Quantcast
Database Italia

SUL CONTENUTO DEL LAPTOP DI HUNTER BIDEN

Jack Maxey dice a LifeSite che il laptop fornisce una “visione oscura” della pressione che la famiglia Biden stava esercitando su Hunter per essenzialmente “monetizzare l’ufficio di Joe Biden”.


Jack Maxey, ex co-conduttore di War Room di Steve Bannon, racconta delle sue ricerche sul laptop Hunter Biden.

Nei mesi che circondano le elezioni e in seguito, mentre molti attuali ed ex leader di governo negli Stati Uniti stavano etichettando come “FALSE” le informazioni contenute nel laptop, Maxey, Rudy Guiliani e molti altri hanno spinto fuori la verità sulla corruzione nella famiglia Biden. Maxey dice che, sebbene i contenuti siano stati bollati come falsi e siano stati persino chiamati “disinformazione russa”, il laptop è stato confermato come “100% reale” da “diversi agenti della CIA… un ex appaltatore della NSA, e esperti di sicurezza informatica. “

Tuttavia, come dice Maxey, molte agenzie governative, compreso l’FBI, conoscevano bene “tutto ciò che c’è in questo laptop da quasi un anno e mezzo”, e tuttavia non lo hanno rivelato al popolo americano durante un ciclo elettorale con uno dei i principali candidati che sarebbe stato compromesso da tali informazioni.

Maxey descrive in dettaglio parte della corruzione morale di Hunter Biden e come la sua famiglia non lo abbia denunciato alle autorità per il suo comportamento sessuale e violento sui minori. Dice che il laptop fornisce “una visione oscura” della pressione che la famiglia Biden stava esercitando su Hunter per, essenzialmente “monetizzare l’ufficio di Joe Biden”.

Inoltre, Maxey menziona come Hunter Biden non abbia mai negato le accuse di abusi sui minori. Ha anche raccontato alcune prove specifiche di come esattamente Hunter Biden, e a sua volta tutta la sua famiglia, fossero coinvolti in loschi affari in Ucraina, Cina comunista e in molti altri paesi.

Maxey afferma che per l’America “la vera minaccia è che Joe Biden non è responsabile del paese”, ma invece è un burattino per la comunità dell’intelligence che ha tenuto nascoste le informazioni del laptop di Hunter Biden dal popolo americano. Inoltre, dice che se la gente avesse conosciuto questo alto livello di corruzione, Biden non sarebbe stato nemmeno scelto come candidato democratico, e che un presidente Biden “sfida davvero la logica a meno che non abbia avuto aiuto”.

Mentre ha passato mesi a setacciare e ricercare il laptop, gran parte del quale contiene materiale pornografico, Maxey dice: “ci sono stati molti momenti durante tutta questa esperienza in cui mi si sono sentito avvolto nell’oscurità …



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.