civili. 

Se queste sono le questioni prioritarie della corte, è probabile che Hamas finisca nel mirino solo per potenziali crimini commessi durante il 2014, mentre l’entità delle morti e della distruzione inflitta dalla parte israeliana è di gran lunga maggiore. 

La Corte penale internazionale accuserà gli israeliani di crimini di guerra?

La questione se funzionari, politici e soldati israeliani saranno accusati di crimini di guerra non è stata ancora risolta. Sebbene la decisione della camera istruttoria della Corte penale internazionale, a febbraio, abbia stabilito che la corte aveva giurisdizione sui territori occupati, ha anche lasciato la porta aperta a Israele per eludere la corte, usando gli accordi di Oslo del 1993 come scappatoia. 

Nella dichiarazione del procuratore capo , riguardo alla decisione della corte sulla sua giurisdizione sulla Cisgiordania, Gerusalemme est e Gaza, ha affermato, sulla rilevanza degli Accordi, che “tali questioni e altre ulteriori questioni sulla giurisdizione possono essere esaminate quando e se il pubblico ministero presenterà una domanda per l’emissione di un mandato d’arresto o di citazione a comparire “.

Gli Accordi – che garantivano la giurisdizione di Israele nei territori occupati – tecnicamente scadevano nel 1999. Tuttavia, hanno continuato ad essere attuati dall’Autorità Palestinese. Nonostante abbia presentato le sue argomentazioni per la presa della giurisdizione della CPI sui territori occupati, l’Autorità Palestinese dà credito all’affermazione di Israele secondo cui gli Accordi conferiscono loro [Israele] giurisdizione legale sui territori.

Israele, non essendo firmatario dello Statuto di Roma su cui si basa la Corte penale internazionale, ha già dichiarato la sua intenzione di proteggere dal tribunale eventuali criminali di guerra potenzialmente accusati. Ha ancora la capacità di sostenere che gli Accordi, firmati dall’OLP – che in seguito divenne l’Autorità Palestinese – sono ancora vivi e che può essa stessa gestire l’azione penale e mantenere la giurisdizione legale. 

Un esempio della debolezza della Corte penale internazionale in queste circostanze è la sua decisione di abbandonare la sua indagine sui crimini di guerra britannici in Iraq, sulla base del fatto che il Regno Unito sostiene di avere il diritto legale di perseguire, ignorando la Corte penale internazionale. Il tribunale opera in base al principio di “complementarità”, il che significa che subentra solo quando conclude che lo Stato in questione non sta conducendo azioni penali in buona fede contro gli accusati di crimini di guerra. Ciò rappresenta spesso un enorme problema quando si tratta di trattare con paesi che mantengono sistemi legali sofisticati.

Israele diventa uno stato paria tradizionale?

Sebbene ci siano molti ostacoli sulla via della Corte penale internazionale per condannare gli israeliani per crimini di guerra – e l’indagine, se continuerà, potrebbe richiedere anni – la decisione è più di una dannosa debacle delle pubbliche relazioni per Israele. 

Poche ore dopo l’annuncio, il quotidiano Haaretz ha riferito dei piani israeliani per informare centinaia di alti funzionari della sicurezza, passati e presenti, sul rischio della loro esposizione a procedimenti giudiziari. Potrebbero essere avvertiti di non recarsi all’estero una volta avviata l’indagine per timore di essere arrestati.

Nel frattempo, con le elezioni incombenti, i politici israeliani si scagliano con forza contro gli sviluppi della Corte penale internazionale per cercare di aumentare la loro popolarità tra gli elettori, definendolo un insulto e, ancora una volta, un caso di Israele contro il mondo. 

Gli oppositori di Israele e delle sue politiche hanno salutato la decisione della CPI come storica, attesa da tempo e una “svolta epocale”, che non solo rafforzerà il movimento Boycott Disinvestment Sanctions (BDS), ma porrà fine a decenni di non responsabilità per “crimini contro l’umanità”. . “

B’Tselem, uno dei principali osservatori israeliani dei diritti umani che ha etichettato il paese come un “regime di apartheid”, lo ha definito un “passo necessario, dopo decenni in cui Israele ha commesso e continua a commettere crimini impunemente”. 

Matthew Cannock, capo del Centro per la giustizia internazionale di Amnesty International, ha commentato: “L’indagine della Corte penale internazionale offre la prima vera prospettiva per migliaia di vittime di crimini ai sensi del diritto internazionale per ottenere l’accesso atteso da tempo alla giustizia, alla verità e alle riparazioni.

“È anche un’opportunità storica per porre finalmente fine alla pervasiva impunità che ha portato a gravi violazioni nei territori palestinesi occupati per più di mezzo secolo”.

Resta da vedere se l’opposizione di Washington e Tel Aviv / Gerusalemme troverà in qualche modo un modo per rendere questa decisione della CPI nient’altro che un atto d’accusa simbolico – o se effettivamente avrà i denti e si tradurrà in processi per crimini di guerra. Vedremo mai un ministro della difesa israeliano come Benny Gantz, o un primo ministro come Benjamin Netanyahu, sul banco degli imputati all’Aia?

Sembra ancora improbabile, ma gli eventi di questa settimana hanno avvicinato una tale possibilità e le reazioni ad essa in tutto il mondo stanno almeno cambiando il linguaggio comunemente accettabile su Israele – e non a suo vantaggio.

Di  Robert Inlakesh , analista politico, giornalista e regista di documentari attualmente residente a Londra, Regno Unito. Ha riferito e vissuto nei territori palestinesi occupati e attualmente lavora con Quds News e Press TV. Direttore di ‘ Steal of the Century : Trump’s Palestine-Israel Catastrophe’. Seguitelo su Twitter  @ falasteen47



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.