Database Italia

AGGIORNAMENTO. Rivelati Ingredienti dei vaccini CoV-19! Microscopia elettronica a scansione e trasmissione rivela PEG, ossido di grafene, acciaio inossidabile e anche un parassita


AGGIORNAMENTO

A distanza di 24 ore dal nostro articolo diverse testate hanno rivelato l’identità dell’autore dello studio ( o meglio l’attribuzione).
Autore : Robert O Young CPC, MSc, DSc, PhD, Naturopata
Qui lo studio
Il suo curriculum
Articoli peer-reviewed

Microscopia a contrasto di fase, microscopia elettronica a scansione e trasmissione e spettroscopia a raggi X a dispersione di energia

Un nuovo rapporto è stato appena pubblicato da The Scientists Club che raccoglie ricerche sui contenuti reali dei “vaccini” C19.

Questo articolo presenta alcuni punti salienti: per leggere il rapporto completo, scarica il PDF alla fine.

NB – In previsione delle numerose e-mail che riceverò in merito a The Scientists Club , sì, per ora stanno mantenendo la loro identità nascosta.

Capisco la frustrazione, ma bisogna capire la gravità della situazione complessiva.

Nella New York degli anni ’20, qualcuno spargeva prove incriminanti su Al Capone. Pensate che abbia dato il proprio nome, foto e indirizzo di casa a un giornale?
Oppure lo ha fatto mantenendo l’anonimato?

Le opzioni erano pubblicare senza nomi o trattenere il contenuto.

Astratto

Attualmente ci sono quattro importanti aziende farmaceutiche che producono un vaccino SARS-CoV-2 ora chiamato SARS-CoV-19. Questi produttori e il loro vaccino sono Pfizer–BioNTech mRNA Vaccine , il Moderna-Lonza mRNA-1273 Vaccine , il Serum Institute Oxford Astrazeneca Vaccine e il Janssen COVID -19 Vaccine , prodotto da Janssen Biotech Inc., una Janssen Pharmaceutical Company di Johnson & Johnson, un adenovirus di tipo 26 ricombinante e incompetente alla replicazione che esprime la proteina spike SARS-CoV-2.

Lo scopo previsto di questi vaccini è quello di fornire l’immunità dal cosiddetto nuovo coronavirus infettivo o virus SARS-CoV – 2 ora chiamato SARS-CoV – 19. Queste quattro aziende farmaceutiche non hanno fornito una divulgazione completa della FDA, nè inserito una scheda informativa o etichetta per molti degli ingredienti principali e/o secondari contenuti in questi cosiddetti vaccini. Lo scopo di questo articolo di ricerca è identificare quegli ingredienti specifici maggiori e minori contenuti nel vaccino Pfizer, nel vaccino Moderna, nel vaccino Astrazeneca e nel vaccino Janssen utilizzando vari test scientifici anatomici, fisiologici e funzionali per ogni vaccino SARS-COV-2-19. In quanto diritto umano, disciplinato dalla legge mondiale dal Codice di Norimberga del 1947, le informazioni sugli ingredienti specifici del vaccino sono fondamentali, richieste e necessarie da conoscere in modo che qualsiasi essere umano di qualsiasi paese del mondo possa prendere una decisione informata se acconsentire o meno all’inoculazione SAR-CoV-2-19. Abbiamo condotto i test scientifici su ciascun vaccino e abbiamo identificato diversi ingredienti o adiuvanti che non sono stati divulgati e che sono contenuti in questi quattro vaccini SARS-CoV – 2 -19. Attualmente, questi vaccini vengono somministrati a milioni di esseri umani in tutto il mondo in base a un’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) rilasciata da ciascun paese senza la completa divulgazione di tutti gli ingredienti e in alcuni casi su mandato dei governi o dei datori di lavoro in violazione dei diritti umani individuali ai sensi del regolamento di Norimberga. Codice del 1947.

Metodologia e tecniche

Quattro “vaccini” sono stati analizzati che sono la Pfizer-Biontech, Moderna- Lonza mRNA-1273 Vaccino ,Vaxzevria di Astrazeneca, Janssen di Johnson & Johnson, utilizzando diverse strumentazioni e protocolli di preparazione secondo nuovi approcci tecnologici al nanoparticolato. La diversa strumentazione comprende microscopia ottica, microscopia in campo chiaro, microscopia a contrasto di pHasi, microscopia in campo oscuro, spettroscopia di assorbenza UV e fluorescenza, microscopia elettronica a scansione, microscopia elettronica a trasmissione, spettroscopia a dispersione di energia, diffrattometro a raggi X, strumenti di risonanza magnetica nucleare. verificare le morfologie ei contenuti dei “vaccini”. Per le misure ad alta tecnologia e la cura dell’indagine sono stati attivati ​​tutti i controlli e adottate misure di riferimento al fine di ottenere risultati validati.

Contrasto di fase del sangue vivo e microscopia in campo oscuro

Successivamente sono state ottenute immagini delle frazioni acquose dei vaccini per valutare visivamente l’eventuale presenza di particelle di carbonio o grafene.

Le osservazioni al microscopio ottico hanno rivelato un’abbondanza di oggetti laminari 2D trasparenti che mostrano una grande somiglianza con le immagini della letteratura (Xu et al, 2019) e con le immagini ottenute dallo standard rGO (SIGMA) (Figure 1, 2 e 3).

Sono state ottenute immagini di grandi fogli trasparenti di dimensioni e forme variabili, che mostrano ondulati e piatti, irregolari. Fogli più piccoli di forme poligonali, anche simili ai fiocchi descritti in letteratura (Xu et al, 2019) possono essere rivelati con la microscopia pHase Contrast e Dark-Field (Figura 3).

Tutti questi oggetti laminari erano diffusi nella frazione acquosa del sangue (Figura 1) o campione di vaccino (Figure 2 e 3) e nessun componente descritto dal brevetto registrato può essere associato a questi fogli.

Nella Figura 1 puoi vedere che aspetto ha una bomba a grappolo di ossido di grafene ridotto (rGO) nel sangue umano vivo non colorato dopo un’inoculazione di CoV-19 che causa coagulazione del sangue patologica![1][2][55][56][57 ]

La figura 1 è una micrografia di un cluster di carbonio di ossido di grafene ridotto (rGO) osservato nel sangue umano vivo non colorato con microscopia a contrasto di pHasi a 1500x. Nota che i globuli rossi si stanno coagulando dentro e intorno al cristallo rGO in una condizione nota come Rouleau! Una parola francese che significa catena.

Quali sono gli ingredienti non divulgati contenuti nei vaccini CoV – 19 cosiddetti Pfizer, Moderna, Astrazeneca e Janssen?

Per rispondere a questa domanda, una frazione acquosa dei vaccini Pfizer, Moderna, Astrazeneca e Janssen è stata prelevata da ciascun vile e quindi osservata separatamente al microscopio a contrasto di fase a ingrandimenti da 100x, 600x fino a 1500x, mostrando evidenza anatomica di particelle ridotte di ossido di grafene (rGO) rispetto alle micrografie di rGO di Choucair et al, 2009 per l’identificazione e la verifica .[3]

Fasi dell’analisi delle frazioni acquose dei vaccini

I campioni refrigerati sono stati processati in condizioni sterili, utilizzando una camera a flusso laminare e articoli da laboratorio sterilizzati.

I passaggi per le analisi sono stati:

  • 1. Diluizione in soluzione fisiologica sterile 0,9% (0,45 ml + 1,2 ml)
  • 2. Frazionamento per polarità: 1,2 ml di esano + 120 ul di campione RD1
  • 3. Estrazione di pHasi acquosa idrofila
  • 4. Scansione spettroscopica di assorbimento UV e fluorescenza
  • 5. Estrazione e quantificazione dell’RNA nel campione
  • 6. Microscopia elettronica e ottica della pHasi acquosa

Il “vaccino” Pfizer Ingredienti non divulgati

Le micrografie nelle figure 2 e 3 sono state ottenute utilizzando la microscopia ottica a contrasto di pHasi 100X, 600X e 1500X, campo oscuro e campo chiaro.[3]

Sulla sinistra di ogni microfotografia verranno visualizzate le microfotografie ottenute dalla frazione acquosa del vaccino Pfizer contenente rGO.

Sulla destra di ogni microfotografia verrà visualizzata una corrispondenza da fonti note contenenti rGO per la convalida anatomica .

Le osservazioni sotto una microscopia pHase Contrast, Dark-Field, Bright-Field, trasmissione e scansione al microscopio elettronico del prodotto vaccinale di Pfizer, compresi i prodotti vaccinali di Moderna, Astrazeneca e Janssen, hanno rivelato alcune entità che possono essere strisce di grafene come mostrato di seguito nella Figura 3.

La Figura 2 mostra un’immagine della frazione acquosa dal campione di vaccino Pfizer (a sinistra) e dallo standard di ossido di grafene ridotto (rGO) (a destra) (Sigma-777684). Microscopia ottica, 100X

Figura 3 – Immagini di frazioni acquose contenenti ossido di grafene ridotto dal campione di vaccino Pfizer (a sinistra) e standard di ossido di grafene ridotto (rGO) sonicato (a destra) (Sigma-777684). Microscopia ottica a contrasto con pHasi, 600X. Inoltre, la Muestra RD1, Rapporto La Quinta Columna, 28 giugno 2021; rilevamento dell’ossido di grafene in sospensione acquosa; Delgado Martin, Campra Madrid conferma i nostri risultati. [4]

La Figura 4 mostra il capside liposomiale contenente rGO che Pfizer utilizza per il suo prodotto per veicolare l’ossido di grafene attaccando il capside liposomiale a specifiche molecole di mRNA per guidare il contenuto liposomiale di fGO a specifici organi, ghiandole e tessuti, vale a dire le ovaie e testicoli, ossa midollo, cuore e cervello. L’immagine è stata ottenuta da una preparazione SEM-Cryo.Per un’identificazione definitiva del grafene mediante TEM, è necessario completare l’osservazione con la caratterizzazione strutturale ottenendo un campione standard di diffrazione elettronica caratteristico (come la figura ‘b’ mostrata sotto).[4]

Il campione standard corrispondente alla grafite o al grafene ha una simmetria esagonale e generalmente ha diversi esagoni concentrici.

La figura 4b mostra il modello di diffrazione dei raggi X delle particelle di grafene. [4]

Utilizzando la microscopia elettronica a trasmissione (TEM) abbiamo osservato una matrice o una rete intricata di fogli rGO flessibili traslucidi piegati con una miscela di agglomerati multistrato più scuri e monostrati di colore più chiaro dispiegati come mostrato nella Figura 5. [3][4]

La Figura 5 mostra un cluster di nanoparticelle di grafene in un vaccino Pfizer. Sembrano aggregati.

Le aree lineari più scure nella Figura 5 sembrano essere sovrapposizione locale di fogli e disposizione locale di singoli fogli in parallelo al fascio di elettroni.[5]

Dopo la maglia, appare un’alta densità di forme chiare arrotondate ed ellittiche non identificate, possibilmente corrispondenti a fori generati dalla forzatura meccanica della maglia rGO durante il trattamento come mostrato in Figura 6 .[4][5]

La Figura 6 mostra un’osservazione al microscopio TEM in cui sono presenti particelle di ossido di grafene ridotto in un “vaccino” Pfizer. La diffrattometria a raggi X rivela la loro natura di nanoparticelle cristalline a base di carbonio di rGO. Questa prova è stata inizialmente trovata da Muestra RD1 e pubblicata nel Rapporto La Quinta Columna, 28 giugno 2021; rilevamento dell’ossido di grafene in sospensione acquosa; Delgado Martin, Campra Madrid. [4]

La spettroscopia a raggi X a dispersione di energia rivela l’rGO nel vaccino Pfizer[5][6][7]

La frazione liquida del vaccino Pfizer è stata quindi analizzata per il contenuto chimico ed elementare utilizzando la spettroscopia a raggi X a dispersione di energia ( EDS ) come mostrato in Figura 6 . Lo spettro EDS ha mostrato la presenza di Carbonio, Ossigeno verificando gli elementi rGO e Sodio e Cloruro poiché il campione mostrato nelle Figure 2, 3, 5 e 6 è stato diluito in una soluzione salina.

La Figura 7 mostra uno spettro EDS di un “vaccino” Pfizer sotto una microscopia ESEM accoppiato con una microsonda a raggi X EDS (asse X = KeV, asse Y = Conteggi) che identifica carbonio, ossigeno, sodio e cloruro

La quantificazione dell’mRNA nel vaccino Pfizer

La quantificazione dell’RNA nel campione Pfizer è stata effettuata con protocolli convenzionali (Fisher).

Secondo il software specifico per il controllo della calibrazione dello spettrofotometro NanoDropTM 2000 (Thermofisher), lo spettro di assorbimento UV della frazione acquosa totale è stato correlato a 747 ng/ul di sostanze assorbenti sconosciute.

Tuttavia, dopo l’estrazione dell’RNA con un kit commerciale (Thermofisher), la quantificazione con la sonda di fluorescenza Qbit specifica dell’RNA (Thermofisher) ha mostrato che solo 6t ug/ul potrebbero essere correlati alla presenza di RNA. Lo spettro era compatibile con il picco di rGO a 270 nm.

Secondo le immagini microscopiche qui presentate, la maggior parte di questa assorbanza potrebbe essere dovuta a fogli simili al grafene, abbondanti nella sospensione dei fluidi nel campione.

Le conclusioni sono ulteriormente supportate dall’elevata fluorescenza del campione con massimo a 340 nm, in accordo con i valori di picco per rGO. Va ricordato che l’RNA non mostra fluorescenza spontanea sotto l’esposizione ai raggi UV.

Figura 8 – Spettro UV della frazione acquosa del campione di vaccino Pfizer.[1][2][3][5][6]

Test di fluorescenza ultravioletta della frazione acquosa Pfizer per l’ossido di grafene ridotto (rGO)[6]

Gli spettri di assorbimento e fluorescenza ultravioletti sono stati ottenuti con lo spettrofotometro Cytation 5 Cell Imaging Multi-Mode Reader (BioteK). Lo spettro di assorbanza UV ha confermato un picco massimo a 270 nm, compatibile con la presenza di particolato rGO.

Il massimo della fluorescenza UV a 340 nm suggerisce anche la presenza di quantità significative di rGO nel campione (Bano et al, 2019).

Figura 9 – Gli spettri di assorbimento UV e fluorescenza sono stati ottenuti con lo spettrofotometro Cytation 5 Cell Imaging Multi-Mode Reader (BioteK). Lo spettro di assorbanza UV ha confermato un picco massimo a 270 nm, compatibile con la presenza di rGO. Il massimo della fluorescenza UV a 340 nm suggerisce anche la presenza di quantità significative di rGO nel campione (Bano et al, 2019).

Figura 10 – L’analisi spettroscopica UV ha mostrato un adsorbimento dovuto alla presenza di ossido di grafene ridotto, confermato dall’osservazione al microscopio visibile nell’ultravioletto.

Le figure 11 e 12 di seguito mostrano una micrografia di diversi micro e nano particolati che sono stati identificati nei cosiddetti “vaccini” di Pfizer, Moderna, Astrazeneca e Janssen e analizzati al microscopio elettronico a scansione ambientale (SEM) accoppiato con un x- microsonda a raggi di un sistema a dispersione di energia (EDS) che rivela la dimensione dell’articolo, la distribuzione della composizione e la natura chimica dei micro e nano particolati osservati sotto osservazione.[6][7][8]

La Figura 11 mostra detriti taglienti di micron 20 um di lunghezza identificati nel cosiddetto “vaccino” Pfizer contenente carbonio, ossigeno, cromo, zolfo, alluminio, cloruro, azoto.

La Figura 12 mostra un particolato lungo 20 micron identificato nel cosiddetto “vaccino” Pfizer. È composto da carbonio, ossigeno, cromo, zolfo, alluminio, cloruro e azoto.

Le figure 13 e 14 di seguito mostrano una micrografia di diversi micro e nano particolati che sono stati identificati nei cosiddetti “vaccini” di Pfizer, Moderna, Astrazeneca e Janssen e analizzati al microscopio elettronico a scansione ambientale (SEM) accoppiato con un x- microsonda a raggi di un sistema a dispersione di energia (EDS) che rivela la dimensione dell’articolo, la distribuzione della composizione e la natura chimica dei micro e nano particolati osservati sotto osservazione.

Ci sono parassiti nei “vaccini” Pfizer?

Un corpo allungato di 50 micron, come mostrato nella Figura 13, è una presenza misteriosa e acuta nel vaccino Pfizer. Appare ed è identificato anatomicamente come un parassita Trypanosoma cruzi di cui diverse varianti sono letali ed è una delle tante cause di sindrome da immunodeficienza acquisita o AIDS. [Atlas of Human Parasitology, 4a edizione, Lawrence Ash e Thomas Orithel, pagine da 174 a 178 ][9]

La Figura 13 mostra un Parassita Trypanosoma di circa 20 micron di lunghezza trovato nel cosiddetto “vaccino” Pfizer. È composto da carbonio, ossigeno, cromo, zolfo, alluminio, cloruro e azoto.

Una microscopia a contrasto di pHasi del sangue vivo del parassita Trypanosoma cruzi[9]

La Figura 14 identifica una composizione di nanoparticelle tra cui carbonio, ossigeno, cromo, zolfo, alluminio, cloruro e azoto presenti anche nei “vaccini” CoV-19.

La figura 13 identifica un composto di nanoparticelle

Le figure 15 e 16 di seguito mostrano una micrografia di diversi micro e nano particolati che sono stati identificati e analizzati con un microscopio elettronico a scansione ambientale (SEM) accoppiato con una microsonda a raggi X di un sistema a dispersione di energia (EDS) che rivela la natura chimica di i micro e nano particolati osservati e la loro morfologia.

Il particolato bianco lungo 2 micron è composto da bismuto, carbonio, ossigeno, alluminio, sodio, rame e azoto.

La Figura 15 mostra il particolato nano e micron identificato nel “vaccino” Pfizer. Il particolato bianco lungo 2 micron è composto da bismuto, carbonio, ossigeno, alluminio, sodio, rame e azoto.

La Figura 16 mostra che il particolato bianco di 2 micron trovato nel cosiddetto “vaccino” Pfizer è composto da bismuto, carbonio, ossigeno, alluminio, sodio, rame e azoto.

Le figure 17 e 18 mostrano l’identificazione di particolato organico di carbonio, ossigeno e azoto con un aggregato di nanoparticelle incorporate tra cui bismuto, titanio, vanadio, ferro, rame, silicio e alluminio che sono stati tutti trovati nel cosiddetto “vaccino” Pfizer.

La Figura 17 – mostra un aggregato organico (Carbon-Oxygen-Nitrogen) con nanoparticelle incorporate di bismuto, titanio. vanadio. ferro, rame, silicio, alluminio incorporati nel “vaccino!” Pfizer

La Figura 18 – mostra un aggregato organico (Carbon-Oxygen-Nitrogen) con nanoparticelle incorporate di bismuto, titanio. vanadio. ferro, rame, silicio, alluminio incorporati nel “vaccino!” Pfizer

L’Astrazeneca “Vaccino” Ingredienti non divulgati

Le figure 19 e 20 mostrano un aggregato ingegnerizzato di ferro, cromo e nichel noto anche come acciaio inossidabile di micro e nano particelle incorporate e identificate nel “vaccino” Astrazeneca visualizzato al microscopio elettronico a trasmissione (TEM) e quantificato con una microsonda a raggi X di un sistema di dispersione dell’energia che rivela la natura chimica dei micro e nano particolati osservati e la loro morfologia.

Figura 19 – Aggregato ingegnerizzato di ferro, cromo e nichel noto anche come acciaio inossidabile.

La Figura 20 mostra le particelle di nanoparticelle quantificate nel “vaccino” Astrazeneca con una microsonda a raggi X di un sistema a dispersione di energia che rivela la natura chimica delle micro e nano particelle osservate.

Utilizzando lo strumento XRF (fluorescenza a raggi X) è stato utilizzato per valutare gli adiuvanti nel “vaccino” Astrazeneca , che ha identificato le seguenti molecole di istidina, saccarosio, polietilenglicole (PEG) e alcol etilico, contenute anche nel Pfizer e Moderna “vaccini”. I risultati di questo test possono essere visualizzati nella Figura 20.[10]

L’iniezione di PEG e alcol etilico sono entrambi noti come cancerogeni e genotossici.[10] Il PEG era l’unico coadiuvante dichiarato nella scheda tecnica che elencava gli ingredienti del “vaccino” Astrazeneca ma contenuto nei “vaccini” Pfizer e Moderna .

La Figura 21 identifica lo spettro degli adiuvanti del vaccino AstraZeneca. Vengono utilizzati colori diversi per le quattro molecole identificate mediante spettri di riferimento. La concentrazione relativa è calcolata sugli integrali dei segnali di riferimento per le molecole in uno spettro quantitativo acquisito con un duty cycle di 5 secondi con il T1 calcolato più lungo di 5 secondi.

Gli ingredienti non divulgati del “vaccino” Janssen

Le figure 22 e 23 mostrano un aggregato organico-inorganico identificato nel “vaccino” Janssen. Le particelle sono composte da acciaio inossidabile e sono incollate insieme con una “colla a base di carbonio” di ossido di grafene ridotto.[11] Questo aggregato è altamente magnetico e può innescare la coagulazione del sangue patologica e la creazione dell'”Effetto Corona” o “L’effetto della proteina Spike” dalla degenerazione della membrana cellulare dovuta alle interazioni con altri dipoli.[11] È possibile visualizzare queste reazioni biologiche o trasformazioni cellulari nel sangue vivo sotto pHase Contrast e Dark Field Microscopy nelle Figure 24, 25 e 26. [1][12]

Figura 22 Aggregazione in acciaio inossidabile di carbonio, ossigeno, ferro e nichel tenuti insieme con ossido di grafene

La figura 23 mostra elementi di carbonio, ossigeno, ferro e nichel tenuti insieme all’ossido di grafene.

L’Effetto Corona e l’Effetto Spike Protein

L'”effetto corona” e la “proteina spike” creati in modo endogeno SONO causati da avvelenamento da sostanze chimiche e radiazioni da ossido di grafene ridotto e radiazioni a microonde![12]

Figura 24 “L’effetto corona” e la creazione endogena di esosomi a causa di avvelenamento chimico e da radiazioni dei fluidi vascolari e interstiziali.
La figura 25 mostra “l’effetto corona” e la nascita endogena di picchi proteici S1 causati da radiazioni e avvelenamento chimico o quello che io chiamo “effetto picco proteico”

Figura 26 Questa micrografia mostra la creazione endogena della “proteina Spike” come un’infezione e NON e un’infezione!

Le Figure 24 e 25 sopra mostrano ‘L’EFFETTO CORONA’ sui globuli rossi con la Figura 26 che mostra ‘L’EFFETTO PROTEINA SPIKED’ sia causato da acidosi scompensata dei fluidi interstiziali e poi vascolari da uno stile di vita acido e in particolare, esposizione a elettroni pulsanti tossici -campi magnetici a 2,4 GHz o superiori, avvelenamento chimico dal cibo e dall’acqua ingeriti, inquinamento atmosferico acido tossico e per finire un’inoculazione di CoV – 19 carica di particelle chimiche nane! Per favore controlla i tuoi sentimenti e le tue false credenze alla porta prima di farti del male prematuramente![12]

Gli ingredienti non divulgati del “vaccino” di Moderna

Le figure 26 e 27 identificano un’entità mista di materia organica e inorganica contenuta nel “vaccino” di Moderna.

La microscopia elettronica a trasmissione (TMS) e quantificata con una microsonda a raggi X di un sistema a dispersione di energia (EDS) ha rivelato la natura chimica dei micro e nano particolati osservati.

Il cosiddetto “vaccino” Moderna è un substrato di ossido di grafene ridotto a base di carbonio in cui sono incorporate alcune nanoparticelle. Le nanoparticelle sono composte da carbonio, azoto, ossigeno, alluminio, rame, ferro e cloro.[13]

Figura 26 La microscopia elettronica a trasmissione rivela un composto di ossido di grafene di materia organica e non organica incorporata

La Figura 27 rivela il nanoparticolato citotossico incorporato

Le figure 27 e 28 mostrano un’analisi che è stata eseguita anche sotto la microscopia elettronica a trasmissione (TEM) e quantificata con una microsonda a raggi X di un sistema a dispersione di energia (EDS) e ha rivelato la natura chimica dei micro e nano particolati osservati. Molti corpi estranei sono stati identificati con una morfologia sferica con alcune cavità a forma di bolla.

La Figura 29 mostra che sono composti da carbonio, azoto, ossigeno, silicio, piombo, cadmio e selenio. Questa composizione di nanoparticelle altamente tossiche sono punti quantici di seleniuro di cadmio che sono citotossici e genotossici.[14][15]

La figura 27 rivela i nano punti nell’ossido di grafene trovato nel “vaccino” di Moderna

La figura 28 rivela i nano punti nell’ossido di grafene trovato nel “vaccino” di Moderna

La Figura 29 rivela il composto citotossico e genotossico di nanoparticelle nell’ossido di grafene trovato nel “vaccino” di Moderna

Le figure 30 e 31 ulteriori analisi del cosiddetto “vaccino” Moderna hanno mostrato un simplasto di 100 micron di composto di nanoparticolato ridotto di ossido di grafene. L’rGO è composto da carbonio e ossigeno con contaminazione di nanoparticelle di azoto, silicio, fosforo e cloro Cloro.[16]

Figura 30 La microscopia elettronica a trasmissione rivela un grande composto Symplast da 100 micron di ossido di grafene

La figura 31 rivela il complesso del nanoparticolato contenuto nel “vaccino” di Moderna

Le figure 32 e 33 mostrano entità ridotte di ossido di grafene a base di carbonio nel “vaccino” Moderna mescolate con aggregati riempiti con nanoparticelle di silicato di alluminio.[17]

La figura 32 rivela un complesso di ossido di grafene e silicato di alluminio utilizzando la microscopia elettronica a trasmissione

La figura 33 rivela i nano elementi di ossido di grafene e silicato di alluminio contenuti nel “vaccino” di Moderna

Discussione

La pandemia SARS-CoVid-2-19 ha indotto le industrie farmaceutiche a sviluppare nuovi farmaci che hanno chiamato vaccini.

Il meccanismo d’azione di questi nuovi farmaci come dichiarato dall’industria farmaceutica insieme a quanto riportato nella scheda tecnica dei prodotti vaccinali NON è chiaro per gli attuali esperti di medicina per capire che quei nuovi farmaci prodotti da Pfizer–BioNTech mRNA Vaccine , il Moderna -Lonza mRNA-1273 Vaccino , il Serum Institute di Oxford Astrazeneca vaccino e la Janssen COVID -19 vaccino , prodotto da Janssen Biotech Inc., Janssen Pharmaceutical Company di Johnson & Johnson sono NON vaccini ma farmaci nanotecnologici che lavorano come terapia genetica.

Il nome “vaccino” è verosimilmente un escamotage (inganno) usato per ragioni burocratiche e tecnocratiche per ottenere un’approvazione urgente, ignorando tutte le normali regole necessarie per i nuovi farmaci, specialmente per quelli che coinvolgono nuovi meccanismi nanotecnologici che non sono mai stati sviluppati né sperimentato dagli umani in nessun luogo, in nessun momento della storia del mondo.

Tutti questi cosiddetti “vaccini” sono brevettati e quindi il loro contenuto effettivo è tenuto segreto anche agli acquirenti, che ovviamente utilizzano i soldi dei contribuenti. Quindi, i consumatori (contribuenti) non hanno informazioni su ciò che stanno ricevendo nei loro corpi per vaccinazione. L’umanità è tenuta all’oscuro per quanto riguarda i processi tecnologici del nanoparticolato coinvolti, sugli effetti negativi sulle cellule del corpo, ma soprattutto sul possibile effetto magneticotossico, citotossico e genotossico di nano-biointerazione sul sangue e sul corpo cellule.

Questo attuale studio di ricerca attraverso l’analisi diretta sui suddetti cosiddetti “vaccini” per mezzo di strumentazione tecnologica a nanoparticolato rivela informazioni inquietanti e che alterano la vita riguardanti la verità sull’effettivo contenuto acido tossico dei cosiddetti vaccini.

I farmaci Pfizer, Moderna, Astrazeneca e Janssen NON sono “vaccini” ma aggregati di nanoparticelle complesse di ossido di grafene di vari nano elementi attaccati ad acidi nucleici geneticamente modificati di mRNA da cellule animali o cellule fetali umane abortite come visto e descritto sopra. Ancora una volta gli ingredienti di questi cosiddetti vaccini sono altamente magnetici tossici, citotossici e genotossici per le membrane delle cellule di piante, insetti, uccelli, animali e cellule umane e la loro genetica, il che ha già portato a lesioni gravi (stimate in oltre 500 milioni) e/o eventuale morte (stimata in oltre 35 milioni).[17][18] attraverso [55]

I cosiddetti “esperti” o “savant medici” TI stanno dicendo che i vaccini CoV -2 – 19 sono l’UNICO modo per fermare la diffusione del CoV-19… anche quando NON ci sono PROVE della sua esistenza e NESSUNA PROVA di si diffonde come determinata dal metodo scientifico dei postulati di Koch o di Rivers![54]

Che sono sicuri , nonostante le prove documentate siano contrarie…[54]

Che sono efficaci , anche se milioni di persone “doppiate” si ammalano, esponendosi teoricamente a un VIRUS INESISTENTE chiamato CoV – 19 e morendo… [55] NON per qualche infezione virale fantasma ma per la PAURA o false prove che sembrano reali e il contenuto di acido tossico dell’ossido di grafene ridotto viene consegnato tramite l’mRNA geneticamente modificato a bersagli specifici del corpo umano portando a coagulazione del sangue patologica, privazione di ossigeno, ipercapnia, ipossia e quindi morte per soffocamento.[56][57 ][58]

Che DEVI ottenere ALMENO due colpi più “booster” per vivere “vite normali”…

E presto, ti diranno che non hai altra scelta che rispettare TUTTI i loro MANDATI anche quando il CDC e altri governi, università e istituti medici hanno ammesso per iscritto di NON avere un isolamento “GOLD STANDARD” del CoV – 2 ora chiamato virus CoV – 19![55]

NON esiste CORONA VIRUS e NON C’E’ MAI STATO![56]

Ricorda …

NON PERMETTERE A NESSUNO DI TOGLIERTI LA SALUTE E LA LIBERTA’!

È il TUO corpo, la TUA vita e la TUA scelta!

Sapere è potere. Ed è la chiave per capire perché i vaccini sperimentali CoV-19 sono così pericolosi, nonostante la narrativa ufficiale dei media aziendali che sopprime e censura chiunque osi parlare.

Hai il controllo della tua salute. Non cadere vittima dei governi globali e dei burocrati che spingono tutti a farsi vaccinare. Il miliardario “filantropo” Bill Gates e gli attivisti miliardari della Big Tech pensano di sapere cosa è meglio per te e la tua famiglia.

Riferimenti

[1] Ou, L., Song, B., Liang, H. et al. Tossicità delle nanoparticelle della famiglia del grafene: una rassegna generale delle origini e dei meccanismi. Parte Fibre Toxicol 13, 57 (2016). https://doi.org/10.1186/s12989-016-0168-y

[2] Young RO (2016) Coagulazione ematica patologica e test da stress ossidativo micotossico (MOST). Int J Vaccini Vaccin 2(6): 00048. DOI: 10.15406/ijvv.2016.02.00048

[3] Xu et al, (2019) Identificazione dell’ossido di grafene e delle sue caratteristiche strutturali nei solventi mediante microscopia ottica, RSC Adv., 9, 18559-18564

Kit 1-Estrazione RNA https://www.fishersci.es/shop/products/ambion-purelink-rna-mini-kit7/10307963

2- NanoDrop™ https://www.thermofisher.com/order/catalog/product/ND-2000#/ND-2000

3- QUBIT2.0: https://www.thermofisher.com/es/es/home/references/newsletters-andjournals/bioprobes-journal-of-cell-biology-applications/bioprobes-issues-2011/bioprobes-64- aprile2011/il-qubit-2-0-fluorometro-aprile-2011.html

[4] Muestra RD1, Rapporto La Quinta Columna, 28 giugno 2021; rilevamento dell’ossido di grafene in sospensione acquosa; Delgado Martin, Campra Madrid.

[5] Kim et al, Seeing sheet-based a base di grafene, Materials Today, Volume 13, Issue 3,2010, Pages 28-38,ISSN 1369-7021, https://doi.org/10.1016/S1369-7021(10) 70031-6

[6] Bano, I. et al, 2019. Esplorazione delle proprietà di fluorescenza dell’ossido di grafene ridotto con prestazioni del dispositivo sintonizzabili,Diamond and Related Materials,Volume 94,59-64,ISSN 0925-9635,https://doi.org/ 10.1016/j.diamond.2019.02.021.

[7] Biroju, Ravi e Narayanan, Tharangattu e Vineesh, Thazhe Veettil. (2018). Nuovi progressi nell’elettrochimica 2D: catalisi e rilevamento. 10.1201/9781315152042-7.

[8] Choucair, M., Thordarson, P. & Stride, J. Produzione su scala Gram di grafene basata sulla sintesi solvotermica e sulla sonicazione. Nature Nanotech 4, 30-33 (2009). https://doi.org/10.1038/nnano.2008.365

[9] Atlante di parassitologia umana, 4a edizione, Lawrence Ash e Thomas Orithel, pagine da 174 a 178

[10] Mano, SS; Kanehira, K.; Sonezaki, S.; Taniguchi, A. Effetto della modifica del glicole polietilenico delle nanoparticelle di TiO2 sulla citotossicità e sulle espressioni geniche nelle linee cellulari umane. Int. J. Mol. Sci. 2012 , 13 , 3703-3717. https://doi.org/10.3390/ijms13033703

[11] Srivastava AK, Dwivedi N, Dhand C, et al. Potenziale dei materiali a base di grafene per combattere il COVID-19: proprietà, prospettive e prospettive. Mater Today Chem . 2020;18:100385. doi:10.1016/j.mtchem.2020.100385

[12] Young, RO, ” Gli effetti delle frequenze elettromagnetiche (EMF) sul sangue e sul terreno biologico”. https://www.drrobertyoung.com/post/the-effects-electromagnet-frequencies-on-the-blood-and-biological-terrain

[13] Gatti AM, Manti A, Valentini L, Montanari S, Gobbi P, et al. (2016) Nano biointerazione del particolato nella circolazione sanguigna. Frontiere 30: 3.

[14] Nikazar, S., Sivasankarapillai, VS, Rahdar, A. et al. Rivisitare la citotossicità dei punti quantici: una panoramica approfondita. Biophys Rev 12, 703–718 (2020). https://doi.org/10.1007/s12551-020-00653-0

[15] Ritesh Banerjee, Priya Goswami, Manoswini Chakrabarti, Debolina Chakraborty, Amitava Mukherjee, Anita Mukherjee, i punti quantici di seleniuro di cadmio (CdSe) causano genotossicità e stress ossidativo nelle piante di Allium cepa, Mutation Research/Genetic Toxicology, Volume 865 2021, 503338,ISSN 1383-5718, https://doi.org/10.1016/j.mrgentox.2021.503338.

[16] Wanjun Cao, Lin He, Weidong Cao, Xiaobing Huang, Kun Jia, Jingying Dai, Recenti progressi dell’ossido di grafene come potenziale portatore di vaccini e adiuvante, Acta Biomaterialia, Volume 112, 2020, pagine 14-28, ISSN 1742- 7061, https://doi.org/10.1016/j.actbio.2020.06.009. (https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1742706120303305)

[17] Enciclopedia concisa dei materiali compositi, ed. Anthony Kelly, MIT Press, 1989, ISBN 0-262-11145-4

[18] L. Harivardhan Reddy, José L. Arias, Julien Nicolas e Patrick Couvreur, “Nanoparticelle magnetiche: progettazione e caratterizzazione, tossicità e biocompatibilità, applicazioni farmaceutiche e biomediche”. Recensioni chimiche 2012 112 (11), 5818-5878 DOI: 10.1021/cr300068p

[19] Aggiornamento del rapporto del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (1996): effetti collaterali del vaccino, reazioni avverse, controindicazioni e precauzioni. CDC 45 (RR-12): 1-35.

[20] Ottaviani G, Lavezzi AM, Matturri L (2006) Sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS) subito dopo la vaccinazione esavalente: patologia in sospetta SIDS? Arco di Virchows 448(1): 100-104.

[21] Taylor B, Miller E, Farrington CP, Petropoulos MC, Favot-Mayaud I, et al. (1999) Autismo e vaccino contro il morbillo, la parotite e la rosolia: nessuna prova epidemiologica per un’associazione causale. Lancetta 353(9169): 2026-2029.

[22] Demicheli V, Rivetti A, Debalini MG, Di Pietrantonj C (2012) Vaccini per morbillo, parotite e rosolia nei bambini. Cochrane Database Syst Rev 15(2): CD004407. Nuove indagini di controllo qualità sui vaccini: micro e nanocontaminazione 13/13 Copyright: ©2016 Gatti et al. Citazione: Gatti AM, Montanari S (2016) New Quality-Control Investigations on Vaccines: Micro- and Nanocontamination. Vaccini Int J Vaccin 4(1): 00072. DOI: 10.15406/ijvv.2017.04.00072

[23] Carola Bardage, Ingemar Persson, Åke Örtqvist, Ulf Bergman, Jonas F Ludvigsson, et al. (2011) Disturbi neurologici e autoimmuni dopo la vaccinazione contro l’influenza pandemica A (H1N1) con un vaccino adiuvato monovalente: studio di coorte basato sulla popolazione a Stoccolma, Svezia. BMJ 343: d5956.

[24] Johann Liang R (2012) Aggiornamento della tabella delle lesioni da vaccino a seguito del rapporto IOM 2011 sugli effetti avversi dei vaccini. HRSA, pp. 1-27.

[25] L Tomljenovic, CA Shaw (2011) Adiuvanti per vaccini in alluminio: sono sicuri? Chimica farmaceutica attuale 18(17): 2630-2637.

[26] Shaw CA, Petrik MS (2009) Le iniezioni di idrossido di alluminio portano a deficit motori e degenerazione dei motoneuroni. J Inorg Biochem 103(11): 1555-1562.

[27] Authier FJ, Sauvat S, Christov C, Chariot P, Raisbeck G, et al. (2006) La miofascite macrofagica indotta da vaccino adiuvato da AlOH3 nei ratti è influenzata dal background genetico. Disturbo neuromuscolare 16(5): 347-352.

[28 ] Exley C, Esiri MM (2006) Grave angiopatia congofila cerebrale coincidente con un aumento dell’alluminio cerebrale in un residente di Camelford, Cornovaglia, Regno Unito. J Neurol Neurosurg Psichiatria 77(7): 877-879.

[29] Wills MR, Savory J (1985) Contenuto d’acqua di alluminio, demenza da dialisi e osteomalacia. Prospettiva della salute dell’ambiente 63: 141-147.

[30] Brinth L, Pors K, Theibel AC, Mehlsen J (2015) Sospetti effetti collaterali del vaccino quadrivalente per il papilloma umano. Medico danese J 62(4): 1-12.

[31] Palmieri B, Poddighe D, Vadalà M, Laurino C, Carnovale C, et al. (2016) Sindromi somatoformi e disautonomiche gravi dopo vaccinazione HPV: serie di casi e revisione della letteratura. Immunolo Res.

[32] Visani G, Manti A, Valentini L, Canonico B, Loscocco F, et al. (2016) Le nanoparticelle ambientali sono significativamente sovraespresse nella leucemia mieloide acuta. Leuk Ris 50: 50-56.

[33] Artoni E, Sighinolfi GL, Gatti AM, Sebastiani M, Colaci M, et al. (2016) Micro e nanoparticelle come possibili cofattori patogenetici nella crioglobulinemia mista. Medicina del lavoro.

[34] T Hansen, L Klimek, F Bittinger, I Hansen, A Gatti, et al. (2008) Reiche dei mastociti Granuloma di alluminio Pathologe 29(4): 311-313.

[35] Gatti AM, Manti A, Valentini L, Montanari S, Gobbi P, et al. (2016) Nano biointerazione del particolato nella circolazione sanguigna. Frontiere 30: 3.

[36] Tenzer S, Docter D, Rosfa S, Wlodarski A, Kuharev J, et al. (2011) La dimensione delle nanoparticelle è un determinante fisico-chimico critico della corona del plasma sanguigno umano: un’analisi proteomica quantitativa completa. ACS Nano 5(9): 7155-167.

[ 37] Radauer Preiml, Andosch A, Hawranek T, Luetz-Meindl U, Wiederstein M, et al. (2015) Le interazioni tra nanoparticelle e allergeni mediano le risposte allergiche umane: caratterizzazione della corona proteica e risposte cellulari. Tossicologia delle fibre 13: 3.

[38] Cedervall T, Lynch I, Lindman S, Berggård T, Thulin E, et al. (2016) Comprensione della corona nanoparticella-proteina utilizzando metodi per quantificare i tassi di cambio e le affinità delle proteine ​​per le nanoparticelle. PNAS 104 (7): 2050-2055.

[39] Lynch I, Cedervall T, Lundqvist M, Cabaleiro-Lago C, Linse S, et al. (2007) Il complesso nanoparticella-proteina come entità biologica; una sfida complessa per i fluidi e la scienza delle superfici per il 21° secolo. Progressi nella scienza dei colloidi e delle interfacce 134-135: 167-174.

[40] Gatti AM, Quaglino D, Sighinolfi GL (2009) Un approccio morfologico per monitorare l’interazione nanoparticella-cellula. Giornale internazionale di imaging e robotica 2: 2-21.

[41] Urban RM, Jacobs JJ, Gilbert JL, Galante JO (1994) Migrazione di prodotti di corrosione da protesi d’anca modulari. Microanalisi delle particelle e reperti istopatologici. Il giornale di chirurgia ossea e articolare 76 (9): 1345-1359.

[42] Kirkpatrick CJ, Barth S, Gerdes T, Krump-Konvalinkova V, Peters (K 2002) Patomeccanismi di alterata guarigione delle ferite da prodotti di corrosione metallica. Mund Kiefer Gesichtschir 6(3): 183-190.

[43] Lee SH, Brennan FR, Jacobs JJ, Urban RM, Ragasa DR, et al. (1997) Risposta dei monociti/macrofagi umani ai prodotti di corrosione del cromo-cobalto e alle particelle di titanio in pazienti con protesi articolari totali. J Orthop Ris. 15(1): 40-49.

[44] Shaw CA, Seneff S, Kette SD, Tomljenovic L, Oller Jr JW, et al. (2014) Entropia indotta dall’alluminio nei sistemi biologici: implicazioni per le malattie neurologiche. Journal of Toxicology 2014: 491316.

[45] Shaw CA, Kette SD, Davidson RM, Seneff S (2013) Ruolo dell’alluminio nelle interazioni del sistema immunitario del SNC che portano a disturbi neurologici. Ricerca immunologica 9: 069.

[46] Seneff S, Swanson N, Chen Li (2015) L’alluminio e il glifosato possono indurre sinergicamente la patologia della ghiandola pineale: connessione alla disbiosi intestinale e alla malattia neurologica. Scienze Agrarie 6(1): 42- 70.

[47] Pegaz B, Debefve E, Ballini JP, Konan-Kouakou YN, van den Bergh HJ (2006) Effetto della dimensione delle nanoparticelle sugli stravasi e sull’attività fototrombica della meso(p-tetracarbossifenil)porfirina. J Photochem Photobiol B 85(3): 216-222.

[48] Brinth LS, Pors K, Hoppe AG, Badreldin I, Mehlsen J (2015) La sindrome da stanchezza cronica/encefalomielite mialgica è una diagnosi rilevante in pazienti con sospetti effetti collaterali del vaccino contro il papilloma virus umano? Rivista internazionale di vaccini e vaccinazione 1 (1): 1-5.

[49] Moos WH, Faller DV, Harpp DN, Kanara I, Pernokas J, et al. (2016) Microbiota e disturbi neurologici: una sensazione intestinale. Biores Open Access 5(1): 137-145.

[50] Sekirov I, Russell SL, Caetano L, Antunes M, Brett (2010) Microbiota intestinale in salute e malattia. Rev fisiologico 90(3): 859-904.

[51] Umbrello G, Esposito S (2016) Microbiota e malattie neurologiche: potenziali effetti dei probiotici. J Transl Med 14(1): 298.

[52] Kinoshita T, Abe RT, Hineno A, Tsunekawa K, Nakane S, et al. (2014) Disfunzione del nervo simpatico periferico nelle ragazze adolescenti giapponesi dopo l’immunizzazione con il vaccino contro il papillomavirus umano. Intern Med 53(19): 2185-2200.

[53] Zhang L, Richards A, Khalil A, Wogram E, Ma H, Young RA, Jaenisch R. SARS-CoV-2 RNA retrotrascritto e integrato nel genoma umano. bioRxiv [Prestampa]. 2020 dic 13:2020.12.12.422516. doi: 10.1101/2020.12.12.422516. PMID: 33330870; PMCID: PMC7743078.

[54] Young, RO, ” Dimentica tutto il resto! Guarda i NUMERI DEL VAER su infortuni e morti!”. https://www.drrobertyoung.com/post/forget-everything-else-you-ve-heard-just-look-at-the-numbers5

[55] Young, RO, ” CDC ORA non ammette ‘Gold Standard’ per l’isolamento di QUALSIASI virus!” https://www.drrobertyoung.com/post/cdc-now-admits-no-gold-standard-for-the-isolation-for-any-virus

[56] Young, RO, ” La genesi della sindrome respiratoria acuta grave (sindrome) o SARS e virus corona o COVID – 19.” https://www.drrobertyoung.com/post/the-genesis-of-severe-acute-respiratory-syndrome-or-sars-corona-virus-or-covid-19

[57] Young, RO, ” Quali sono le cause della privazione di ossigeno del sangue (DIC) e quindi dei polmoni (SARS – CoV 2 e 19)?” https://www.drrobertyoung.com/post/what-causes-oxygen-deprivation

[58] Young RO, Migalko G (2020) Quali sono le cause della privazione di ossigeno del sangue (DIC) e quindi dei polmoni (SARS – CoV 2 e 12)?. Integ Mol Bio Biotechnol 1: 001-007. http://sciaeon.org/articles/What-Causes-Oxygen-Deprivation-of-the-Blood-DIC-and-Then-Lungs-SARS-CoV2and12.pdf

[59] Young RO (2016) Chi aveva il dito sulla magia della vita – Antoine Bechamp o Louis Pasteur?. Int J Vaccini Vaccin 2(5): 00047. DOI: 10.15406/ijvv.2016.02.00047

Ecco il file pdf per l’articolo di cui sopra per il quale puoi condividere con tutti coloro che ami e a cui tieni:

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita). Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

4.8 5 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments