Home Deep State RUSSIA E CINA PER LANCIARE UN “ORDINE MONDIALE EQUO”

RUSSIA E CINA PER LANCIARE UN “ORDINE MONDIALE EQUO”

11
0

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov si incontrerà mercoledì con il suo omologo cinese, Wang Yi, per la prima volta da quando Mosca ha lanciato la sua campagna militare in Ucraina il 24 febbraio. A differenza della maggior parte delle nazioni occidentali e di alcuni paesi asiatici, Pechino ha rifiutato di condannare Mosca e ha respinto le richieste di imporre sanzioni.

I paesi vicini lavoreranno per raggiungere “un ordine mondiale multipolare, equo e democratico”, ha detto Lavrov dopo essere arrivato a Tunxi, una città nella provincia orientale dell’entroterra cinese di Anhui, mercoledì. La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha postato una foto dei due ministri che si salutano con un colpo di gomito.

Pechino ha sostenuto che le restrizioni economiche interrompono il commercio mondiale e non risolveranno il conflitto. I funzionari insistono che solo il dialogo e la diplomazia possono portare alla pace.

La TASS ha citato Wang dicendo che nonostante “le nuove sfide” ai legami tra le due nazioni, “la volontà di entrambe le parti di sviluppare le relazioni bilaterali è diventata ancora più forte”.

Il ministro ha detto questo mese che le relazioni della Cina con la Russia è “una delle relazioni bilaterali più cruciali nel mondo”, e ha salutato l’amicizia tra la coppia come “di ferro”.

Tunxi ospiterà un summit sull’Afghanistan giovedì, a cui parteciperanno Stati Uniti, Russia e Pakistan. Le truppe americane e altre occidentali hanno lasciato il paese l’anno scorso dopo più di 20 anni di occupazione, mentre il gruppo militante talebano è tornato al potere a Kabul.

Mosca ha attaccato l’Ucraina alla fine di febbraio, dopo una situazione di stallo di sette anni per la mancata attuazione da parte di Kiev dei termini degli accordi di Minsk, e l’eventuale riconoscimento da parte della Russia delle repubbliche del Donbass di Donetsk e Lugansk. Il protocollo di Minsk, mediato da Germania e Francia, è stato progettato per regolarizzare lo status delle regioni all’interno dello stato ucraino.

La Russia ha ora chiesto che l’Ucraina si dichiari ufficialmente un paese neutrale che non si unirà mai al blocco militare della NATO guidato dagli Stati Uniti. Kiev dice che l’offensiva russa è stata completamente non provocata e ha negato le affermazioni che stava progettando di riprendere le due repubbliche con la forza.

Fonte: RussiaToday

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleVIDEO | ZELENSKYY ELOGIA LA FIGURA DEL CRIMINALE DI GUERRA E TERRORISTA STEPAN BANDERA
Next articleIL DOLLARO DIGITALE 1 – I SUOI SVILUPPATORI E IL SUO CONTRIBUTO AL GRANDE RESET