Quantcast
Database Italia

Russia. Nuovo trattamento con luce UV iniettata per combattere il Coronavirus e altre malattie.

Gli scienziati russi stanno sviluppando un trattamento per il coronavirus che utilizza la luce ultravioletta (UV) per disinfettare il corpo dall’interno, ha detto Andrei Goverdovsky, dell’agenzia nucleare statale Rosatom.

Di Davide Donateo

In un’intervista con Country Rosatom, la addetta stampa dell’agenzia, Goverdovsky ha affermato che gli scienziati dell’Istituto di fisica e ingegneria energetica (IPPE) stanno attualmente sviluppando metodi per combattere i virus, tra cui SARS-CoV-2, che causa COVID-19. Il progetto “gas luminoso”.

“Finora, nessuno è riuscito ad effettuare la disinfezione UV all’interno di una persona”, ha detto. “Abbiamo capito come fare. Selezioniamo molecole e componenti gassosi che inalati rimangono attivati ed emettono luce ultravioletta direttamente nei polmoni. Speriamo che oltre al coronavirus, il nostro metodo possa essere usato per trattare la tubercolosi, i tumori e altre malattie “.

Non sono disponibili ulteriori dettagli su come funziona la tecnica e su quali test siano stati eseguiti nell’ambito del progetto.

L’idea di mettere la luce UV all’interno del corpo per curare il coronavirus è stata evidenziata dal presidente Donald Trump durante una conferenza stampa in cui ha formulato una serie di controverse osservazioni riguardo alle possibili terapie COVID-19. Al briefing, il 23 aprile, Trump aveva chiesto ai suoi scienziati se fosse possibile fare qualcosa per iniettare un disinfettante direttamente per via endovenosa.

Fonte: Neewsweek

Una serie di studi iniziati nel 1998 dimostrano l’efficacia di questa cura per il trattamento di tantissime malattie. https://mankindresearchunlimited.weebly.com/ulltraviolet-blood-irradiation.html



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.